Clicks1.4K

Il Vangelo secondo Marco e Giovanni, e quello secondo Bergoglio – Un confronto impressionate

Cari amici e specialmente nemici d Stilum Curiae, Agostino Nobile ci ha mandato una serie di quelle che ha definito “pillole mnemoniche”, cioè citazioni tratte dai Vangeli, e le ha messe di fianco ad altre, tratte da esternazioni varie del Pontefice regnante. L’effetto di questa semplice giustapposizione è impressionante. Giudicate voi….

* * *


Pillole mnemoniche

Per sostenere la politica delle porte aperte a prescindere, il vescovo vestito di bianco ripete ossessivamente che siamo tutti figli di Dio. A proposito del voto per le europee che ha visto la Lega di Salvini primo partito italiano grazie al voto dei cattolici, il Presidente della Cei cardinale Bassetti sul quotidiano La Repubblica, commenta «Staccare i fedeli dal Papa è una manovra sbagliata e controproducente» aggiungendo «non basta dirsi cattolici per diventare De Gasperi.»

Seguendo il ragionamento del cardinale potremmo dire che non basta dirsi papa per diventare S. Pietro. Per confermare quanto scrivo ho pensato di mettere a confronto alcuni passi del Vangelo di Mc e Gv con il vangelo di Bg, aggiungendo una pillola nel finale.

Vangelo secondo Mc 16, 15-16 Gesù disse loro: “Andate in tutto il mondo e predicate il vangelo ad ogni creatura. Chi crederà e sarà battezzato sarà salvo, ma chi non crederà sarà condannato.”

Vangelo secondo Bg – «Proselitismo è una solenne sciocchezza» Bergoglio, intervista su La Repubblica, 1 ottobre 2013

Vangelo secondo Bg– «È vero che l’idea della conquista appartiene allo spirito dell’islam. Ma si potrebbe interpretare secondo la stessa idea di conquista la fine del vangelo di Matteo, quando Gesù invia i suoi discepoli a tutte le nazioni». Intervista a La Croix, 9 maggio 2016.

Vangelo secondo Gv 1,11-12 “Venne fra la sua gente, ma i suoi non l’hanno accolto. A quanti però l’hanno accolto, ha dato potere di diventare figli di Dio”

Vangelo secondo Bg– «E oltre le divisioni delle religioni: tutti, tutti, tutti! Perché tutti siamo figli di Dio.» Omelia Mattutina del 20 Settembre 2016 a Casa Santa Marta

Vangelo secondo Gv 14,6 – “Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me”.

Vangelo secondo Bg– «Gli stati devono essere secolari, quelli confessionali finiscono male. Sono contro la storia. Io credo che una versione della laicità, accompagnata da una solida legge che garantisca la libertà di religione, offra un quadro di riferimento per andare avanti. Siamo tutti figli e figlie di Dio, con la nostra personale dignità. Ognuno deve avere la libertà di esprimere la propria fede». Intervista a La Croix, 9 maggio 2016.

Quinto comandamento secondo il Catechismo cattolico: Non uccidere.

Vangelo secondo Bg – «Spetta al Parlamento discutere, argomentare, spiegare, dare le ragioni, è così che una società cresce. Tuttavia, una volta che una legge è stata approvata, lo Stato deve anche rispettare le coscienze». Risposta alla domanda sull’eutanasia nell’intervista su La Croix.

Vangelo secondo Gv 4, 2-3 “Da questo potete riconoscere lo spirito di Dio: ogni spirito che riconosce che Gesù Cristo è venuto nella carne, è da Dio; ogni spirito che non riconosce Gesù, non è da Dio. Questo è lo spirito dell’anticristo che, come avete udito, viene, anzi è già nel mondo”

Vangelo secondo BgLaudato si’, 6º capitolo: la sobrietà è liberante. Vale la pena di essere buoni e onesti. V. Amore civile e politico. La cura per la natura è parte di uno stile di vita che implica capacità di vivere insieme e di comunione. Gesù ci ha ricordato che abbiamo Dio come nostro Padre comune e che questo ci rende fratelli. […] Per questo possiamo parlare di una fraternità universale. Occorre sentire nuovamente che abbiamo bisogno gli uni degli altri, che abbiamo una responsabilità verso gli altri e verso il mondo, che vale la pena di essere buoni e onesti.

Nello Statuto della massoneria, stilata nel 1723 dal pastore presbiteriano James Anderson, leggiamo: «Diritti relativi a Dio e alle religioni. […] Nei tempi antichi i massoni erano obbligati in ogni paese e professione a seguire la religione della sua terra natale […]. Ma oggi, permettendo ad ognuno la sua propria opinione, crediamo essere più appropriato obbligarlo a seguire solo la religione nella quale tutti gli uomini sono in accordo: che consiste nell’essere buono e onesto». (continua)

Fonte:

www.marcotosatti.com/…/nobile-le-diffe…
Pietro da Cafarnao likes this.
«Beati i poveri in soldi, perché per essi è la mia Revolución.
Beati i migranti economici, perché saranno mantenuti.
Beati i nostri fratelli Mussulmani, perché conquisteranno la Terra.
Beati gli italiani che hanno fame e sete a causa del PD, perché saranno ignorati.
Beati i misericordiosi, perché somiglieranno a me.
Beati gli Adulteri, perché mangeranno Dio.
Beati i non Battezzati, perché saranno…More
«Beati i poveri in soldi, perché per essi è la mia Revolución.
Beati i migranti economici, perché saranno mantenuti.
Beati i nostri fratelli Mussulmani, perché conquisteranno la Terra.
Beati gli italiani che hanno fame e sete a causa del PD, perché saranno ignorati.
Beati i misericordiosi, perché somiglieranno a me.
Beati gli Adulteri, perché mangeranno Dio.
Beati i non Battezzati, perché saranno chiamati figli di Dio.
Beati i perseguitati a causa della loro Fede Cattolica, perché per essi è il mio disprezzo.
Beati voi gay quando vi insulteranno, vi perseguiteranno e, mentendo, diranno ogni sorta di male contro di voi "per causa mia" .
Rallegratevi ed esultate, perché grande sarà la reazione dei Media Vaticani.» (Jorge Mario 5,3-12)
Molto attinente... alla realtà!
signummagnum likes this.
Se l'ha inventata lei, è geniale. Anche se di una tristezza indescrivibile perché è amaro constatare che gli okkupatori della Chiesa sono giunti fino a stravolgere il nucleo stesso dell'insegnamento del Maestro. Torniamo alle pure fonti della fede per non morire avvelenati!