Clicks517
Papaboys 3.0
64

Papa Francesco all’udienza: ‘Il primo altare è quello della croce!’

All’udienza generale, Papa Francesco prosegue le catechesi dedicate alla Santa Messa, soffermandosi sulla Liturgia eucaristica. A causa del freddo, l’appuntamento del mercoledì si tiene in aula Paolo VI, con un gruppo di fedeli nella Basilica Vaticana

“Quando noi ci avviciniamo all’altare per celebrare la Messa, la nostra memoria va all’altare della Croce, dove è stato fatto il primo sacrificio”. All’udienza generale, Papa Francesco parla della Liturgia eucaristica, precisamente della presentazione dei doni, proseguendo le catechesi dedicate alla Santa Messa. Il tradizionale incontro del mercoledì, come spiegato dallo stesso Pontefice, si svolge in modo singolare a causa del freddo pungente che ha colpito Roma in questi giorni: l’evento ha luogo nell’aula Paolo VI mentre alcuni fedeli, radunati nella Basilica Vaticano, seguono tutto con i maxischermo.

Il primo altare è quello della Croce

La preparazione dei doni “è la prima parte della Liturgia eucaristica” ed è significativo e importante che siano i fedeli a portare “il pane e il vino” al sacerdote, quale “offerta spirituale della Chiesa lì raccolta per l’Eucaristia”. “Il centro della Messa”, dunque, “è l’altare, e l’altare è Cristo”. Papa Bergoglio chiarisce che “la vita dei fedeli, la loro sofferenza, la loro preghiera, il loro lavoro, sono uniti a quelli di Cristo e alla sua offerta totale, e in questo modo acquistano un valore nuovo”.

Il Signore dà tanto e chiede poco

Il pane e il vino rappresentano l’offerta della propria vita, “affinché sia trasformata dallo Spirito Santo nel sacrificio di Cristo e diventi con Lui una sola offerta spirituale gradita al Padre”. Il Signore “ci dà tanto”, aggiunge Papa Francesco, e “ci chiede poco”: “ci chiede, nella vita ordinaria, buona volontà; ci chiede cuore aperto, ci chiede voglia di essere migliori”.

La spiritualità del dono di sé

Soprattutto in questo tempo di Quaresima, il Pontefice auspica che tutti i discepoli di Cristo possano coltivare “la spiritualità del dono di sé”, che “questo momento della Messa ci insegna”. Con “il cuore aperto alla potenza di Dio” è possibile trovare senso nelle proprie giornate, vivere in modo pieno “le relazioni con gli altri, le cose che facciamo, le sofferenze che incontriamo, aiutandoci a costruire la città terrena alla luce del Vangelo”.
Simona Serafini and one more user like this.
Simona Serafini likes this.
Giuseppe Di Tullio likes this.
luca78
ogni tanto si ricorda di essere il Papa?
Mi cha el likes this.
Acchiappaladri
Quando Papa Francesco ci dà insegnamenti cattolici siamo tutti contenti: che ciò possa capitare molto più spesso ;-)
Mi cha el likes this.
RosettaNegri
Il Signor Maurizio Muscas per dire certe cose del Papa, necessita urgentemente di uno specialista.
RosettaNegri likes this.
Anche l’orologio rotto segna l’ora giusta due volte al giorno, ma sempre rotto rimane
Spada and 6 more users like this.
Spada likes this.
Mi cha el likes this.
luca78 likes this.
Sam Gamgee likes this.
Illarisoft likes this.
Maurizio Muscas likes this.
solosole likes this.
Maurizio Muscas
Oggi dal Bipolare Biancovestito qualcosa di quasi cattolico.... Ma si può fi
nalmente parlare con la sua psichiatra di Buenos Aires?
Spada and 5 more users like this.
Spada likes this.
luca78 likes this.
Sam Gamgee likes this.
solosole likes this.
berghy likes this.
Istruzione Cattolica likes this.
Mi cha el likes this.
Sempliciotto
Esatto!
Chi è in adulterio deve portare la sua croce e cessare di peccare!
Maurizio Muscas and 2 more users like this.
Maurizio Muscas likes this.
Testimone82 likes this.
Mi cha el likes this.