Language
Clicks
3.3k
Fatima.

IL SINODO CHE PRECEDE IL GRANDE AVVERTIMENTO DI GARABANDAL

IL SINODO CHE PRECEDE IL GRANDE AVVERTIMENTO DI GARABANDAL

Gli eventi in Medioriente hanno ritardato di qualche giorno la pubblicazione di questo articolo dedicato ad un ulteriore approfondimento su Garabandal.

Abbiamo detto che un segno annunciatore dei tempi dell’Avvertimento sarebbe stato un importante Sinodo della Chiesa Cattolica. Qui la testimonianza diretta di una suora in contatto con Conchita di Garabandal una delle principali veggenti.

E qui la traduzione

Giornalista: - Suor Nieves Garcia, lei conosce una profezia di Garabandal che si riferisce a un sinodo o un grande sinodo, prima dell'Avvertimento di Garabandal? può dirci qualcosa al riguardo?

Suor Nieves Garcia: - Sì, durante le apparizioni, in una di queste, la Madonna disse a Conchita che prima degli eventi futuri, ci sarebbe stato un sinodo, un sinodo importante. Allora, la zia di Conchita, ascoltando questo da Conchita, le chiese: "ti riferisci al Concilio Vaticano II?" - Dato che in quel periodo c'era il Concilio - poi Conchita disse alla zia: "No, la Madonna non mi ha detto "Concilio", ha detto "Sinodo", e un Sinodo per me, è un piccolo concilio." -

É impossibile per una ragazza di 12 anni, senza conoscenza e senza cultura, parlare di "sinodo", senza che esistesse ancora o senza saperlo, e che addirittura definisca - come ha fatto - il sinodo come un concilio in piccolo. Questo ho detto a don Rafinel, che a sua volta lo ha detto a P. Pesquera, colui che ha scritto i primi libri su Garabandal. Ha anche commentato Jacques Serre, professore presso l'Università di Sorbona di Parigi e mi ha informato che lui considerava (il sinodo) un pre-Avvertimento. E molte lettere di questo professore, scritte in francese, parlano di questo pre-Avvertimento.
Che tutto sia per un amore più grande a Dio e alla Madonna.


Il Sinodo è un istituto collegiale della Chiesa istituito in via permanente con il Concilio Vaticano II. Al tempo di Garabandal pertanto non era ancora stato istituito. E' formato dai vescovi di tutte le diocesi del mondo che nominano dei propri rappresentanti delegati. Si riunisce più o meno ogni tre anni ed ogni volta l’assise è dedicata ad un tema pastorale o teologico che abbisogna di confronto e approfondimento. Il Sinodo è presieduto dal papa ed ha un ruolo puramente consultivo. Alla fine del Sinodo, generalmente un anno dopo, il papa scrive un documento riassuntivo delle conclusioni e di indirizzo per la Chiesa, l’Esortazione Apostolica.

Il primo Sinodo lo si è avuto nel 1967 sotto Paolo VI e l’ultimo, il tredicesimo, lo si è avuto nel 2012 sotto Benedetto XVI. Ma l’Esortazione è stata invece scritta da Ratzinger insieme a papa Francesco e pubblicata nel 2013 sotto il pontificato del papa argentino: la Evangelii Gaudium.

Insieme al Sinodo generale, si svolge a volte un’assemblea straordinaria che serve ad anticipare o preparare i lavori del Sinodo generale. Nel nostro caso ad Ottobre 2014 avremo quest’assemblea straordinaria, preparatoria del Sinodo che si terrà nel 2015 in una data ancora da definire.

Il Sinodo sarà dedicato al tema della famiglia e già sono cominciati i primi contraddittori pubblici fra vescovi e cardinali che stanno eccitando il clima ecclesiale e che costituiscono quasi una prima volta di aperta discussione mediatica con posizioni a volte contrapposte. Il tema più discusso è quello della comunione ai divorziati risposati, dunque un tema eucaristico che in sostanza riguarda direttamente il modo in cui deve essere intesa l’Eucaristia. Il papa stesso ha mostrato fastidio per queste contrapposizioni pubbliche e soprattutto perché incentrate su un tema che è solo uno degli aspetti che dovranno essere trattati. Ma l’attenzione continua ad essere rivolta sullo stesso punto; appare quindi chiaro come il principio di spaccatura sia sul senso dei sacramenti: matrimonio, peccato-confessione e dunque accostamento alla comunione.

Chi mi segue sa bene che considero il fenomeno di Garabandal come un fenomeno prettamente eucaristico e dunque il tema del Sinodo che precede l’Avvertimento potrebbe avere la stessa caratteristica.

Par di capire che il Sinodo che annuncerà l’Avvertimento sarà un’assemblea piuttosto importante e forse lo sarà per via del clima di confusione in cui si troverà la Chiesa. D’altronde l’Avvertimento è un fenomeno che riguarderà soprattutto i cristiani.

Fra tutti i Sinodi che ci sono stati questo sulla famiglia si annuncia veramente movimentato e probabilmente già da Ottobre si potranno avere segnali in tal senso. Ovviamente non è detto che sia questo il Sinodo di cui si è parlato a Garabandal, ma le date sembrano effettivamente combaciare. Qualora infatti fosse il Sinodo del 2015 ci troveremmo ad avere con probabilità nel 2016 un’Esortazione Apostolica che potrebbe segnare un importante spartiacque e quindi entro l’Aprile del 2017 potrebbero avere luogo l’Avvertimento e il Miracolo.

Le situazioni politiche in rapido deterioramento per via delle crisi sociali e militari in mezzo mondo sono un altro segnale che tempi risolutivi si stanno approssimando. I conflitti regionali hanno il potenziale per aggravare la crisi economica e sociale e soprattutto portarla in Europa, la culla di ogni grande cambiamento.

Negli ultimi Rami del Poema Temporale abbiamo vari riferimenti alla crisi interna alla Chiesa e mi sono chiesto se vi fosse qualche accenno a questo difficile Sinodo.

Dal Ramo IV del 2000 “La Chiesa degli Ultimi Tempi”

Write a comment …