Clicks2.4K
it.news

Vescovo Gustavo Zanchetta: un altro scheletro nell'armadio di papa Francesco

Nuove accuse contro papa Francesco e il suo protetto, il vescovo Gustavo Zanchetta, sono state fatte in Argentina.

Zanchetta è andato in pensione nell'agosto del 2017 da vescovo di Orán, per "motivi di salute". Poco dopo, Francesco ha creato per lui una nuova carica all'Amministrazione del Patrimonio della Sede Apostolica.

Ora, El Tribuno de Salta ha scritto che Zanchetta è stato rimosso perché il suo stesso clero lo ha accusato di molestie omosessuali e di abuso di potere contro i suoi seminaristi, di età compresa tra i 20 e i 25 anni.

Zanchetta è anche sospettato di aver trasferito tre sacerdoti denuncianti, che avevano informato il Nunzio delle molestie sessuali di tre seminaristi e dell'abuso di potere contro altri dieci seminaristi tra il 2014 e il 2015.

Il Nunzio del tempo, l'arcivescovo svizzero Emil Paul Tscherrig, non ha fatto nulla. Francesco lo ha promosso nel settembre 2017 a Nunzio in Italia.

Zanchetta è anche accusato di aver messo a tacere sacerdoti usando fondi della diocesi per dar loro denaro, abiti e computer. I seminaristi molestati sono stati messi a tacere con un paio di pantofole, un computer portatile o abiti di importazione.

Le molestie avrebbero incluso masturbazione, palpeggiamenti, pressioni psicologiche e di potere, estorsioni ai seminaristi o adescamenti con regali.

Una delle prove inviate al Nunzio avrebbe compreso immagini di Zanchetta nudo, a volte accompagnato a un altro uomo. Le immagini erano state scambiate su un sito porno gay.

Ovviamente papa Francesco era pienamente a conoscenza delle molestie in corso ad Orán.

Zanchetta è stato tra i primi vescovi nominati da papa Francesco. Ora vivono insieme in Casa Santa Maria.

Foto: Gustavo Zanchetta, #newsBxkyqcdedm