Lingua
it.news 3

Il brutto lato della "Collegialità": vescovo Schneider deve informare il Nunzio prima di lasciare il paese

Marco Tossati ha pubblicato il 6 novembre ulteriori dettagli sul divieti di viaggiare imposto dal Vaticano al vescovo Athanasius Schneider.

Questa misura è stata presa nella primavera scorsa; il vescovo ha saputo di questa straordinaria misura restrittiva della sua libertà dal nunzio in Kazakhistan, Francis Assisi Chullikatt, ad aprile.

Ma – altro elemento singolare in questa vicenda – è che mons. Schneider ha avuto lettura della disposizione, impartita direttamente dal Segretario di Stato, il card. Pietro Parolin, solo verbalmente. Il nunzio non gli ha dato niente di scritto, nessun documento in base al quale il vescovo potesse prendere una qualche iniziativa legale

Schneider deve informare il Nunzio di qualunque viaggio all'estero intenda intraprendere.

Altri standard valgono per il controverso Cardinal Maradiaga, che viaggia sempre, pur essendo responsabile di una arcidiocesi.

#newsRuubuxumwz
Scrivi un commento
@fidelis eternis Bravo :-) noi nel nostro piccolo continuiamo ad implorarli (e continuiamo a pregare lo Spirito Santo che supplisca con un extra-dose di Suoi doni alle loro debolezze umane).
Però, ragionando secondo gli schemi umani, continuo a vedere ESTREMAMENTE improbabile che qualcosa del genere accada almeno fin tanto che Benedetto XVI e/o Francesco saranno viventi.
Il "partito cattolico" … Espandi
Se quei pochi vescovi e cardinali che ancora non sono stati infettati dal virus neomodernista ed accecati dall'orgoglio e dalla superbia si decidessero a prendere un'iniziativa decisa e pubblica, cioè a dichiarare vacante la prima sede ed eretico Bergoglio e tutti coloro che lo seguono e sono complici delle sue eretiche iniziative, allora vedremmo uno spiraglio di luce n questo tempo di tenebre, … Espandi
A Acchiappaladri piace questo.