Lingua
Click
623
marco18 3 1

Cecchi Paone: Ratzinger era 'omofobo', con Bergoglio abbiamo una Chiesa misericordiosa

Si sente spesso parlare di “omofobia” ma non se ne capisce bene il significato. I cattolici spesso vengono chiamati “omofobi”, lei che ne pensa?
Non si è “omofobi” in quanto cattolici. Abbiamo visto nel giro di pochissimi mesi che si può essere cattolici e massimamente “omofobi” come succedeva seguendo la pastorale, come la chiamate voi cattolici, di Ratzinger, di Bertone e di Ruini. Essi dichiaravano esplicitamente che il dovere dei cattolici è quello di impedire la propaganda omosessuale e di evitare questa deriva. Abbiamo visto ultimamente che è arrivato un papa, Bergoglio, che ha ribaltato completamente non la dottrina, che non può cambiare, ma la comunicazione della dottrina all’esterno, dicendo: «chi sono io per giudicare un gay», quindi per condannarlo.
Cosa significa questo per Cecchi Paone?
Bergoglio sostanzialmente sta dicendo ai pastori della Chiesa cattolica di cambiare fortemente atteggiamento e di diventare profondamente misericordiosi e amorevoli nei confronti di persone che invece vivevano un grande problema per via di una certa concezione nella società.
Si può dire che nell’immaginario collettivo dell’ambiente gay abbiamo i cattolici ratzingeriani, “omofobi”, ed i cattolici bergogliani, “misericordiosi”? Ma allora tutti i santi che erano molto misericordiosi ma condannavano la pratica del sesso contro natura (come lo definisce il Catechismo)?
Voi cattolici dovete scegliere se essere ratzingeriani ad oltranza, che è un vostro rischio, oppure essere francescani, intendo dire che seguono gli insegnamenti di papa Francesco, che va esattamente in senso inverso, che consente di nuovo a laici e cattolici come me di lavorare insieme per il benessere dei singoli e della collettività.
[…] Lei capisce che se Bergoglio inventa delle novità dottrinali, io devo credere alla Chiesa e non a Bergoglio, questo perché la Chiesa non è affatto di Bergoglio e non muta la dottrina dogmatica (fede e morale). Altrimenti commetterei peccato mortale. La Chiesa non condanna l’omosessualità ma la pratica del sesso omosessuale …
[Cecchi Paone interrompe garbatamente e dice] non c’è differenza fra omosessualità e pratica del sesso omosessuale.
Proseguo con la domanda. Lei dice che Bergoglio non altera la dottrina ma pastoralmente insegna il contrario della dottrina. È un controsenso. Lei cosa risponde?
Per me è impossibile dare una risposta nel merito perché questo è un problema di voi cattolici. Io non mi permetto, da non cattolico, di decidere chi ha ragione per esempio fra Ratzinger e papa Francesco dal punto di vista della dottrina della Chiesa, però dico che per il benessere dei singoli e per il benessere della società preferisco Francesco. Oggi noi possiamo finalmente parlare liberamente, possiamo dare testimonianza, con posizioni diverse possiamo collaborare affinché la gente viva meglio e più serenamente.
Quindi secondo Cecchi Paone ha ragione Bergoglio?
Chi abbia ragione alla luce della Parola di Dio non mi permetto di dirlo ed è davvero un problema dei cattolici.
Uso un termine forte. Se Bergoglio in questo momento fosse un truffatore che, con i soldi delle vedove e dell’8×1000, usa il suo pulpito per insegnare una dottrina non cattolica, approfittando dei consensi comuni e del fatto che la gente non conosce neanche i 10 comandamenti, lei sarebbe favorevole ad un truffatore?
Come ho già detto, lo ripeto, la riflessione che lei fa non è un mio problema, non saprei cosa dirle, non sarebbe corretto da parte mia esprimermi poiché non sono esperto in materia. Il mio punto di vista da laico è che oggi la Chiesa cattolica mi presenta un papa che ha questo tipo di pastorale accondiscendente con i gay, sostengo che questo tipo di comunicazione fa bene ai singoli e fa bene alla società.
Nel 2011 presso l’Osservatorio delle Nazioni Unite a Ginevra fu presentata una relazione ufficiale dove si dimostra, dati alla mano, che fra tutti i casi di pedofilia attribuiti alla Chiesa cattolica, nella realtà solo il 7% erano crimini commessi da preti cattolici, mentre il resto provenivano da ambienti protestanti, islamici e di talmudisti (giudei). Inoltre di questo 7%, l’80% non erano casi di “pedofilia” ma di “efebofilia” omosessuale, ovvero di preti attratti non da bambini ma da adolescenti dello stesso sesso. Come giustifica il dato e perché la TV insegna una realtà ben diversa?
Non capisco la differenza fra pedofilia ed efebofilia.
Erano sacerdoti che in seminario avevano mascherato la loro omosessualità e poi avevano abusato degli adolescenti chierichetti e fedeli.
Io per fortuna non sono un esperto di questi tipi di crimini, però credo che se anche questi soggetti hanno abusato di adolescenti dello stesso sesso, comunque parlerei sempre di pedofilia. Per esempio, se si abusa di una persona di 12 anni, io credo che si debba parlare sempre di pedofilia. Credo che soltanto il Regno Unito arrivi al riconoscimento di con sensualità del rapporto dai 14 anni in avanti. Sotto i 14 anni è sempre considerato un abuso. Li chiamerei, dunque, pedofili.
Nel 1974 l’APA derubricò dai Manuali di Diagnostica (DSM ecc…) la patologia omosessuale a seguito di una votazione favorevole di circa il 38% dei partecipanti. In 7.000 circa non si presentarono affatto, 400 circa si astennero e 3.700 circa espressero parere negativo. Una decisione più che medica, direi ideologica?
Penso solamente che se tale votazione dovesse avvenire oggi si arriverebbe al 99% dei consensi.
Eppure il DSM IV ai punti F66.1 e F66.2 lascia ben intendere che l’orientamento sessuale ‘ego-distonico’, anche nel caso di eterosessuali, è ricollegabile alla sfera psichica, è sanabile mediante trattamento. Quindi non nega un trattamento ripartivo ma fa solo differenza fra l’omosessualità ‘ego-sintonica’ (diciamo ‘normale’) ed ‘ego-distonica’ che sarebbe curabile. Lei che dice, non le sempre incongruente come cosa?
È una domanda prettamente medica di natura tecnica, quindi preferirei non rispondere e la invito a confrontarsi con uno psichiatra.
La ringrazio per il tempo dedicatoci e per la sua gentilezza e disponibilità al confronto. Ha altro da aggiungere? Cosa dice della vile aggressione alle Sentinelle in Piedi da parte di ambienti vicini ad alcuni circoli gay?
Anche io la ringrazio, è stato molto gentile. Anche se lei è cattolico non mi sembra affatto “omofobo”, piuttosto direi che lei è semplicemente un cattolico tradizionale. Io non avrei mai aggredito le Sentinelle in Piedi e condanno il gesto assolutamente.
L’intervista è stata realizzata dall’editorialista politico e religioso Carlo Di Pietro per il free press ControSenso Basilicata, 29 novembre 2014, Monitor. Qui in versione integrale.
da radiospada.org
famigliacattolica
Cecchi paone...ma vai a lavorare ..veramente!
Maurizio Muscas
Omofobia é un non senso etimologico innanzitutto. Infine nel CCC é chiaramente descritto il peccato di sodomia.
Walter
Questi sono i frutti di Bergoglio, Cecchi Paone e Sodomiti vari pensando di aver ragione! Nessun pentimento...anzi... Altro che i discepoli dell'annunciazione o poveri e trasandati. Peggio dei politici...