Clicks384

Per la nostra vita spirituale - Nel mondo siamo soli e incompresi come Gesù

I Giudei dicevano al popolo parlando di Gesù: Egli è un indemoniato e impazzisce; perché state a sentirlo?
Il Figlio di Dio, la Sapienza eterna, trattato da pazzo! Come possiamo mai sperare, noi, un trattamento diverso dal mondo, quando glorifichiamo Dio? Il mondo ci considera come squilibrati e il demonio tenta così di farci temperare talmente lo spirito cristiano con facili condiscendenze alle stoltezze della vita terrena, da non conservarlo più in noi. È così che diventiamo schiavi del rispetto umano e finiamo spesso per non conservare in noi altro che l'apparenza dello spirito cristiano. Non dobbiamo piuttosto ritorcere l'insulto al mondo, stimandolo per quello che è, folle e indemoniato? Possiamo abdicare alla nostra libertà interiore per gli stupidi apprezzamenti e giudizi di chi è schiavo del male? Quale uso e quale legge sociale potrebbe mai giustificare il nostro allontanamento dalla pietà o anche il semplice rilassamento nei doveri della nostra professione cristiana? Alziamo la fronte, per carità, scuotiamo il giogo che ci opprime, respiriamo l'aria salutare del Cielo e siamo contenti di essere considerati come folli dal mondo, per non apparire insensati nel giorno del Giudizio!
Gesù Cristo parla, conferma la sua parola con i miracoli, ma i Giudei non gli credono e non ascoltano la sua voce perché non sono sue pecorelle. Seguiamo Gesù, nutriamo l'anima nostra dei suoi insegnamenti, con i suoi Sacramenti e col vitale alimento che ci viene dalla sua Chiesa, se vogliamo essere pecorelle dei suoi pascoli e ascoltarne la voce. Com'è possibile essere cristiani e avvelenarci alle putride fonti del mondo? Quanti distruggono in se stessi i germi della grazia e spengono nell'intelletto la luce della verità, leggendo libri stolti, partecipando a conversazioni o a spettacoli frivoli e gettando nel loro cuore, a piene mani, le cattive sementi delle passioni! Siamo gelosi della nostra Fede, siamo tutelatori accorti dei tesori che da essa ci vengono e udremo la voce di Gesù ogni volta che si fa sentire nel nostro cuore e ogni volta che ci parla per mezzo della Chiesa.
Quanto è difficile vivere nel mondo e conversare con le creature!
Siamo pecorelle di Gesù e dobbiamo andare dietro a Lui con grande docilità. È un titolo di sommo onore e un'immensa grazia. Che c'importa del mondo? Non ci accorgiamo che la vita sfugge e che il mondo non è nostra eredità? Ci siamo per morirvi e possiamo dire che esso è la nostra bara che si forma quasi a strati a strati con gli anni della nostra vita. Ogni giorno vi aggiunge una particella e l'ultimo giorno della vita la trova completa. Ora, chi si attaccherebbe alla sua bara?
Andiamo dietro a Gesù, buon Pastore, Vita e Risurrezione nostra; ogni giorno passato con Lui ci prepara alla Vita eterna e alla risurrezione, ogni comunione con Lui è un contatto d'immortalità, ogni conversazione con Lui è un'inondazione di luce e di grazia per noi, poiché Egli solo è la Via, la Verità e la Vita. Vivendo con Gesù e di Gesù saremo certi di vivere un giorno nell'eterna gioia, poiché nessuno potrà strapparci da Lui.
Solo Gesù ci comprende e si fa capire da noi
È tanto difficile vivere nel mondo e conversare con le creature; è tanto arduo comprendersi e farsi capire; occorre una continua vigilanza e molta prudenza per non generare, anche con le persone più care, incidenti spiacevoli, e si vive quasi palpitando di angosciosa incertezza.
Gli angoli del mondo che crediamo illuminati dalla scienza e dall'arte, ahimè, da lontano affascinano, ma da vicino sono pieni di nebbia e soffocanti per la polvere della materia che vi si leva. Solo i pascoli di Gesù sono tranquilli e luminosi, solo Egli ci comprende e si fa capire, solo il suo amore ci appaga e ci sazia. Andiamo dunque da Lui e riposiamoci sotto la sua guida nel suo campo ubertoso, la Chiesa, per godere la tranquillità e la pace amandolo, la felicità e la gloria raggiungendolo nell'eternità.
Nel mondo cerchiamo invano la compagnia; siamo soli, dobbiamo essere soli, e possiamo dire che il bilancio di ciascuna giornata passata a contatto con le creature, siano anche le più buone e care, è questo solo: “Gesù, Tu solo mi comprendi, solo con te non ci sono equivoci e malintesi, Tu solo sei buono, solo Tu mi sazi e mi consoli, solo Tu sei il mio Amore e la mia Meta, e io voglio essere solo tua pecorella. Ogni giorno che passa m' induce, per esperienze penose, a ridurre le mie parole, la mia franchezza, le mie effusioni con le creature; ogni giorno mi accorgo che cammino fra le spine e capisco che Tu ci vuoi solo e tutti per te, perché Tu solo puoi saziarci d'amore e di pace nei tuoi pascoli”.

Tratto da “ I quattro Vangeli – Commento al Vangelo di Giovanni – del Sac. Dolindo Ruotolo – da pag. 1918 a pag.1920

carlopaola.blogspot.com/…/per-la-nostra-v…
Don Dolindo, SACERDOTE D'ALTRI TEMPI, PURTROPPO!!
Carlo e Paola likes this.
@Giuseppe Di Tullio E' verissimo! Dio ti benedica
Giuseppe Di Tullio likes this.
TommasoG and one more user like this.
TommasoG likes this.
alda luisa corsini likes this.
Giuseppe Di Tullio and 4 more users like this.
Giuseppe Di Tullio likes this.
Micheleblu likes this.
osturent69 likes this.
il vandea likes this.
lu io likes this.
TommasoG
Grazie, grazie Carlo e Paola che mi avete fatto assaggiare lo scritto di don Dolindo Ruotolo! Che Iddio vi benedica!
@TommasoG Grazie a te che hai apprezzato... Allora Lode a Dio! Una Gioiosa Giornata.
TommasoG likes this.
Carlo e Paola likes this.
TommasoG likes this.