Click271

“Dio o Mammona – Non si possono servire due padroni” - Danilo Quinto - 3 febbraio ‘19

Cari amici,

come sapete, è di recente uscito un mio nuovo libro. S’intitola “Dio o Mammona – Non si possono servire due padroni”. E’ il mio nono libro, dopo: “Da servo di Pannella a figlio libero di Dio”, “Emma Bobino: dagli aborti al Quirinale”, “L'Europa tra Sodoma e Gomorra”, “Ancilla hominis”, “Verità e menzogne”, “Disorientamento pastorale”, “Pensiero unico e false ideologie”, “Eurislam”.


La ragione di quest’ultimo libro – la cui copertina riproduce l’opera di una grande artista, Giovanni Gasparro, “Amoris laetitia. San Giovanni Battista ammonisce l'adulterio di Erode Antipa ed Erodiade”, Olio su tela, 100 X 150 cm, 2017. Bari, Collezione privata e che ha la prefazione di un caro amico, l’avv. Gabriele Gatti, esecutore testamentario delle ultime volontà di Bruno Cornacchiola – sta nelle parole che ho scelto per presentarlo.

“Il mondo anti-cattolico, insieme a buona parte di quello cattolico – responsabile di aver separato la fede dalla ragione – ha sferrato nell’ultimo secolo un attacco formidabile alla Divinità di Nostro Signore Gesù Cristo, al Suo essere Re del Cielo e della Terra. Tutto è stato distrutto dalle sue fondamenta: i Parlamenti, le Università, le Scuole, la Famiglia. Tutto è stato re-inventato in base alle supposte esigenze dell’uomo, tentando di eliminare la sua naturale dimensione legata al mistero, al soprannaturale. È stata realizzata una catastrofe.

Nel solco tracciato dallo straordinario libro di oltre un secolo fa di Robert Hugh Benson (1871–1914), Il padrone del mondo, in “Dio o Mammona” descrivo lo scontro in atto nella Chiesa, nella politica, nella società. Dio o il Demonio. E’ uno scontro apparentemente mondano, in realtà escatologico, perché riguarda direttamente e profondamente il tema della salvezza.

Dopo il Suo Battesimo ad opera di Giovanni Battista e prima della Sua predicazione pubblica, Gesù stesso volle essere tentato dal Maligno (Mt 4, 1-11). Per amore degli uomini e per dare loro un insegnamento per le loro vite. Respingendo con fermezza e nettezza le tentazioni diaboliche, Nostro Signore pose riparo alle cadute degli uomini prima e dopo di Lui. Preannunziò le successive tentazioni di ognuno di noi e le lotte della Chiesa contro le tentazioni del potere demoniaco. Per questa ragione, Gesù ha insegnato agli uomini, nel “Padre Nostro”, a chiedere a Dio di aiutarli con la Sua grazia per non cadere nell’ora della tentazione, che segnerà la storia umana fino alla fine dei tempi, finchè… non ritorni… il Signore!”.


Il libro, che ha un prezzo di copertina di 15 euro, non si trova nè in libreria nè su Amazon, perchè non ha distribuzione. E’ possibile acquistarlo inviando una email a pasqualedanilo.quinto@gmail.com, scrivendo il Vostro indirizzo.

Il versamento può essere fatto sul conto poste intestato Pasquale Quinto (è il mio nome sui documenti) IBAN IT 54 Y 36081 0513820 1764601769(indicando la causale donazione), Codice BIC/SWIFT PPAYITR1XXX (per I versamenti dall’estero) oppure attraverso PayPal, sul conto sempre intestato Pasquale Quinto.

Vi ringrazio. Pregate per me per la sentenza relativa al processo per diffamazione che i radicali mi hanno intentato per “servo sciocco”, che domani, 4 febbraio, alle ore 13.00, sarà letta nell’aula 5 – Palazzo B – primo piano, del Tribunale Penale di Roma. Io ci sarò. L’udienza è pubblica.

Santa Domenica. SLGC, Danilo Quinto
A Berlino forse un giudice c'era, a Roma NO!
Danilo Quinto, per quella citazione metaforica del "servo sciocco" per un alto trombone radicale, purtroppo è stato condannato penalmente in primo grado a 6 mesi (però molto generosamente in galera non lo fanno andare) + spese processuali + sanzione di 2 mila euro.
Con quello che scriviamo qui su Gloria.TV allora molti di noi si aspettino di essere …Espandi
A Berlino forse un giudice c'era, a Roma NO!
Danilo Quinto, per quella citazione metaforica del "servo sciocco" per un alto trombone radicale, purtroppo è stato condannato penalmente in primo grado a 6 mesi (però molto generosamente in galera non lo fanno andare) + spese processuali + sanzione di 2 mila euro.
Con quello che scriviamo qui su Gloria.TV allora molti di noi si aspettino di essere condannati all'ergastolo.
Ricordiamo questa sera nella preghiera Danilo Quinto: perché domani a Roma il giudice dimostri, con la sua sentenza, di aver ascoltato l'ispirazione dell Spirito Santo.
A alda luisa corsini piace questo.
A Acchiappaladri e a 3 utenti piace questo.
A Acchiappaladri piace questo.
A luca78 piace questo.
A Sempliciotto piace questo.
A Mi cha el piace questo.