언어
클릭 수
1.3천
it.news

Francesco nei guai per politici partigiani di sinistra

Nel suo documento per la Giornata del Migrante – pubblicato ora anche se è datato 14 gennaio 2018 – papa Francesco chiede che ai bambini dei migranti clandestini che sono nati nella nuova nazione venga concessa automaticamente la cittadinanza (isu soli). Questa richiesta è sostenuta dai partiti di sinistra ed ex comunisti.

Nel documento, Francesco mette la "sicurezza personale" contro la "sicurezza nazionale", sebbene vadano bene insieme, dicendo che la prima è sempre da anteporre alla seconda, una dichiarazione infelice, alla luce dei recenti attacchi terroristici di Barcellona.

Il politico italiano Matteo Salvini ha risposto a Francesco su Twitter: "Se papa Francesco vuole lo ius soli nel Vaticano, lasciateglielo". Salvini aggiunge che l'Italia concede 200.000 cittadinanze all'anno, diversamente dal Vaticano, che raramente concede passaporti a chiunque.

Toni Iwobi, un membro nigeriano del partito di Salvini Lega Nord accusa Francesco di essere uno degli architetti "di questa perfida invasione di finti rifugiati, e della pazza politica di apertura della porte all'immigrazione".

Iwobi aggiunge: "Papa Francesco è andato a Lampedusa a braccia aperte, invitando i disperati da tutto il mondo in Italia. Da ora in poi, chiunque arrivi qui sarà mandato direttamente in vaticano a spese della Chiesa e del pontefice. Matteo Salvini ha ragione, il nostro papa è Benedetto XVI".

Foto: © Jeffrey Bruno, Aleteia, CC BY-SA, #newsMnysxighkn