Lingua
Click
22
Giuseppe Di Tullio 1 1

Il regime di Netanyahu segretamente arma e finanziarie 12 o più gruppi terroristici in Siria

Il Regime di Netanyahu segretamente arma e finanzia dodici o più gruppi terroristici in Siria – controinformazione.info

Ultime
Il Regime di Netanyahu segretamente arma e finanzia dodici o più gruppi terroristici in Siria
Salvini reagisce ed attacca Moscovici per l’osservazione su Mussolini: “sciacquati la bocca prima di insultare l’Italia”
Le difese aeree di Damasco potenziate dai russi a tutto campo
La Russia mette in guardia sui tentativi degli Stati Uniti di preparare l’opinione pubblica globale per un nuovo attacco alla Siria
Il primo ministro della Repubblica Ceca si dichiara con l’Ungheria di Orban contro la UE
Le armi da fuoco negli USA contano di più che non i “diritti umani” dei cittadini
“Verità vo’ cercando…..” Incontri con autori al di fuori del “Pensiero Unico”
Siria. I ribelli Jihadisti attaccano la città di Latakia dal confine di Idlib
ORIANA FALLACI SCRIVEVA: “L’IMMIGRAZIONE E’ IL VERO ‘CAVALLO DI TROIA’”
L’amministrazione Trump aumenta silenziosamente le forniture di armi letali in Ucraina

APPELLO RACCOLTA FONDI! MANTIENI IN VITA UNA VOCE LIBERA!

controinformazione.info
Quello che gli altri non dicono

Home
Termini e condizioni
Pubblicità
Sostienici
Privacy Policy

Menu

Categorie
Africa ed imperialismo
Agricoltura ed ecologia
Alienazione
America in declino
America Latina
Antifascismo
Arabia Saudita
Asia e nuovi equilibri
Attacco all'identità italiana
Attacco all'Iran
Attacco alla Russia
Attacco alla Siria
Attacco alle radici cristiane
Attualità
Attualità internazionale
Bankers e finanzieri
BRICS e nuovo ordine multipolare
Chiesa Cattolica e modernismo
Chiesa post conciliare
Cina
Cinema ed attualità
Classe politica al servizio della grande finanza
Classe politica euroserva
conflitti in Medio Oriente
Conflitti in Nord Africa
conflitti nei Balcani
Conflitti per l'egemonia
Conflitto con l'Iran
Conflitto con la Russia
conflitto in Libano
conflitto in Libia
Conflitto in Palestina
conflitto in Serbia-Kosovo
Conflitto in Siria
Conflitto in Ucraina
conflitto nello Yemen
Contaminazione nucleare
costume
Crimini degli USA ed alleati
Crisi dell' UNIONE EUROPEA
Crisi in Corea nord
Crisi in Grecia
Crisi politica in Italia
Cristianesimo e nuove frontiere
Declino della potenza USA
Democrazia USA
Difesa del territorio
Diritti sociali e diritti civili
dittatura europea in arrivo
Dominio dei mari
Dominio finanziario
Dominio imperiale USA
Economia
Elite finanziaria e banchieri
energia
Eurasia e suoi sviluppi
Europa
Europa in declino
Eventi
Filosofia
Francia
Geopolitica
Germania
Giustizia
Globalizzazione
guerra economica
Guerra mediatica
Guerra valutaria
Hezbollah e conflitto in SIria
Ideologia Gender
Immigrazione di massa
Imperialismo
Imperialismo
Intellettuali al servizio della propaganda
Intelligence e servizi segreti
Interessi delle grandi lobby
Interviste
Iran e asse della resistenza
Islam ed Europa
Italia e alleanze con paesi arabi
La Lega di Salvini
Lotte contro il Globalismo
Manipolazione dei media
Media
Neocolonialismo
Neoliberismo e pensiero unico
Notizie censurate dai Media
Nuovo colonialismo
Nuovo governo italiano
Nuovo Ordine Mondiale
Opere pubbliche e investimenti
Opinioni ed analisi
Palestina ed occupazione israeliana
Pensioni e previdenza
Perdita della Sovranità
Persecuzione contro i cristiani
Politica
Politica estera dell'Italia
Pubblicazioni
Quarta Teoria Politica
Razzismo ed antirazzismo
Regno Unito
Ricorrenze
Roma
Russia
saggistica autori
Sanzioni alla Russia
Sanzioni USA
Scienza e tecnologia
Scuola e formazione
Sdradicamento delle comunità
Senza categoria
Serbia e Kosovo
Sinistra mondialista
Sionismo ed i suoi crimini
società multiculturale
sociologia
sorveglianza e spionaggio
Sovranità
Spagna in crisi
spionaggio e servizi segreti
Storia
Storia e complotti
Storia e cultura
Storia e falsificazioni
Storia religioni
strategia ed armamenti
Tecniche di sobillazione USA
Terrorismo
Terrorismo e stato islamico
Traffico di armi
Turchia il nuovo sultanato
Ungheria
Venezuela
© 2018 controinformazione.info – Tutti i diritti riservati – Termini e condizioni
Area Riservata

Home
Termini e condizioni
Pubblicità
Sostienici
Privacy Policy

Categorie
Africa ed imperialismo
Agricoltura ed ecologia
Alienazione
America in declino
America Latina
Antifascismo
Arabia Saudita
Asia e nuovi equilibri
Attacco all'identità italiana
Attacco all'Iran
Attacco alla Russia
Attacco alla Siria
Attacco alle radici cristiane
Attualità
Attualità internazionale
Bankers e finanzieri
BRICS e nuovo ordine multipolare
Chiesa Cattolica e modernismo
Chiesa post conciliare
Cina
Cinema ed attualità
Classe politica al servizio della grande finanza
Classe politica euroserva
conflitti in Medio Oriente
Conflitti in Nord Africa
conflitti nei Balcani
Conflitti per l'egemonia
Conflitto con l'Iran
Conflitto con la Russia
conflitto in Libano
conflitto in Libia
Conflitto in Palestina
conflitto in Serbia-Kosovo
Conflitto in Siria
Conflitto in Ucraina
conflitto nello Yemen
Contaminazione nucleare
costume
Crimini degli USA ed alleati
Crisi dell' UNIONE EUROPEA
Crisi in Corea nord
Crisi in Grecia
Crisi politica in Italia
Cristianesimo e nuove frontiere
Declino della potenza USA
Democrazia USA
Difesa del territorio
Diritti sociali e diritti civili
dittatura europea in arrivo
Dominio dei mari
Dominio finanziario
Dominio imperiale USA
Economia
Elite finanziaria e banchieri
energia
Eurasia e suoi sviluppi
Europa
Europa in declino
Eventi
Filosofia
Francia
Geopolitica
Germania
Giustizia
Globalizzazione
guerra economica
Guerra mediatica
Guerra valutaria
Hezbollah e conflitto in SIria
Ideologia Gender
Immigrazione di massa
Imperialismo
Imperialismo
Intellettuali al servizio della propaganda
Intelligence e servizi segreti
Interessi delle grandi lobby
Interviste
Iran e asse della resistenza
Islam ed Europa
Italia e alleanze con paesi arabi
La Lega di Salvini
Lotte contro il Globalismo
Manipolazione dei media
Media
Neocolonialismo
Neoliberismo e pensiero unico
Notizie censurate dai Media
Nuovo colonialismo
Nuovo governo italiano
Nuovo Ordine Mondiale
Opere pubbliche e investimenti
Opinioni ed analisi
Palestina ed occupazione israeliana
Pensioni e previdenza
Perdita della Sovranità
Persecuzione contro i cristiani
Politica
Politica estera dell'Italia
Pubblicazioni
Quarta Teoria Politica
Razzismo ed antirazzismo
Regno Unito
Ricorrenze
Roma
Russia
saggistica autori
Sanzioni alla Russia
Sanzioni USA
Scienza e tecnologia
Scuola e formazione
Sdradicamento delle comunità
Senza categoria
Serbia e Kosovo
Sinistra mondialista
Sionismo ed i suoi crimini
società multiculturale
sociologia
sorveglianza e spionaggio
Sovranità
Spagna in crisi
spionaggio e servizi segreti
Storia
Storia e complotti
Storia e cultura
Storia e falsificazioni
Storia religioni
strategia ed armamenti
Tecniche di sobillazione USA
Terrorismo
Terrorismo e stato islamico
Traffico di armi
Turchia il nuovo sultanato
Ungheria
Venezuela
© 2018 controinformazione.info – Tutti i diritti riservati – Termini e condizioni
Area Riservata
conflitti in Medio Oriente
Il Regime di Netanyahu segretamente arma e finanzia dodici o più gruppi terroristici in Siria
Da Redazione Set 14, 2018 Nessun commento
Terroristi e soldati israeliani sul Golan

di Stephen Lendman (*)
Il 6 settembre, Foreign Policy (FP), un media istituzionale USA, ha discusso il “programma segreto israeliano per sostenere i ribelli siriani” – nome in codice per i terroristi, sostenuto dai regimi Trump e Netanyahu, insieme alla NATO e agli stati regionali anti-Assad, compresa la Turchia . Vedi: foreignpolicy.com/…/in-secret-progr…
Durante la guerra di Washington in Siria, giunta alla sua ottava edizione, falsamente chiamata identificata come “guerra civile”, gli Stati Uniti ei loro alleati hanno cercato il cambio di regime – volendo instaurare un governo fantoccio filo-occidentale che sostituisse l’indipendenza sovrana siriana, così come isolare l’Iran davanti a un complotto per rovesciare il suo governo legittimo.
Ecco in cosa consiste l’imperialismo, cercare il dominio su altri paesi, la pura aggressione e una strategia che favorisca i cambi di regime.

Il rapporto di FP è stato ripreso da Haaretz, dal Times of Israel e da altri media israeliani.
Secondo FP,
“Israele ha armato e finanziato segretamente almeno 12 gruppi ribelli nel sud della Siria che hanno contribuito a impedire che l’Esercito siriano e combattenti Hezbollah sostenuti dall’Iran prendessero posizioni vicino al confine israeliano negli ultimi anni, secondo più di due dozzine di comandanti e graduati membri di questi gruppi. ”
Fatto: l’Iran ha consiglieri militari in Siria, non truppe da combattimento, per aiutare Assad a combattere i terroristi supportati dagli Stati Uniti. La Repubblica islamica non minaccia altri paesi, non Israele o altri.
Alleanza di convenienza: Israele sostiene il gruppo terroristico ISIS della Siria
Fatto: Israele sostiene attivamente l’ISIS, al-Nusra e altri gruppi terroristici in Siria – in combutta con Washington per rovesciare Assad.
Fatto: per loro stessa ammissione, gli aerei israeliani hanno bombardato siti siriani più di 200 volte negli ultimi 18 mesi – alleati con i terroristi e con l’aggressione degli Stati Uniti per il cambio di regime.
Fatto: Israele dà aiuto e conforto ai terroristi di Al Qaeda, anche curando i feriti in un ospedale da campo in prima linea sulle alture del Golan.
Fatto: continua il sostegno israeliano per i terroristi in Siria. Lo stesso vale per Washington e gli altri suoi partner imperiali.
Secondo FP, Israele ha fornito terroristi in Siria con armi, salari mensili e altro sostegno materiale.
Il regime di Netanyahu ha mentito, ripetutamente affermando che Israele non è coinvolto nel conflitto siriano. Rimane molto coinvolto, soprattutto in vista di ciò che sembra essere la madre di tutte le battaglie nel paese per liberare la provincia di Idlib da migliaia di miliziani di al-Nusra e altri terroristi. [60.000 secondo recenti stime dell’ambasciatore russo presso l’ONU, AFP, 8 settembre 2018]
Durante gran parte della guerra, le forze siriane hanno ritrovato armi leggere e pesanti fornite dagli stranieri in aree liberate dai terroristi- comprese quelle statunitensi e israeliane.
Secondo FP, Israele ha fornito terroristi in Siria con fucili d’assalto, mitragliatrici, lanciamissili e veicoli – aumentando il sostegno negli ultimi mesi rispetto all’anno scorso.
Terroristi Al Nusra armati da Israele
Un terrorista senza nome citato e citato da FP ha detto che i combattenti anti-Assad si aspettavano che l’intervento israeliano diretto li aiutasse e li proteggesse, aggiungendo:
L’incapacità di Israele di farlo “è una lezione che non dimenticheremo … (Lo stato ebraico) non interessa a … le persone. Non gli importa dell’umanità. Tutto ciò che importa sono i suoi interessi. ”
Un “leader della comunità” senza nome ha detto a FP:
“Fidati di me, Israele rimpiangerà il suo silenzio su ciò che è accaduto nel sud della Siria”.
“Siamo nella nostra città e nelle città vicine a malincuore riconciliati con il regime, ma questa riconciliazione interesserà Israele nel prossimo futuro”.
Elizabeth Tsurkov della FP ha detto di aver intervistato oltre due dozzine di membri di gruppi “ribelli” in Siria per preparare il suo rapporto, dicendo:
“Israele ha cercato di mantenere segreto il suo rapporto con i gruppi. Anche se alcune pubblicazioni lo hanno riferito, le interviste sulla politica estera condotte con membri della milizia (sic) per questa storia forniscono il resoconto più dettagliato del sostegno di Israele a questi gruppi “.
Armi e munizioni israeliane nei depositi dell’ISIS
“Tutti i combattenti hanno parlato a condizione che i loro nomi e fazioni non venissero rivelati”, aggiungendo:
“Un portavoce dell’ambasciata israeliana a Washington ha rifiutato di commentare questa storia”.
È un segreto di Pulcinella che Washington e Israele si associano reciprocamente nelle guerre di aggressione.
Entrambe le nazioni vogliono che la mappa del Medio Oriente sia ridisegnata, la pura e le rivoluzioni colorate siano le loro strategie preferite per raggiungere i loro obiettivi.
Le tattiche includono il desiderio di ottenere, nei paesi presi di mira, che siano suddivisi in più unità territoriali per un controllo più facile, in particolare Iraq, Siria e Libano.
I paesi del Medio Oriente hanno oltre la metà delle riserve di petrolio provate del mondo. Negli anni ’40, il Dipartimento di Stato chiamò l’accesso a loro una “stupenda fonte di potere strategico e uno dei più grandi premi materiali nella storia del mondo”.
Le guerre del nuovo millennio riflettono la strategia di Washington per il controllo di questa risorsa vitale. Non hanno nulla a che fare con la protezione della sicurezza degli Stati Uniti.
Affrontare le scarse risorse aumenta la possibilità di guerre infinite per assicurarle: in Medio Oriente e altrove, il Venezuela è un obiettivo primario per il cambio di regime con tutto ciò che serve per sostituire il governo con un governo fantoccio filo-occidentale.
*Stephen Lendman vive a Chicago. Può essere raggiunto a lendmanstephen@sbcglobal.net .
Il suo nuovo libro come editore e contributore è intitolato “Flashpoint in Ucraina: US Drive for Hegemony Risks WW III.”
Fonte: Global Research
Traduzione: Luciano Lago
Condividi:
Fai clic qui per condividere su Twitter (Si apre in una nuova finestra)
Fai clic per condividere su Facebook (Si apre in una nuova finestra)
Fai clic qui per condividere su Google+ (Si apre in una nuova finestra)

Categorie
conflitti in Medio Oriente
Redazione
Articolo precedente
Salvini reagisce ed attacca Moscovici per l’osservazione su Mussolini: “sciacquati la bocca prima di insultare l’Italia”


Annulla risposta

Captcha *

Digitare il testo visualizzato sopra:

Powered by madidus.
Scrivi un commento
Così agisce "il popolo eletto"per destabilizzare l'intero pianeta e sottomettere i "GOYM".
A luca78 piace questo.