it.news
51

Vescovi tedeschi: sinodo contro celibato e morale

I vescovi tedeschi hanno deciso il 14 marzo all'unanimità di avviare un "processo sinodale" riguardante il "potere del clero", il celibato e la morale sessuale.

A settembre, i vescovi presenteranno un'idea e una serie di scadenze per le loro delibere. Ci saranno tre responsabili:

• Il vescovo di Osnabrück, Franz-Josef Bode, promotore della fornicazione gay, sarà responsabile della morale sessuale.

• Il vescovo di Münster, Felix Genn, nemico dei seminari Cattolici, sarà responsabile del celibato.

• Il vescovo di Speyer, Karl-Heinz Wiesemann, protore della Comunione ai Protestanti, si occuperà del "potere del clero".

Foto: © Mazur/catholicnews.org.uk, CC BY-SA, #newsStfpdtmmgx
A questi personaggi,di Cristo e della salvezza delle anime non importa un fico secco...... davvero squallido!!
A Maurizio Di Naccio piace questo.
Fanno anche finta di discutere come se non ci fosse un'agenda già pronta...
Marziale
"Trattali come Madian, come Sìsara,
come Iabin al torrente Kison:
essi furono distrutti a Endor,
divennero concime dei campi. "
I Vescovi e i Teologi che propongono l'abolizione del celibato (va ricordato che non è mai imposto ma solo dono ricevuto dal Signore e riconosciuto dalla Chiesa!) rinuncerebbero a una ricchezza che contraddistingue la Chiesa latina senza mortificare le Chiese orientali. Sono Vescovi e Teologi che mi fanno supporre che, con questo loro modo di pensare, se fossero stati con gli Apostoli accanto a …Espandi
I Vescovi e i Teologi che propongono l'abolizione del celibato (va ricordato che non è mai imposto ma solo dono ricevuto dal Signore e riconosciuto dalla Chiesa!) rinuncerebbero a una ricchezza che contraddistingue la Chiesa latina senza mortificare le Chiese orientali. Sono Vescovi e Teologi che mi fanno supporre che, con questo loro modo di pensare, se fossero stati con gli Apostoli accanto a Gesù, avrebbero chiesto al Maestro di non dover lasciare proprio tutto per seguirlo (ricchezze, campi, padre e madre, sì, ma non moglie e i figli). Alla sua risposta poi ("proprio tutto") gli avrebbero detto che esagerava: permettendo loro di seguirlo con le spose, avrebbe potuto contare su Apostoli più numerosi e più sereni. Di più. Forse avrebbero suggerito a Gesù stesso di sposarsi pure lui per avere così una migliore e diretta conoscenza della vita matrimoniale e un maggior equilibrio psico-affettivo. Non s'offendano però quei Vescovi e Teologi! Vorrei che si trattasse solo una mia ipotesi fantasiosa dalla quale vogliano dissentire... Buttino pure via i denari che si fanno dare dai fedeli, ma non buttine le perle evangeliche!