Lingua
Click
272
marco18

Articolo sul Card. Burke a Piacenza: tra fedeltà alla dottrina e imbarazzo della Curia.

Come detto in un nostro precedente post (qui), il Card. Burke lo scorso fine settimana (12-15 marzo 2015) ha tenuto una serie di conferenze nel Nord Italia (Biella, Verona, Piacenza, Correggio) sul tema della dottrina cattolica in merito al matrimonio, e ha presentato il libro "Permanere nella Verità di Cristo", edito da Cantagalli lo scorso 2014.

Riportiamo di seguito un articolo (inviatoci da un amico che ringraziamo) molto onesto sulla conferenza a Piacenza, nella Sala di Palazzo Galli, sede della Banca di Piacenza, dove si è tenuta la conferenza piacentina del Card. Burke.
In esso è riportato fedelmente il proposito del Cardinale (difendere la dottrina cattolica sul matrimonio e sul ruolo dell'uomo e della donna, attaccata dal Card. Kasper) ed è evidenziata l'avversità timorosa del vescovo locale Mons. Gianni Ambrosio (il quale, durante la riunione del consiglio presbietare della medesima mattina, avrebbe detto che il libro "Permanere nella Verità di Cristo" e il "pensiero" del Cardinale, potrebbero ostacolare il lavoro di riforma attuata da Papa Francesco...).
Unico appunto critico da muovere all'articolo è avere attribuito al Card. Burke la leadership di quella fazione (che brutto termine) di cattolici ultraconservatori della Chiesa Cattolica: il Card. non apprezza tale designazione e ribadisce che conservare la dottrina (una e immutabile) non può essere motivo di etichettamenti "faziosi".
Ci dicono i nostri contatti locali, che le conferenze del Cardinale hanno riscontrato un gran successo: il pubblico era molto più ampio di quello legato al movimento liturgico del Summorum Pontificum, e questo con buona pace delle varie curie locali che hanno manifestato malumori per le "visite" del Cardinal Burke nei loro rispettivi territori di giurisdizione, ad eccezione di quella di Verona il cui Vescovo Zenti ha tenuto ad incontrare il Cardinale in spirito aperto e benevolo.
Il successo di questo "tour" la dice lunga sul sentire reale del popolo cattolico nei confronti di chi, come Kasper, non si stanca di voler "aggiornare" la Chiesa...

.

Da: Messainlatino