Lingua
Francesco I 19 4

Vaticano, "manine" che fanno sparire dossier sulla lobby gay, l'accusa dell'ex nunzio Viganò

di Franca Giansoldati

Città del Vaticano – Altro che lobby gay. Coperture, omissioni, manipolazioni. Anche in Vaticano sembra che ci siano «manine» che fanno sparire i documenti scottanti. L'affaire McCarrick – l'ex cardinale pedofilo che da trent'anni molestava giovani seminaristi – sta scoperchiando una inquietante rete omertosa all'interno delle gerarchie ecclesiastiche. «La causa principale di tante vittime» scrive nel suo terzo intervento pubblico l'ex nunzio degli Stati Uniti, Carlo Maria Viganò, «ha a che fare con il ruolo dell’omosessualità nella corruzione del sacerdozio e della gerarchia».
L'accusatore di Papa Francesco non rinuncia alla sua battaglia per la verità (e per indebolire il pontificato), e continua a pubblicare pagine e pagine circostanziate di dettagli che dimostrano l'incapacità del sistema vaticano ad espellere le mele marce.

McCarrick nel 2013: “Bergoglio è amico mio!"

Proprio come il caso McCarrick: il porporato americano inizialmente era stato riabilitato da Papa Francesco (nonostante fosse stato messo in quarantena dal precedente pontefice) anche se poi è stato punito in modo esemplare ma solo dopo 5 anni e sotto la pressione dello scandalo che stava montando in America. Scrive Viganò: «L'omosessualità è diventata una piaga nel clero: questa gravissima crisi non può essere correttamente affrontata e risolta fintanto che non chiamiamo le cose con il loro vero nome. Questa è una crisi dovuta alla piaga dell’omosessualità, in coloro che la praticano, nelle sue mozioni, nella sua resistenza ad essere corretta».
Nelle precedenti puntate Viganò aveva tirato in ballo Ouellet, il cardinale della congregazione dei Vescovi, al quale aveva chiesto di rendere nota la documentazione esistente sul caso McCarrick, come su altri casi. Ouellet gli aveva replicato che non aveva trovato nulla, anzi contestava persino l'esistenza di sanzioni vaticane, anche se riferiva l'esistenza di generiche voci, chiacchiere, forse calunnie.
A questo punto Viganò non esita e lo accusa di essere un bugiardo. Come ex nunzio Viganò ha avuto accesso a documentazione riservata ed è a conoscenza di file confidenziali. «Ouellet afferma che la Santa Sede era a conoscenza solo di semplici voci, non sufficienti per poter prendere misure disciplinari contro McCarrick. Io affermo invece che la Santa Sede era a conoscenza di una molteplicità di fatti concreti ed in possesso di comprovanti documenti, e che nonostante ciò le persone responsabili hanno preferito non intervenire o è stato loro impedito di farlo». L'elenco è ingombrante. «I risarcimenti alle vittime degli abusi sessuali di McCarrick dell’arcidiocesi di Newark e della diocesi di Metuchen, le lettere di padre Ramsey, dei nunzi Montalvo nel 2000 e Sambi nel 2006, del Dott. Sipe nel 2008, i miei due Appunti al riguardo ai superiori della Segreteria di Stato che descrivevano nei dettagli le accuse concrete contro McCarrick, sono solo voci?»

Non solo. Elenca anche la cronologia di tutte le volte che dal 2000 in poi è stato denunciato in Vaticano McCarrick da nunzi, arcivescovi, sacerdoti per via del suo comportamento omosessuale. “Nel dicembre 2006 il nuovo nunzio, arcivescovo Pietro Sambi, informò la Santa Sede del comportamento omosessuale del cardinale McCarrick con un altro prete. Nel dicembre 2006, anche io scrissi un Appunto al cardinale Segretario di Stato Bertone, che consegnai personalmente al Sostituto per gli Affari Generali, Arcivescovo Leonardo Sandri, chiedendo al papa di prendere misure disciplinari straordinarie contro McCarrick per prevenire futuri crimini e scandali. Questo Appunto non ebbe risposta. Nell’aprile 2008 una lettera aperta a Papa Benedetto da parte di Richard Sipe fu trasmessa dal Prefetto del Congregazione per la Dottrina della Fede, Cardinale Levada, al Segretario di Stato, Cardinale Bertone, che conteneva ulteriori accuse a McCarrick di andare a letto con seminaristi e sacerdoti. Mi fu consegnata un mese dopo, e nel maggio 2008 io stesso presentai un secondo Appunto all’allora Sostituto per gli Affari Generali, Arcivescovo Fernando Filoni, riferendo le accuse contro McCarrick e chiedendo sanzioni contro di lui. Nel 2009 seppi dal Cardinale Re, Prefetto della Congregazione per i Vescovi, che papa Benedetto aveva ordinato a McCarrick di cessare il ministero pubblico e iniziare una vita di preghiera e penitenza. Il nunzio Sambi comunicò gli ordini del papa a McCarrick alzando la voce tanto che fu sentita nei corridoi della nunziatura. Viganò prosegue: «Nel novembre 2011 il Cardinale Ouellet, nuovo prefetto della Congregazione per i Vescovi, riconfermò a me, nuovo nunzio negli Stati Uniti, le restrizioni disposte dal papa a McCarrick, e io stesso le comunicai a McCarrick faccia a faccia”. Nonostante questo quadro McCarrick «ha continuato a godere di una speciale considerazione da parte di papa Francesco, il quale anzi gli affidò nuove importanti responsabilità e missioni».

La spiegazione che si affaccia nello scritto dell'ex nunzio è che McCarrick faceva parte “di una rete di vescovi favorevoli all’omosessualità che godendo del favore di papa Francesco hanno promosso nomine episcopali per proteggersi dalla giustizia e rafforzare l’omosessualità nella gerarchia e nella Chiesa in generale. Lo stesso papa Francesco sembra o essere connivente con il diffondersi di questa corruzione o, consapevole di quello che fa, è gravemente responsabile perché non si oppone ad essa e non cerca di sradicarla”.
I delitti denunciati, contenuti nei dossier in vaticano, contro McCarrick “erano gravissimi, vi erano anche quelli dell’assoluzione di complici in atti turpi, con successiva celebrazione sacrilega della Messa.

Questi documenti specificano l’identità dei perpetratori, quella dei loro protettori e la sequenza cronologica dei fatti. Sono custoditi negli archivi appropriati; non è necessaria alcuna indagine straordinaria per recuperarli”. La conclusione cui giunge Viganò è che è accertato che “i predatori omosessuali sfruttano il loro privilegio clericale a loro vantaggio. Ma rivendicare la crisi stessa come clericalismo è puro sofisma”. Viganò conclude il suo intervento con un appello a vescovi e cardinali. Chi sa parli.

ilgazzettino.it/…/papa_francesco_…
Scrivi un commento
Francesco I
@padrepasquale
L'accanimento mediatico contro la Santa Romana Chiesa parte proprio dal quel personaggio che dovrebbe essere il custode della fede. Egli plaude il vizio e la virtù deride. L'apostolo da lui preferito è Giuda Iscariota:
Cosa c’è dietro la riabilitazione di Giuda da parte di Francesco?
Domine, miserere nobis, oremus etiam pro indigno famulo tuo Francisco !
Una raffigurazione del … Espandi
A TommasoG piace questo. 
TommasoG
@padrepasquale Sì ma è per questo, che si vuole eliminare certi elementi, per dare credibilità alla Chiesa; ha perfettamente ragione di voler esaltare ciò che ognuno ha di bello, ma si può forse applicare ciò a chierici corrotti? Oh è assai infelice questo! Sono anch’io convinto, e voglio esserlo, che la maggior parte dei sacerdoti sia veramente meritevole di esserlo, però se qualcuno non lo è … Espandi
A DanielaGiarla piace questo. 
padrepasquale
Se a una persona si dice sempre che è nell'errore e non si esaltano le sue ricchezze e potenzialità, questa persona perderà la sua autostima. Sono nauseato per questo accanimento mediatico nei confronti della Chiesa e del Magistero. La Chiesa è altro, è sacramento di salvezza, è annunciatrice di speranza. Chi sente ogni giorno le uscite deliranti di Viganò, che vorrebbero scuotere la Chiesa … Espandi
Mi cha el
@TommasoG Ottimo Commento.
A TommasoG piace questo. 
TommasoG
@padrepasquale Però non concorda anche lei che sia abominevole che della Sacrosanta institiuzione della Chiesa di Cristo facciano parte degli orrendi pederasti? Quando gli ecclesiastici dovrebbero essere santi e puri?

In verità non vedo perché Viganò vorrebbe distruggere la Chiesa; e non credo agisca con squallido gusto scandalistico; ha ragione nel dire che non bisogna calcare la mano in … Espandi
A Mi cha el piace questo. 
padrepasquale
I peccati ci sono sempre stati nella Chiesa e sempre ci saranno. Tutti, sacerdoti e fedeli, siamo invitati a conversione e tendere alla santità. Oggi si sta accanendo un certo tipo di giornalismo contro la Chiesa e contro il Papa, in particolare, fomentando discredito all'inverosimile, esasperando le notizie di azioni deplorevoli compiute da un qualche membro indegno del clero. Il caso McCarrick … Espandi
Mi cha el
E comunque si puó vedere come di questi ,forse ultimi tempi, pieni di confusione, il MALE e i suoi scherani (Enzo Bianchi) vengono definiti bene....e invece, gente che lavora per il BENE come Viganó e tanti altri, vengono definiti il MALE....E le profezie si realizzano.....una dopo l'altra.
A Antonietta Capone piace questo. 
A TommasoG piace questo. 
TommasoG
È orrendo scoprire quello che fanno certi ecclesiastici depravati, ma è ancora più rivoltante sapere che lo fanno senza che nessuno dica niente.
Viganò lo sa e non vuole fare chiasso per suo divertimento, bensì per estirpare, o almeno tentare di farlo, visto che viene ostacolato, quel cancro nel seno della Chiesa che decima i fedeli e le vocazioni religiose. E chi non denunzia tal obbrobrii è … Espandi
A Mi cha el piace questo. 
Visualizza 2 altri Mi piace.
Testimone82
@padrepasquale forse lei non ha ben capito la gravità dei fatti, le ricordo che ci sono di mezzo persone abusate sessualmente e gravissimi fatti immorali di persone di alto rango.
Anche Giovanni Battista doveva tacere su Re Erode Antipa per "discrezione", "rispetto" e "privacy"?
A Mi cha el piace questo. 
Visualizza 2 altri Mi piace.
Mi cha el
Eh Giá @padrepasquale meglio continuare la decennale omertà vigente ai Vertici della Chiesa...Per non "disturbare la Privacy" dei poveri predatori omosessuali da DECENNI lì collocati hanno anche loro il diritto di predare in santa pace ...Giusto.

Veramente Evangelico come Ragionamento.
E invece no!!!! "Se questi taceranno grideranno Le pietre" disse Nostro Signore ecco è tempo … Espandi
A nolimetangere piace questo. 
A TommasoG piace questo. 
Fatima.
Per Padre Pasquale avrebbe dovuto continuare tutto come prima... Alleluiah!
A Mi cha el piace questo. 
Visualizza 3 altri Mi piace.
nolimetangere
Lo sanno tutti chi è McCarrick e da decenni. Per chi capisce l' inglese ecco un bell' articolo
nolimetangere
E si vergognassero che già molestare e violentare bambini, adolescenti o giovani è un delitto, se poi a farlo è una belva in tonaca è demoniaco. Far sparire dossier e prove significa soffocare la Verità, mettere le mani al collo di Cristo. Quindi si astenessero dal leggere i passi del Vangelo che accusano la loro cattiva condotta, perchè vi derogano continuamente e per coprirsi, coprono un … Espandi
A mjj75 piace questo. 
nolimetangere
Chi non difende E non si schiera apertamente con Mons. Viganô è da ritenersi complice della cricca che ha devastato la Chiesa.
A TommasoG piace questo. 
padrepasquale
Viganò non conosce cosa significa "discrezione", "rispetto della persona", "privacy". Vuole fare caos mediatico (diabolico), sobillando le Congregazioni vaticane, non per amore della verità o della giustizia, ma per denigrare il Papa e la Chiesa. Dietro le sue denunce ci sono solo rancori.