Lingua
Francesco I 11 12

Il Vescovo Gracida proclama con forza il suo CREDO

Cattedrale della SS Trinità, Miami, Florida .

Mons. Gracida di Miami (Florida) dall'alto dei suoi 94 anni, lancia un pesante atto di accusa contro Bergoglio.


Io, RÉNÉ HENRY GRACIDA., Con ferma fede credo e professo ogni cosa e ciò che è contenuto nel Simbolo Apostolico, e precisamente:

Primo

Credo in un solo Dio, Padre onnipotente, creatore del cielo e della terra, di tutte le cose visibili e invisibili. Credo in un solo Signore Gesù Cristo, l'Unigenito Figlio di Dio,
nato dal Padre prima di tutte i secoli. Dio da Dio, luce da luce, vero Dio da vero Dio, generato, non creato, consustanziale con il Padre; Tutto è stato fatto tramite lui. Per noi uomini e per la nostra salvezza discese dal cielo e per mezzo dello Spirito Santo si incarnò nella Vergine Maria e divenne uomo. Per la nostra salvezza fu crocifisso sotto Ponzio Pilato, subì la morte e fu sepolto, e risuscitò il terzo giorno secondo le Scritture. È asceso al cielo ed è seduto alla destra del Padre. Tornerà di nuovo nella gloria per giudicare i vivi e i morti e il suo regno non avrà fine. Credo nello Spirito Santo, il Signore, che dà la vita, che procede dal Padre e dal Figlio, che con il Padre e il Figlio è adorato e glorificato, che ha parlato attraverso i profeti. Credo in una Chiesa, santa, cattolica e apostolica. Confesso un solo battesimo per il perdono dei peccati e attendo con ansia la risurrezione dei morti e la vita del mondo a venire. Amen.

Con fede ferma, credo anche a tutto ciò che è contenuto nella parola di Dio, sia scritta o tramandata nella Tradizione, che la Chiesa, sia con un giudizio solenne o dal Magistero ordinario e universale, propone di essere creduta come divinamente rivelata.
Accetto anche fermamente e ritengo ciascuno e ogni cosa definitivamente proposto dalla Chiesa riguardo all'insegnamento della fede e della morale.
Inoltre, aderisco alla sottomissione religiosa della volontà e dell'intelletto agli insegnamenti che il Romano Pontefice o il Collegio dei Vescovi pronunciano quando esercitano il loro autentico Magistero, anche se non intendono proclamare questi insegnamenti con un atto definitivo.

SECONDO
Credo che Joseph Cardinal Ratzinger sia stato legittimamente eletto Papa da un conclave di Cardinali e abbia legittimamente guidato la Chiesa sotto il nome di Papa Benedetto XVI.

TERZO
Credo che papa Benedetto XVI sia stato forzosamente costretto a dimettersi dall'ufficio di papa e lo abbia fatto per mezzo di una lettera che ha letto a un incontro di cardinali, non però riuniti in conclave, e che quindi credo che le dimissioni non fossero valide.

QUARTO
Credo che nella sua lettera di dimissioni papa Benedetto si sia dimesso dal potere di giurisdizione ma non abbia rassegnato le dimissioni dal potere petrino, cfr "La Chiesa del Verbo Incarnato ", pagine 21-27, del cardinale Charles Journet. Credo che questo atto di Papa Benedetto (una "condivisione del papato" nelle parole dell'arcivescovo Georg Ganswein, suo segretario) sia un'innovazione, la cui legittimità dovrà essere determinata nella storia, ma è una realtà con cui dobbiamo attualmente convivere.

QUINTO

Credo che l'elezione di Jorge Maria Cardinal Bergolio nel Conclave del 2013 sia stata forse illecita o invalida o entrambe a causa delle disposizioni della Costituzione Apostolica Universi Dominici Gregis promulgata da San Giovanni Paolo II.
Questa Costituzione Apostolica proibiva il tipo di cospirazione confessata dai Cardinali della "Mafia di San Gallo", la cui cospirazione era soggetta ad una scomunica automatica. È impossibile che un cardinale scomunicato sia eletto papa !!!

SESTO
Credo che fino a quando l'elezione di Jorge Maria, il cardinale Bergolio alla cattedra di Pietro, sia dichiarata invalida da un conclave dei cardinali della Chiesa, egli esercita, di fatto, il potere di giurisdizione condiviso con lui da papa Benedetto, come finché papa Benedetto sarà vivo.

SETTIMO
Credo che in caso di morte di papa Benedetto XVI, presupponendo la decadenza di Jorge Maria Bergolio, alias Francesco, diventi imperativo che il Decano del Collegio cardinalizio convochi un Conclave del per determinare se era o non era valida la "condivisione del papato" di Papa Benedetto e, di conseguenza, se l'elezione del cardinale Bergolio fosse valida e se fosse accertato che non lo era, dichiarare la sede di Pietro vacante e fissare la data per un nuovo Conclave eleggere un nuovo papa.

OTTAVO
Credo che nell'intervallo di tempo che precede il prossimo Conclave per l'elezione del Papa prossimo venturo, riguardo a tutti gli atti di Francesco che si contraddicono o si oppongono formalmente o accidentalmente alla rivelazione divina, cioè tutto ciò che è contenuto nella parola di Dio, sia scritta o tramandata dalla Tradizione, che la Chiesa, con un giudizio solenne o con il Magistero ordinario e universale, si propone per essere creduta come divinamente rivelata, tutti i cattolici possano legittimamente rifiutare l'assenso da tali atti.

NONO

Credo che ogni laico cattolico abbia un obbligo morale, seguendo l'esempio dei cattolici del IV secolo riguardo all'eresia di Ario, per dare espressione vocale o scritta di opposizione a tutti i chierici che insegnano o predicano qualsiasi dottrina o prassi che contraddica rivelazione divina, cioè tutto ciò che è contenuto nella parola di Dio, sia scritta o tramandata nella Tradizione, che la Chiesa, sia con un giudizio solenne o dal Magistero ordinario e universale, propone di essere creduta come divinamente rivelata.

DECIMO
Credo che l'unico modo in cui i cattolici possono prepararsi a qualsiasi piano di Nostro Signore Gesù Cristo come mezzo per risolvere la crisi attuale nella Chiesa sia di rafforzare le virtù soprannaturali di fede, speranza e amore in sè stessi attraverso la preghiera, specialmente la preghiera liturgica e adorazione del nostro Signore eucaristico approfondendo la loro comprensione di ciò in cui credono attraverso lo studio degli scritti dei Dottori della Chiesa.

UNDICESIMO
Credo che le norme pastorali emanate da alcuni vescovi che applicano l'insegnamento contenuto in AmorIs Laetitia siano almeno eterodosse se non eretiche e stanno facendo molto danno ai fedeli.

DODICESIMO
Credo che a causa della sua natura divinamente stabilita, la disciplina dei sacramenti non debba mai contraddire la parola rivelata di Dio e la conseguente fede della Chiesa nell'assoluta indissolubilità di un matrimonio rato e consumato.

TREDICESIMO
Credo che l'Enciclica Veritatis Splendor di San Giovanni Paolo II sia forse l'insegnamento magisteriale più importante di ogni papa nel 20 ° secolo e che la negazione della verità contenuta in quell'enciclica esista in tale categoria di atti umani intrinsecamente malvagi e quindi assolutamente proibito per l'uomo. Quando si tratta di norme morali che vietano il male intrinseco, non ci sono privilegi o eccezioni per nessuno.

QUATTORDICESIMO
Credo che, come insegna la Chiesa, le persone che soffrono di un'eccessiva attrazione per altri dello stesso sesso debbano essere amate e consigliate per aiutare loro a rimanere caste ed evitare quegli atti sessuali che sono stati condannati nella Sacra Scrittura .

abyssum.org/i-believe/
Francesco I ha menzionato questo post in Il Vescovo Gracida proclama con forza il suo CREDO.
Francesco I
@Diodoro
La deriva massonica iniziò proprio con Giovanni Battista Montini il quale mise le basi per l'Anschluss mortale con i luterani distruggendo la messa cattolica

L’eresia antiliturgica da Lutero a Paolo VI
non solo :
Cinquant'anni fa Paolo VI cedeva al ricatto massonico ed all'Islam. Così si indeboliva la Chiesa Una, Santa, Cattolica ed Apostolica
non dimentichiamo anche il suo atteggiame… Espandi
Diodoro
@Acchiappaladri Esattamente, carissimo. I prelati non eretici di oggi tendono a pensare "Questo pazzerello ha ottant'anni. Poi Dio -forse- avrà pietà di lui, e la Chiesa tornerà a navigare".
Non si accorgono di stare imitando gli eretici degli ultimi 50 anni (da quando Paolo VI fu "condannato a morte" per aver scitto Humanae Vitae), che hanno sempre pensato "Il Papa morirà; poi ci metteremo … Espandi
Diodoro
@Sempliciotto Sono scomunicati E sono in Vaticano. Perché il Papa avrebbe dovuto scomunicarli, ma il Papa non c'è. La "mens" della manovra è stata proprio "Quando avremo piazzato un compagno sul Soglio, saranno paralizzati"
N.B. il vescovo Gracida fu, per 14 anni sotto San G.P. II, ordinario della diocesi texana di CORPUS CHRISTI !!!

Attenzione ai piccoli segni che la Provvidenza a volte ci lancia per aiutare chi è abbastanza umile e attento da notarli a non perdere la retta via anche in mezzo alle nebbie sulfuree.
luca78
Meravigliosa testimonianza di fede e di resistenza Cattolica!
@Sempliciotto "... perché allora non viene raccolta la denuncia... ?"
Tanto per cominciare ... perché comandano, stracomandano GLI ALTRI (anche perché vediamo che anche le eccellenze e le eminenze che hanno ancora accesa una fiammella di fede cattolica sembra che abbiano il DNA più imparentato con quello dei conigli che con quello dei leoni).
Poi perché, probabilmente in buona fede, hanno domina… Espandi
Sempliciotto
@Diodoro

Allora perché non sono scomunicati, ma sono tutti ancora li?
Diodoro
@Sempliciotto Perché è impossibile. Si tratterebbe di mettere in mora (impeachment) il "Papa" dicendo che probabilmente non è Papa, poi istruire un procedimento che porti alla luce ufficialmente ciò che è già evidente (l'esistenza almeno decennale di un "gruppo di lavoro" per l'elezione di un Papa-Non-Dogmatico), infine realizzare un documento che dica "La Sede è vacante dal 2013".
Nulla di tutt… Espandi
Sempliciotto
Ok, siamo tutti d'accordo, perché allora non viene raccolta la denuncia, destituito chi indebitamente occupa una sede non sua, ed eletto finalmente il Papa dopo cinque anni di sede vacante?
Stev33
Finalmente un vescovo che parla chiaro. Meraviglioso