Clicks3.1K

Vuoi sconfiggere il demonio? Invoca il Nome di Maria! (Sant’Alfonso de Liguori)

Scrive sant’Alfonso Maria dei Liguori ne Le Glorie di Maria (capitolo 11):

Quante belle vittorie sui nemici hanno riportato i devoti di Maria in virtù del suo santo nome!

Così li vinse sant’Antonio da Padova, così il beato Enrico Suso, così tanti altri servi fedeli di Maria.

Leggiamo nelle relazioni dei missionari in Giappone che in quel paese apparvero a un cristiano molti demoni in forma di animali feroci per spaventarlo e minacciarlo, ma egli disse loro: « Io non ho armi che voi possiate temere; se l’Altissimo ve lo permette, fate di me quel che volete. In mia difesa ho soltanto i dolcissimi nomi di Gesù e di Maria ». Aveva appena detto ciò, che al suono dei temibili nomi la terra si aprì inghiottendo quegli spiriti superbi.

Sant’Anselmo attesta per sua esperienza di aver veduto e udito molti che pronunciando il nome di Maria sono stati subito liberati da ogni pericolo.

« O Maria, esclama san Bonaventura, glorioso e ammirabile è il tuo nome; quelli che lo pronunciano in punto di morte non temono l’inferno, poiché i demoni al sentir nominare Maria subito abbandonano l’anima». Il santo aggiunge che « i nemici visibili non temono un grande esercito di armati quanto le potestà dell’inferno temono il nome di Maria e la sua protezione ».

« Tu Signora, dice san Germano, con la sola invocazione del tuo nome onnipotente rendi sicuri i tuoi servi da tutti gli assalti del nemico ».

Se i cristiani avessero cura nelle tentazioni d’invocare con fiducia il nome di Maria, è certo che non cadrebbero in peccato.

Dice il beato Alano: « Fugge il demonio e trema l’inferno quando dico: Ave Maria ».

La nostra regina rivelò a santa Brigida che anche dai peccatori più induriti, più lontani da Dio e più posseduti dal demonio, il nemico fugge atterrito appena li sente invocare in loro aiuto, con sincera volontà di emendarsi, il nome di Maria. Ma la Vergine aggiunse che, se l’anima non si emenda e con il pentimento non allontana da sé il peccato, subito i demoni ritornano e continuano a possederla.

____________________________


Nella storia dell'esegesi ci sono state diverse interpretazioni del significato del nome di Maria:

1) "AMAREZZA"

questo significato e` stato dato da alcuni rabbini: fanno derivare il nome MIRYAM dalla radice MRR = in ebraico "essere amaro". Questi rabbini sostengono che Maria, sorella di Mosè, fu chiamata cosi` perché, quando nacque, il Faraone comincio` a rendere amara la vita degli Israeliti , e prese la decisione di uccidere i bambini ebrei. Questa interpretazione può essere accettata da noi Cristiani pensando quanto dolore e quanta amarezza ha patito Maria nel corredimerci: [Lam. 1,12] Voi tutti che passate per la via, considerate e osservate se c'e` un dolore simile al mio dolore... Inoltre il diavolo, di cui il Faraone e` figura, fa guerra alla stirpe della donna, rendendo amara la vita ai veri devoti di Maria, che, per altro, nulla temono, protetti dalla loro Regina.

2) "MAESTRA E SIGNORA DEL MARE"

Secondo questa interpretazione il nome di Maria deriverebbe da MOREH (ebr. Maestra-Signora) + YAM (= mare): come Maria, la sorella di Mosè, fu maestra delle donne ebree nel passaggio del Mar Rosso e Maestra nel canto di Vittoria (cf Es 15,20), cosi` "Maria e` la Maestra e la Signora del mare di questo secolo, che Ella ci fa attraversare conducendoci al cielo" (S.Ambrogio, Exhort. ad Virgines). Altri autori antichi che suggeriscono questa interpretazione: Filone, S. Girolamo, S. Epifanio. Questo parallelo tipologico tra Maria sorella di Mosè e Maria, madre di Dio, e` ripreso da Ps. Agostino, che chiama Maria "tympanistria nostra" (Maria sorella di Mosè e la suonatrice di timpano degli Ebrei, Maria SS. e` la tympanistria nostra, cioè dei Cristiani: il cantico di Mosè del N.T sarebbe il Magnificat, cantato appunto da Maria: questa interpretazione e` sostenuta oggi dal P. Le Deaut, uno dei più grandi conoscitori delle letteratura tergumica ed ebraica in genere: secondo questo autore, S. Luca avrebbe fatto volontariamente questo parallelismo.

3) "ILLUMINATRICE, STELLA DEL MARE"

Secondo questa interpretazione il nome di Maria deriverebbe da: prefisso nominale (o participiale) M + 'OR (ebr.= luce) + YAM (= mare): Cosi` S. Gregorio Taumaturgo, S. Isidoro, S. Girolamo (insieme alla precedente). Alcuni autori ritengono che S. Girolamo in realtà non abbia interpretato il nome come "stella del mare", ma come "stilla maris", cioè: goccia del mare.La presenza della radice di "mare" nel nome di Maria, ha suggerito diverse interpretazioni e/paragoni di Maria con il "mare": Pietro di Celles (+1183) Maria = "mare di grazie": di qui Montfort riprende: "Dio Padre ha radunato tutte le acque e le ha chiamate mare, ha radunato tutte le grazie e le ha chiamate Maria" (Vera Devozione, 23). Qohelet 1,7: "tutti i fiumi entrano nel mare"; S. Bonaventura sostiene che tutte le grazie (= tutti i fiumi) che hanno avuto gli angeli, gli apostoli, i martiri, i confessori, le vergini, sono "confluite" in Maria, il mare di grazie. S.Brigida: "ecco perché il nome di Maria e` soave per gli angeli e terribile per i demoni"

* * *

Ave maris stella, Dei Mater alma, atque semper virgo, felix coeli porta... Questo inno sembra una meditazione sul nome di Maria, in rapporto a Maria sorella di Mosè: "Ave maris stella" (cf significato 3); "Dei Mater ALMA atque semper virgo": Maria, sorella di Mosè, viene chiamata in Es 2,8, `ALMAH = "vergine" e, etimologicamente "nascosta"; "felix coeli porta", cioè "maestra del mare" di questo secolo che Ella ci fa attraversare (cf. significato 2)

* * *

4) PIOGGIA STAGIONALE

Secondo questa interpretazione il nome di Maria deriverebbe da MOREH (ebr. PRIMA PIOGGIA STAGIONALE) Maria e` considerata come Colei che manda dal cielo una "pioggia di grazia" e "pioggia di grazia essa stessa". Questa interpretazione, che C. A Lapide attribuisce a Pagninus, viene in parte ripresa da S. Luigi di Montfort nella Preghiera Infuocata: commentando Ps. 67:10 "pluviam voluntariam elevasti Deus, hereditatem tuam laborantem tu confortasti" (Una pioggia abbondante o Dio mettesti da parte per la tua eredita`), il Montfort dice: "[P.I. 20] Che cos'è, Signore, questa pioggia abbondante che hai separata e scelta per rinvigorire la tua eredita` esausta? Non sono forse questi santi missionari, figli di Maria tua sposa, che tu devi scegliere e radunare per il bene della tua Chiesa cosi` indebolita e macchiata dai peccati dei suoi figli?". Maria, pioggia di grazie, formerà e manderà sulla terra una pioggia di missionari

5) ALTEZZA

Secondo questa interpretazione il nome di Maria deriverebbe da MAROM (ebr. ALTEZZA, EXCELSIS): questa ipotesi è sostenuta, tra gli antichi dal Caninius, e, tra i moderni, da VOGT, soprattutto in base alle recenti scoperte dei testi ugaritici, che hanno permesso la comprensione di molte radici ebraiche. Luca 1:78 per viscera misericordiae Dei nostri in quibus visitavit nos oriens EX ALTO; questo versetto, in base al testo greco e alla retroversione in ebraico, può essere tradotto: ci ha visitati dall'alto un sole che sorge: Cristo e` il sole che sorge che viene dall'alto (il Padre) oppure ci ha visitati un sole che sorge "dall'alto" = da Maria

Di tutti queste ipotesi, qual è quella giusta? forse la Provvidenza ci ha lasciato nel dubbio perché nel nome di Maria possiamo trovare nel contempo tutti i significati che l'analogia della fede ci suggerisce.

Don Alfredo Morselli
A volte penso a quanto sia cambiata la nostra società dai tempi di San Francesco o di Sant’Antonio fino ad arrivare ai nostri tempi.
Prima la maggior parte delle persone di coloro che facevano un cammino religioso, era composto in maggioranza da persone semplici e analfabete, che facevano lavori manuali molto duri e faticosi e non avevano il tempo e il presupposto di fare molta meditazione. …More
A volte penso a quanto sia cambiata la nostra società dai tempi di San Francesco o di Sant’Antonio fino ad arrivare ai nostri tempi.
Prima la maggior parte delle persone di coloro che facevano un cammino religioso, era composto in maggioranza da persone semplici e analfabete, che facevano lavori manuali molto duri e faticosi e non avevano il tempo e il presupposto di fare molta meditazione. Quindi non si poteva pretendere molto da questi poveri infelici, e bastava che nominassero con amore il nome della Mamma Celeste per ottenere Grazia!

Oggi, onestamente di tempo ne abbiamo fin troppo se vogliamo, il problema è come lo utilizziamo. Anche da un punto di vista culturale, la stragrande maggioranza delle persone hanno minimo una scuola media e quasi tutti sanno leggere e scrivere e sanno meditare se lo vogliono.
Il problema è che di tutto si parla meno che di religione e di cose dello spirito. Oggi si nomina il nome di Maria e di Gesù solo per intercalare, spesso in maniera automatica e irriflessa.

Oltre pochissime persone, quanti pur nominando Dio, non ne vogliono parlare assolutamente? Anche nelle Chiese si fa convivenza sociale, ma difficilmente si affrontano serie discussioni sulle Verità rivelate, dandole il più delle volte, come cose scontate.

Basti guardare le risposte che i fedeli danno quando sui social vengono esposte frasi Evangeliche già prestampate, le risposte sono tutte: “Amen, Così sia, Dio aiutaci, Maria salvaci ecc ecc.” ma approfondimenti, confronti per misurarsi e crescere nella Grazia, non se ne parla proprio.
Basta linkare qualcosa che sia più lungo di 4/5 parole che non ti leggono neanche, perché troppo lungo.
Io credo che la società Cristiana di oggi abbia veramente bisogno di una profonda catechesi per rinnovare e ammaestrare le coscienze di Sacerdoti e fedeli, alla Luce dello Spirito Santo. Oggi la Chiesa credo che abbia perso la sua veste Soprannaturale, per vestire quella socio-umanitaria- morale incapace di lottare contro il furore del Regno delle Tenebre.
Kiakiar likes this.
Kiakiar
Per rinnovare le coscienze alla luce dello Spirito Santo e combattere l'ignoranza , l' indifferentismo, i luogni comuni che ammorbano e gravitano intorno all' autentico messaggio evangelico , occorre studiare e meditare spesso le sacre scritture con l' ausilio della "Sede della Sapienza", (quella celeste) la sola che puo' ottenercela , per esser istituiti sul loro vero significato. La sapienza …More
Per rinnovare le coscienze alla luce dello Spirito Santo e combattere l'ignoranza , l' indifferentismo, i luogni comuni che ammorbano e gravitano intorno all' autentico messaggio evangelico , occorre studiare e meditare spesso le sacre scritture con l' ausilio della "Sede della Sapienza", (quella celeste) la sola che puo' ottenercela , per esser istituiti sul loro vero significato. La sapienza umana è cieca se non illuminata da quella divina. É la spada della Parola di Dio che ci rende vittoriosi sul maligno, non la scienza umana, ma questa spada va saputa usare. Occorre prendere familiarità con lei.
Occorre impegnarsi oltre che con la preghiera , anche con una catechesi accurata e permanente per approfondire a far fruttificare il percorso di consacrazione alla Madonna. Bisogna ritornare , in maniera sistematica e continua, e non episodica, a scuola, alla scuola delle virtù di Maria , la debellatrice di tutte le eresie, la Madre che si prende cura di tutti i suoi figli, rieducandoli alla vita di grazia, insegnando loro come si da' gloria a Dio. L' essenza del messaggio di Fatima è che ci salveremo e ci faremo santi se metteremo in pratica con costanza e fedeltà la devozione al Cuore immacolato, che non è mero sentimentalismo ma un duro percorso di emulazione della creatura che piu ha amato Dio. Non con la sola scienza teologica ci salveremo ma con la trasformazione dell' umano in divino per mezzo dell' imitazione di Maria.
E in assenza di sacerdoti che ci accompagnino in questo cammino di marianizzazione interiore si può sempre consultare, anche via internet, la buona stampa cattolica.
Cry78 likes this.
Suari
Nell'Evangelo come mi è stato rivelato di Maria Valtorta c'è la spiegazione di Maria che ha sia il significato di mare di amarezza che stella.
Marziale likes this.
Suari and 7 more users like this.
Suari likes this.
alda luisa corsini likes this.
solosole likes this.
Massimok likes this.
Kiakiar likes this.
sombrero likes this.
Maurizio Muscas likes this.
nolimetangere likes this.
I libri di de Liguori e Montfort sono molto ricchi nella loro semplicità e trasmettono la gioia della fede.
alda luisa corsini and one more user like this.
alda luisa corsini likes this.
nolimetangere likes this.
Micheleblu likes this.