Clicks1.5K

Papa Bergoglio alla frutta: "Il sovranismo? Mi ricorda Hitler"

Roma, 9 ago – Ci stavamo preoccupando, era da qualche tempo che Bergoglio non ci regalava uno dei suoi pistolotti su quanto il sovranismo sia il male del mondo, e su quanto ci farebbe bene permettere che milioni di persone provenienti dall’Africa si riversassero nel Vecchio continente. Eccoci serviti.

Spunta i nome del Führer

In un’intervista a La Stampa Papa Francesco si dice così preoccupato del sovranismo da arrivare ad estrarre dal cilindro – fa sempre scena menzionarlo – il nome di Hitler. “Il sovranismo è un atteggiamento di isolamento. Sono preoccupato perché si sentono discorsi che assomigliano a quelli di Hitler nel 1934. ‘Prima noi. Noi, noi’: sono pensieri che fanno paura”, e prosegue spiegando che “Il sovranismo è chiusura”, perché “Un Paese deve essere sovrano, ma non chiuso. La sovranità va difesa, ma vanno protetti e promossi anche i rapporti con gli altri Paesi, con la Comunità europea”. Delle due, ti invitiamo a sceglierne una, papa Francesco. Poi si decide: “Il sovranismo è un`esagerazione che finisce male sempre: porta alle guerre”. Stessa stigmatizzazione per i populismi: “Stesso discorso per i populismi. All’inizio faticavo a comprenderlo perché studiando Teologia ho approfondito il popolarismo, cioè la cultura del popolo: ma una cosa e’ che il popolo si esprima, un`altra è imporre al popolo l`atteggiamento populista. Il popolo è sovrano (ha un modo di pensare, di esprimersi e di sentire, di valutare), invece i populismi ci portano a sovranismi”.

Promemoria sui porti aperti

Ovviamente non poteva mancare il “memo” del Pontefice sui porti aperti: “Mai tralasciare il diritto più importante di tutti: quello alla vita. Gli immigrati arrivano soprattutto per fuggire dalla guerra o dalla fame, dal Medio Oriente e dall’Africa”, per arrivare alle colpe dell’uomo bianco: “Sulla guerra, dobbiamo impegnarci e lottare per la pace. La fame riguarda principalmente l’Africa. Il continente africano è vittima di una maledizione crudele: nell’immaginario collettivo sembra che vada sfruttato. Invece una parte della soluzione è investire lì per aiutare a risolvere i loro problemi e fermare così i flussi migratori”. E conclude sciorinando i soliti quattro punti: “vanno seguiti dei criteri. Primo: ricevere, che è anche un compito cristiano, evangelico. Le porte – sottolinea infine – vanno aperte, non chiuse. Secondo: accompagnare. Terzo: promuovere. Quarto integrare“.
Non poteva mancare infine, il plauso a Greta, l’ecologista pane e mortadella (di seitan) cavallo di Troia di ben altre ideologie di sapore progressista: grandi lodi per il ‘Fridays for future’ quindi: “Ho visto un loro cartello che mi ha colpito: ‘Il futuro siamo noi!'”.
Cristina Gauri
ilprimatonazionale.it
QUALCUNO DICA A PAPA BERGOGLIO che se il sovranismo fosse quello che intende lui, oltre a quello di Hitler (chissà perché malmenare solo i tedeschi e non anche le dittature latinoamericane), farebbe venire alla mente anche quello dello Stato Pontificio (di cui è Sovrano) e delle sue secolari e attuali ingerenze nelle competenze che appartengono “a Cesare”. Ma per fortuna molti non seguono le sue …More
QUALCUNO DICA A PAPA BERGOGLIO che se il sovranismo fosse quello che intende lui, oltre a quello di Hitler (chissà perché malmenare solo i tedeschi e non anche le dittature latinoamericane), farebbe venire alla mente anche quello dello Stato Pontificio (di cui è Sovrano) e delle sue secolari e attuali ingerenze nelle competenze che appartengono “a Cesare”. Ma per fortuna molti non seguono le sue indicazioni politiche che spettano, appunto, ai governi delle nazioni.
studer
Sovranismo democratico è l'essenza della democrazia. Il sovrano è il potere costituente e può soltanto essere limitato da Dio e dalla legge naturale. Nessuna altra istanza mondana ha il diritto di privare un popolo della sua sovranità che riconosce all'uomo una dignità regale, quindi giudicante che le deriva dal verbo incarnato, nel cui corpo sussite il popolo cristiano. Il riconoscimento della …More
Sovranismo democratico è l'essenza della democrazia. Il sovrano è il potere costituente e può soltanto essere limitato da Dio e dalla legge naturale. Nessuna altra istanza mondana ha il diritto di privare un popolo della sua sovranità che riconosce all'uomo una dignità regale, quindi giudicante che le deriva dal verbo incarnato, nel cui corpo sussite il popolo cristiano. Il riconoscimento della dignità umana nella luce di Cristo li conferisce una digintà regale che conicide con il riconoscimento del potere sovrano del cittadino inquanto rappresentante delle famiglie e dell' interesse della nazione con il rispetto della sua dignità!
Dileggiando l'impegno per la preservazione e l'incremento della sovranità popolare si calpesta il rispetto per la dicnità regale dell'uomo.
Sentite qui Bergoglio cosa chiede ad un ex prete sodomita

www.youtube.com/watch
Un vicario di Cristo non dovrebbe immischiarsi in queste cose. Schierarsi per una fazione o per un altra è sterile spiritualmente. Le ideologie da combattere sono ben altre ma pare invece aderire apertamente ad esse. L'uomo che si fa dio di se stesso è l'idolo di questo argentino con così apparente poca fede da far tremare i polsi a pensare che sia il vicario di Cristo.
giandreoli and 2 more users like this.
giandreoli likes this.
Pietro da Cafarnao likes this.
Araba-Fenice likes this.
Fuori dai piedi ritorna dai tuoi amici
nolimetangere likes this.
Che pena
É ora di finirla con lo spaccio a Santa Marta!!