Lingua
CooperatoresVeritatis 5

ADDIO anche alla Memoria di sant'Agnese


Usciamo con questo editoriale per un aggiornamento triste, forse l’ennesimo.

Siamo stati “aggiornati” da un breve comunicato di Mons. Eleuterio Favella, vedi qui, che così riporta:

“Domattina, 21 gennaio, contrariamente a una antica e risalente tradizione, il papa non benedirà gli agnellini dalla cui lana si tessono i pallii dei metropoliti.
Dopo essere stata traslata negli ultimi anni dalla consueta collocazione nella Cappella di Urbano VIII del Palazzo apostolico, nella ben più anonima hall di S. Marta, la breve e significativa cerimonia – che evidentemente non dice più nulla agli attuali occupanti d’Oltretevere – è stata soppressa senza apparenti giustificazioni, con buona pace dei Padri trappisti delle Tre Fontane, i quali allevano gli agnelli, del Capitolo lateranense – titolare dell’antico censo – che formalmente li consegna al pontefice, e delle Monache benedettine di S. Cecilia in Trastevere, incaricate da secoli di crescere le bestiole, tosarle e ricavarne la lana necessaria alla tessitura, cui ancora provvedono con zelo ed acribia.
Pur con alcune modifiche, la sacra cerimonia – di tradizione puramente romana – era sopravvissuta ai mutamenti rituali del post-Concilio, ed era particolarmente amata anche da pontefici che romani non erano, ovvero Giovanni Paolo II e Benedetto XVI il quale non mancava di mostrare il suo notorio affetto per gli animali, nella circostanza.
Dopo il progressivo ridimensionamento degli ultimissimi anni, questa soppressione è un altro passo, piccolo ma paradigmatico, sulla via dell’inarrestabile degrado abbracciato dalla “chiesa in uscita” che dei segni sacri, evidentemente, non sa più cosa farsene.”

Siamo andati a sbirciare negli aggiornamenti delle Cerimonie Liturgiche del Pontefice ed effettivamente – per domani – non è più prevista alcuna azione del Papa…. Per il 21 gennaio 2018 il Papa era in Viaggio apostolico e perciò “assente giustificato“…. mentre per il 21 gennaio 2017 egli c’era ed era segnalata nel Calendario, vedi qui, la “Presentazione degli agnelli benedetti nella Festa di Sant’Agnese“. Mentre rimase assente anche il 21 gennaio 2014. Quindi dovrebbe essere ufficiale: per domani 21 gennaio, nonostante il Papa sia presente e non ci sono previsti impegni di lavoro, egli non benedirà più gli agnelli per i pallii dei Metropoliti Arcivescovi. Così è, facciamocene una ragione…

Questa mesta notizia ci porta ad aggiornare il triste elenco sulle abolizioni di eventi importanti per la Chiesa, di cui parlammo già qui.

– Abolita la Messa pubblica del Pontefice, per la Solennità dell’Assunta al Cielo il 15 agosto;

– abolita l’Adorazione Eucaristica con il Pontefice durante le visite apostoliche o le GmG, negli incontri con i giovani;

– imposti alla Chiesa i Primi Vespri per il Creato del primo settembre, alla presenza del sommo Pontefice;

– aboliti i Primi Vespri di Avvento – con o senza il Pontefice;

– abolito il saluto al Santissimo Sacramento da parte del sommo Pontefice, durante le visite alle Chiese;

– abolita l’Adorazione Eucaristica durante gli incontri religiosi in piazza San Pietro. Durante l’Anno del Giubileo della Misericordia non è stata fatta una sola adorazione al Santissimo, pubblicamente;

– abolita la presenza del sommo Pontefice all’unica Processione pubblica romana del Corpus Domini, quando i Papi in passato, prigionieri nella Città del Vaticano, si limitavano a farla nella Piazza, pur di non far mancare ai fedeli questa preziosa testimonianza: Pietro, umilmente in ginocchio, davanti al Re dei re.

– abolito l’uso delle colombe per l’ultima domenica di gennaio, all’Angelus, per il consueto saluto all’Azione Cattolica, sostituito con il lancio dei… palloncini colorati…

– abolita la benedizione papale per il Primo dell’Anno all’Angelus, in rispetto dei non credenti (??) si legga qui; ed anche qui.

– abolita oggi la tradizionale Benedizione papale degli agnelli per la composizione dei sacri pallii degli Arcivescovi…

Cosa dire? Preghiamo! E ascoltiamo i moniti paolini che nessuno predica più:

“Verrà giorno, infatti, in cui non si sopporterà più la sana dottrina, ma, per il prurito di udire qualcosa, gli uomini si circonderanno di maestri secondo le proprie voglie, rifiutando di dare ascolto alla verità per volgersi alle favole. Tu però vigila attentamente, sappi sopportare le sofferenze, compi la tua opera di annunziatore del vangelo, adempi il tuo ministero…” (2Tim 4,1-5).

Noi vi lasciamo con queste breve video… ad perpetua memoriam….

FONTE, QUI
Diodoro
@nolimetangere Questo è un giusto parallelo con il Vangelo
nolimetangere
@Diodoro: No, non c' è alcun Papa.
Non c' è alcun amministratore fedele.

I malvagi garzoni hanno buttato via la maschera, si sono rivelati per quel che sono e fanno i padroni.
Si sono appropriati delle chiavi e spadroneggiano.
Stiamo aspettando il Padrone di casa, che torni.
I romani si potranno consolare domattina a Sant'Agnese fuori le Mura con la messa e la benedizione degli agnellini alle ore 10.
Diodoro
Scusate la ripetizione: voi pensate che ci sia un Papa?
veramente ne abbiamo due.... ma è evidente che uno solo lo sia, però si è ritirato assumendosi la responsabilità di questo grande casino..... affermando di rimanere papa "orante".... è evidente che per noi il papa è dunque Benedetto XVI, ma si è ritirato quindi non avendo noi la sfera di cristallo per sapere come andrà a finire possiamo azzardare al fatto che questo pontificato sarà dichiarato … Espandi