Clicks2.7K
signummagnum
96

Messa "una cum Francisco" invalida? Un falso problema, ecco perchè! [E con questo la questione è chiusa...]

QUESITI
Se un sacerdote che ha perso la fede consacri l’Eucaristia e assolva validamente.

1) Se il sacerdote che celebra la Santa Messa ha perso la Fede nella Presenza Reale di Cristo nell’Eucaristia, pur recitando in maniera formalmente corretta le parole della Consacrazione, avviene la Transustanziazione?

2) Se, nel celebrare in modo formalmente corretto, mentre recita le parole della Consacrazione “intende fare ciò che fa la Chiesa recitandole” ma non crede affatto ai loro effetti (la Transustanziazione), il pane e il vino si trasforma nel Corpo e Sangue di Cristo o rimane semplice pane e vino?

3) Lo stesso quesito si pone per gli altri Sacramenti, specialmente quello della Riconciliazione: se il sacerdote non crede nel suo sacerdozio ministeriale e considera la Confessione come un colloquio tra amici, oppure la pensa come Lutero, ancorché pronunciasse le parole canoniche dell’assoluzione, la sua “assoluzione” è valida e ratificata da Dio oppure no?

RISPOSTE

1) “Ad validitatem” per la consacrazione eucaristica si richiede che il sacerdote abbia l’intenzione di celebrare il sacramento secondo la “mens” di Gesù Cristo che ha istituito questo sacramento. Anche se lui non credesse più, la consacrazione è valida.

2) Ugualmente la consacrazione è valida anche per la seconda domanda. Nel celebrare, questo sacerdote, ormai miscredente, accetta però di fare ciò che intende fare la Chiesa, e quindi avviene la transustanziazione.

3) È valida anche l’assoluzione data da un prete che ormai abbia perso la fede.

(cfr. in Internet: www.facebook.com/flx/warn/)

►Il motivo generale è questo: che il sacramento non dipende dalla fede e dalla santità del ministro. È sufficiente che il ministro accetti di essere strumento di Cristo.

►Il Magistero della Chiesa ha fissato come dogma di fede che per l’amministrazione del Battesimo non si richiede la fede del ministro (Concilio di Trento).

►È prossimo alla fede, anche se non è dogma, che questo vale anche per tutti gli altri sacramenti. Negare ciò che è prossimo alla fede significa essere prossimi all’eresia. Dunque è ben certo che non è richiesta la fede.

Per ritenere che il sacerdote che non ha fede NON CONSACRI VALIDAMENTE dovrebbe egli avere l’intenzione di non voler fare ciò che intendeva Cristo e quindi la Chiesa. Senza questa esplicita o implicita intenzione e/o manifestazione, in lui – anche non credendo nella transustanziazione o nel sacramento della Confessione – opera il sacramento dell’ORDINE, che è deputato alla consacrazione eucaristica e all’assoluzione sacramentale (“ex opere operato”).

Il sacerdote infatti opera IN PERSONA CHRISTI: è Cristo stesso che opera nello strumento del sacerdote consacrato con il Sacramento dell’ORDINE, anche se il sacerdote stesso fosse in peccato mortale od abbia perso totalmente la Fede. Se un sacerdote pertanto pronuncia correttamente le parole della consacrazione o dell’assoluzione esse sono valide per la validità del Sacramento. Perché è Cristo stesso che consacra e che assolve attraverso il mezzo del sacerdote consacrato con il Sacramento dell’ORDINE.

Può certamente avvenire che il sacerdote – senza esprimerlo pubblicamente – intenda proprio intenzionalmente NON CONSACRARE, senza che i fedeli possano saperlo e capirlo. In questo caso, e in ogni caso che uno abbia dubbi se il sacerdote abbia consacrato o meno, bisogna seguire quanto detto da Gesù stesso a Santa Caterina da Siena e riportato nel “Dialogo della Divina Provvidenza” ((libro scritto dalla Santa durante le estasi e apparizioni avute di Gesù, e che l’ha fatta dichiarare “Dottore della Chiesa”): “Il popolo – dice Gesù a Santa Caterina da Siena – deve pregare con condizione: se questo ministro ha detto quel che debba dire, CREDO VERAMENTE CHE TU SIA CRISTO, FIGLIO DI DIO VERO E VIVO, DATO A ME IN CIBO DAL FUOCO DELLA INESTIMABILE CARITA’, E IN MEMORIA DELLA TUA DOLCISSIMA PASSIONE E DEL GRANDE BENEFICIO DEL SANGUE, IL QUALE SPANDESTI CON TANTO FUOCO D’AMORE PER LAVARE LE NOSTRE INIQUITA’. Facendo così, la cecità di colui (il sacerdote che non consacra) non darà loro (al popolo) tenebre, adorando una cosa per un’altra: SEBBENE COLPA DI PECCATO VI SIA, QUESTA E’ SOLO DEL MINISTRO” (Santa Caterina da Siena, DIALOGO DELLA DIVINA PROVVIDENZA).

Preciso che il caso cui fa riferimento Gesù a Santa Caterina – e riportato nel “Dialogo della Divina Provvidenza” – è quello dei sacerdoti del suo tempo, i quali pronunciavano le parole della consacrazione in silenzio, non udibili dai fedeli. In tali casi avveniva che certi sacerdoti che vivevano in peccato mortale, pensando che celebrando in tale stato – senza premettere la confessione – commettevano un sacrilegio consacrando, allora fingevano di consacrare non dicendo mentalmente le parole della consacrazione, ma – dopo la finta consacrazione – mostravano ai fedeli l’Ostia come se fosse stata consacrata, inducendoli perciò in un atto di idolatria di un semplice pane. In tali casi, appunto, il popolo non aveva colpa di tale atto di idolatria che involontariamente commettevano, ma l’aveva solo il sacerdote, che per non fare un sacrilegio personale, faceva però anche un peccato più grave inducendo l’idolatria (di un pane non consacrato) nel popolo inconsapevole. Oggi tuttavia è più difficile che avvengano simili casi, perché la Chiesa al sacerdote fa pronunciare a voce alta le parole della consacrazione, da tutti udibili, ed anche se il sacerdote non ha più la fede, ma pronuncia quelle parole secondo le intenzioni di Cristo e della Chiesa, LA CONSACRAZIONE AVVIENE SEMPRE.

Prof. GIORGIO NICOLINI

******************************************************************

Per evitare confusioni dottrinali, bisogna perciò sempre rifarsi all’insegnamento magisteriale e dogmatico della Chiesa Cattolica, altrimenti si fa una grande e pericolosa confusione. Un conto è la validità dei Sacramenti, un conto è l’essere “in comunione con un eretico” (papa o non papa che sia). Gli ortodossi, per esempio, sono scismatici, NON SONO IN COMUNIONE CON IL PAPA DELLA CHIESA CATTOLICA, tuttavia quando i loro sacerdoti celebrano la Messa, la consacrazione è VERA e VALIDA, anche se gli ortodossi non sono in comunione con il Papa (chiunque sia). I loro Sacramenti (tutti e sette) sono VALIDI, perché hanno la successione apostolica, per cui i Vescovi sono veri Vescovi e i Sacerdoti sono veri Sacerdoti. Però – per una scelta erronea dei secoli passati – non sono in Comunione con la Chiesa di Roma (cioè con il Papa), e quindi sono scismatici. Tuttavia, quando consacrano il pane e il vino – secondo come Gesù ha voluto nell’Ultima Cena – la consacrazione e il sacrificio della Messa avviene realmente, nonostante siano scismatici: e questo perché i loro Vescovi e i loro Sacerdoti hanno ricevuto il sacramento dell’Ordine, il sacramento istituito da Gesù Cristo. I protestanti, invece, non hanno i Sacramenti: sono semplici laici e i loro pastori sono solo “laici”, privi del sacramento dell’Ordine, perché non hanno la successione apostolica. Un sacerdote cattolico, perciò, che consacra – indipendentemente dalla sua adesione ad un Papa (vero o no, eretico o no), consacra validamente se celebra la Messa secondo l’intenzione di Cristo che l’ha istituita (la Messa) e ne è (Gesù) il sacerdote principale che consacra il pane e il vino o assolve dai peccati nel Sacramento della Confessione. Il sacerdote, infatti, agisce solo IN PERSONA CHRISTI. Ma è Cristo che – attraverso il sacerdote “ordinato” – consacra e assolve.

*********************************************************

In proposito è bene sapere che le Chiese ortodosse hanno conservato la successione apostolica, il sacramento dell’Ordine, tutta la ricchezza dell’Eucaristia e condivide con la Chiesa cattolica anche la stessa parola del Signore. Questo è quello che la Chiesa cattolica e quella ortodossa hanno in comune.

E sebbene l’unione tra la Chiesa cattolica e la Chiesa ortodossa non sia ancora completa, è già perfetta nella grazia, attraverso i sacramenti.

Per questo motivo i cattolici possono ricevere i sacramenti dell’Eucaristia, della Penitenza e dell’Unzione degli infermi in una chiesa ortodossa; per esempio, un turista in una regione dove non ci sono chiese cattoliche può andare da un ministro ortodosso (Decreto Unitatis redintegratio del CVII, 16) (Canone 844, 2).

E, viceversa, i sacerdoti cattolici possono amministrare questi tre sacramenti ai fedeli ortodossi che ne faccia richiesta in presenza di un motivo per giustificarlo. (Decreto Orientalium Ecclesiarum CVII, 27) (Canone 844, 3).

****************************************************

Dice Don Curzio Nitoglia a proposito della messa UNA-CUM: Non vi è dunque nessun peccato nel nominare nel “Canon Missae” il nome del Papa ritenuto, ma non provato, decaduto dal Pontificato perché ammesso e non concesso che non sia membro della Chiesa per eventuale indegnità o eresia, ne resta il Capo e il fondamento visibile quanto al governo. Quindi è lecito celebrare e assistere alla Messa “una cum” senza commettere alcun peccato mortale.

Un battezzato scellerato per vita immorale o per mancanza di fede, ma eletto canonicamente Papa non è più membro vivo o tout court della Chiesa, però ne resta il Capo (anche se indegno) quanto al potere di giurisdizione. Quindi la governa visibilmente e lo si deve nominare nel Canone della Messa senza per questo macchiarsi di peccato e sporcare la Chiesa, che è Santa quanto alla sua natura (Corpo Mistico di Cristo), al suo fine (il Cielo), alla sua origine (Dio) e ai suoi mezzi (Sacramenti, Magistero infallibile e Leggi), ma è composta di membri santi e peccatori per divina volontà. Il Papa come membro può essere un peccatore anche contro la fede, ipoteticamente potrebbe essere considerato “eretico”, ma solo in maniera puramente investigativa o dubitativa, come quando S. Tommaso d’Aquino si chiede in forma fittiziamente dubitativa “An Deus sit / Se Dio esista” (S. Th., I, q. 2, a. 3), tuttavia in entrambe i casi resterebbe Capo visibile (anche se indegno) della Chiesa quanto al governo di Essa.

Ora privare oggi, in questo mondo infernale, i fedeli della Messa tradizionale perché viene celebrata nominando nel Canone il nome del Papa regnante è un azzardo scellerato, che espone la maggior parte dei fedeli al rischio prossimo di non poter vivere in stato di grazia abitualmente, privandoli di tutti Sacramenti amministrati “una cum”.

I fedeli possono andare ad ogni Messa tradizionale (celebrata anche non “una cum”). Infatti è il Ministro che risponde a Dio delle sue scelte, mentre il fedele deve solo rispondere se ha osservato o meno il 3° Comandamento: “Ricordati di santificare le feste”.

Non dimentichiamo mai l’insegnamento dell’Angelico secondo cui “Dio non abbandona mai la sua Chiesa al punto da non poter trovare ministri sufficienti per le necessità del popolo” (S. Th., Suppl., q. 36, a. 4, ad 1).

Ora, se gli unici Sacramenti leciti fossero quelli amministrati non “una cum”, i ministri cattolici sarebbero forse un centinaio su un miliardo e mezzo di fedeli cattolici. Quindi sarebbero totalmente insufficienti per le necessità del popolo.

Prof. GIORGIO NICOLINI

************************************************************

ULTERIORI PRECISAZIONI RIGUARDO ALLE PROBLEMATICHE SULLA VALIDITA’ DELLA MESSA — PRECISAZIONI TEOLOGICHE DI SAN TOMMASO D’AQUINO (dottore della Chiesa) —

1) Un sacerdote che ha detto le parole stabilite da Cristo per la consacrazione del pane e del vino (credente o incredulo sulla transustanziazione, ma con l’intenzione almeno implicita di fare secondo la “mens” di Cristo), SUBITO DOPO fa avvenire realmente la TRANSUSTANZIAZIONE, cioè il pane e il vino divengono VERO CORPO e VERO SANGUE di Cristo.

2) Le parole successive alla transustanziazione del sacerdote riguardo alla “UNA CUM”, cioè alla preghiera per il papa (detta dal sacerdote, cosciente o meno di eresie di un papa o che sia papa o no) NON ANNULLA la TRANSUSTANZIAZIONE già avvenuta in precedenza, quindi l’Eucaristia è VALIDA (cioè, Gesù NON SI RITIRA riguardo alla avvenuta presenza nell’Ostia consacrata e vi permane fintantoché le specie eucaristiche non siano consumate): perciò l’Eucaristia è vero Corpo e vero Sangue di Gesù (da adorare) e la Messa è valida anche se celebrata “UNA CUM” con un papa che si ritiene eretico.

3) I sacerdoti che abbiano ricevuto validamente l’ORDINAZIONE sacerdotale, se divenuti eretici, o scismatici, o scomunicati, celebrano VALIDAMENTE l’Eucaristia, cioè la consacrazione avviene realmente, in forza del sacramento dell’ORDINE ricevuto, anche se la loro celebrazione è ILLECITA, e perciò commettendo un peccato mortale.

4) Riguardo al punto più cruciale della partecipazione alla Messa di eretici, scismatici o scomunicati, è vero che non si deve partecipare alla loro Messa, ma tale obbligo sussiste solo quando essi – dice San Tommaso – sono privati dell’esercizio dei loro poteri da UNA SENTENZA DELLA CHIESA; perciò,chiarisce San Tommaso, “FINO ALLA SENTENZA DELLA CHIESA – pubblica e notoria – E’ LECITO RICEVERE LA COMUNIONE DA ESSI E ASCOLTARE LA LORO MESSA”, rimanendo valida e lecita l’una e l’altra (la Comunione eucaristica e la partecipazione alla Messa).

5) Riportando Sant’Agostino, San Tommaso precisa la liceità di cui sopra, in quanto ad un cristiano è “PROIBITO GIUDICARE GLI ALTRI per ARBITRARIO SOSPETTO (non possiamo cioè sapere se il sacerdote è consapevole o meno di partecipazione ad una eresia e/o ad una “falsa chiesa”, citando nel canone il nome di un papa ritenuto eretico, ma che, in realtà, dalla stragrande maggioranza dei sacerdoti è probabilmente fatto in assoluta “buona fede”, credendo cioè che egli sia il vero papa e che non sia un eretico; e così anche è creduto dalla maggior parte dei fedeli).

Prof. GIORGIO NICOLINI

*******************************************************

UN FALSO PROBLEMA
CIRCA LA VALIDITA’ DELLA SANTA MESSA —

Il problema UNA CUM, cioè della comunione con un papa eretico o che si suppone neppure sia papa E’ UN FALSO PROBLEMA, perché non ha nulla a che vedere con la validità della consacrazione, che avviene solo e soltanto per le parole consacratorie QUESTO E’ IL MIO CORPO (sul pane), QUESTO E’ IL CALICE DEL MIO SANGUE (sul vino), indipendentemente che si preghi per un papa ritenuto eretico o addirittura che neppure sia papa. Affermare il contrario è UNA CONTRADDIZIONE lampante, che mette in dubbio tutto, anche la stessa PRESENZA REALE DI CRISTO NEI TABERNACOLI.

Entrando in una Chiesa, infatti, come si fa a sapere se l’Ostia riposta nei Tabernacoli è stata consacrata da un sacerdote in comunione con un papa “vero” o con un papa “eretico” o neppure con un papa, dal momento che non si è stati presenti alla Messa di consacrazione di quella Ostia poi riposta nel Tabernacolo?… Non si potrebbe essere più certi di nulla!… E’ evidente l’ASSURDITA’!…

Si sta facendo perciò una grande e pericolosa confusione. Un conto è la validità dei Sacramenti, un conto è l’essere “in comunione con un eretico” (papa o non papa che sia). Gli ortodossi, per esempio, sono scismatici, NON SONO IN COMUNIONE CON IL PAPA DELLA CHIESA CATTOLICA, tuttavia quando i loro sacerdoti celebrano la Messa, la consacrazione è VERA e VALIDA, anche se gli ortodossi non sono in comunione con il Papa (chiunque sia). I loro Sacramenti (tutti e sette) sono VALIDI, perché hanno la successione apostolica, per cui i Vescovi sono veri Vescovi e i Sacerdoti sono veri Sacerdoti. Però – per una scelta erronea dei secoli passati – non sono in Comunione con la Chiesa di Roma (cioè con il Papa), e quindi sono scismatici. Tuttavia, quando consacrano il pane e il vino – secondo come Gesù ha voluto nell’Ultima Cena – la consacrazione e il sacrificio della Messa avviene realmente, nonostante siano scismatici: e questo perché i loro Vescovi e i loro Sacerdoti hanno ricevuto il sacramento dell’Ordine, il sacramento istituito da Gesù Cristo. I protestanti, invece, non hanno i Sacramenti: sono semplici laici e i loro pastori sono solo “laici”, privi del sacramento dell’Ordine, perché non hanno la successione apostolica. Un sacerdote cattolico, perciò, che consacra – indipendentemente dalla sua adesione ad un Papa (vero o no, eretico o no), consacra validamente se celebra la Messa secondo l’intenzione di Cristo che l’ha istituita (la Messa) e ne è (Gesù) il sacerdote principale che consacra il pane e il vino o assolve dai peccati nel Sacramento della Confessione. Il sacerdote, infatti, agisce solo IN PERSONA CHRISTI. Ma è Cristo che – attraverso il sacerdote “ordinato” – consacra e assolve.

Tanti miracoli eucaristici (Lanciano, Bolsena…) non sono forse avvenuti anche quando e perché il sacerdote DUBITAVA della TRANSUSTANZIAZIONE?… Nonostante ciò, con il miracolo del pane divenuto CARNE e del vino divenuto SANGUE Cristo ha voluto mostrare che le parole del sacerdote dubbioso o incredulo COMPIVANO UGUALMENTE LA CONSACRAZIONE, cioè la TRANSUSTANZIAZIONE…

Riguardo al NOVUS ORDO, inoltre, è da ricordare ancora che la formula della Consacrazione nella Messa NON E’ MAI STATA CAMBIATA. Essa è costituita infatti dalle sole parole QUESTO E’ IL MIO CORPO (sul pane), QUESTO E’ IL CALICE DEL MIO SANGUE (sul vino). Con queste sole parole avviene la consacrazione, anche se non vi fosse null’altro prima e dopo di esse. Certi Vescovi e sacerdoti in prigionia (per le persecuzioni comuniste) riuscivano a celebrare la Messa e a fare la Comunione in pochi secondi pronunciando di nascosto queste sole parole su un frammento di pane ed una goccia di vino (nascostamente ottenuti). Naturalmente questi erano casi eccezionali, leciti nella persecuzione. Fuori di tali casi non è lecito ad alcun sacerdote omettere il rito stabilito dalla Chiesa o cambiarne i contenuti: commetterebbero un peccato mortale, pur rimanendo valida la consacrazione per quelle sole parole della consacrazione.

Prof. GIORGIO NICOLINI

Fonte:

benedettoxviblog.wordpress.com/…/andate-a-messa-…
Nell'articolo citato si legge: «Riguardo al NOVUS ORDO, inoltre, è da ricordare ancora che la formula della Consacrazione nella Messa NON E’ MAI STATA CAMBIATA. Essa è costituita infatti dalle sole parole QUESTO E’ IL MIO CORPO (sul pane), QUESTO E’ IL CALICE DEL MIO SANGUE (sul vino)».

Purtroppo ciò non risponde al vero. Prima della riforma post-conciliare (ossia, nei riti celebrati secondo il …More
Nell'articolo citato si legge: «Riguardo al NOVUS ORDO, inoltre, è da ricordare ancora che la formula della Consacrazione nella Messa NON E’ MAI STATA CAMBIATA. Essa è costituita infatti dalle sole parole QUESTO E’ IL MIO CORPO (sul pane), QUESTO E’ IL CALICE DEL MIO SANGUE (sul vino)».

Purtroppo ciò non risponde al vero. Prima della riforma post-conciliare (ossia, nei riti celebrati secondo il Messale approvato da papa Giovanni XXIII nel 1962) la formula per la consacrazione del pane era:

«HOC EST ENIM CORPUS MEUM.»
(In italiano sarebbe: «Questo è infatti il mio corpo»).

e per la consacrazione del calice era:

«HIC EST ENIM CALIX SANGUINIS MEI,
NOVI ET AETERNI TESTAMENTI:
MYSTERIUM FIDEI: QUI PRO VOBIS
ET PRO MULTIS EFFUNDETUR IN
REMISSIONEM PECCATORUM.»

(In italiano sarebbe: «Questo è infatti il calice del mio sangue, della nuova ed eterna alleanza, mistero della fede, che sarà sparso per voi e per molti in remissione dei peccati»).

Quindi la modifica delle formule consacratorie purtroppo avvenne.

Il Catechismo del Concilio di Trento tratta questi argomenti, specificando quali siano le forme del sacramento da ritenere per fede, ai n. 215 (pane) e 216 (vino).

Il Concilio di Firenze aveva stabilito quanto segue:
«Ma poiché nel decreto per gli Armeni, riportato sopra, non è stata espressa la forma delle parole che la sacrosanta chiesa romana – confermata dalla dottrina e dall’autorità degli apostoli Pietro e Paolo – ha sempre usato nella consacrazione del corpo e del sangue del Signore, abbiamo creduto opportuno inserirla nel presente testo. Nella consacrazione del corpo del Signore essa usa questa formula: Questo è, infatti, il mio corpo. In quella del sangue, invece: Questo è il calice del mio sangue del nuovo ed eterno testamento, mistero della fede, che sarà versato per voi e per molti in remissione dei peccati.» (Sessione XI, “Bolla di unione dei Copti”, 4 febbraio 1442)

In conclusione:
1) non è vero che le formule del Novus Ordo Missae siano uguali a quelle "di prima";
2) non è vero che le formule siano costituite soltanto dalle parole "Questo è il mio corpo" e "Questo è il mio sangue".

+

Quanto alla menzione del nome del Papa nel Canone della S. Messa, detta menzione non è una condizione necessaria per la validità dell'Eucaristia. L'esempio delle celebrazioni degli scismatici orientali è perfetto.

Le condizioni per la validità di ogni Sacramento sono: 1) materia 2) forma 3) ministro che abbia l'intenzione di fare ciò che fa la Chiesa.
Pietro da Cafarnao and 2 more users like this.
Pietro da Cafarnao likes this.
A scuola da Dio likes this.
sebastiana mastio likes this.
Acchiappaladri
@signummagnum Amico mio, non si metta a ridere ma "ogni schioppo ha la sua mira" :-D (è la traduzione italiana del vecchio detto che mia mamma pronunciava in dialetto bolognese).
Come ho visto poco fa il titolo di questo suo post ... ho subito pensato male ;-)
Nel senso che ho intuito, ricordando un suo commento di forse un paio di mesi fa (quando qui su Gloria.TV si commentava la problemati…More
@signummagnum Amico mio, non si metta a ridere ma "ogni schioppo ha la sua mira" :-D (è la traduzione italiana del vecchio detto che mia mamma pronunciava in dialetto bolognese).
Come ho visto poco fa il titolo di questo suo post ... ho subito pensato male ;-)
Nel senso che ho intuito, ricordando un suo commento di forse un paio di mesi fa (quando qui su Gloria.TV si commentava la problematica opinione teologica sulla condizionata invalidità della messa "Una cum Francisco" sorprendentemente dichiarata durante l'estate dal rev. don A. M. Minutella) con il quale lei proclamava all'incirca testualmente "don Minutella è finito", che lei volesse dichiarare "E con questo la questione è chiusa ..." riferendosi proprio alla provocatoria (il che non significa che sia cattiva necessariamente) opinione predicata masochisticamente da don Minutella che così ha perso molti (io stimo che sia la maggioranza) di quelle poche migliaia di amici (alcuni trasformati in suoi astiosi nemici) che in due anni di insolitamente esplicito e coraggioso apostolato via internet si era fatto.

Ho scorso il testo del suo post e in realtà NON ho trovato alcun riferimento esplicito a don Minutella.
Noto che il post è una compilazione di brevi scritti di didattica popolare del benemerito maestro Giorgio Nicolini (che mai ringrazierò abbastanza per la sua coraggiosa apologetica del miracolo di Loreto) e che, almeno in gran parte, furono pubblicati il 6 Luglio 2018, nel pieno della infuocata polemica [fra noi "quattro capponi di Renzo" ... e già questo dovrebbe far riflettere ;-) ... e sorridere amaramente] sulla "provocazione" teologica di don Minutella. Per un paio di mesi (prima che sospendesse la sua presenza su internet) ho sentito più volte don Minutella citare (esplicitamente o implicitamente) il M.o Nicolini come novello attivo nemico dell'insegnamento minutelliano sull'imbarazzante invalidità condizionata della messa.

Mi permane quindi, ragionando "andreottianamente", il sospetto che il suo schioppo voglia mirare alla "provocazione" di don Minutella.
È così?

Se no:
chiedo scusa del mio sospetto e mi limito a ringraziarla di aver riproposto qui quella utile raccolta di recenti note dottrinali del M.o Nicolini sull'argomento dei casi di invalidità di santa messa e sacramenti. Riguardo a quella raccolta mi permetto solo di osservare che nel lettore meno istruito (io ad esempio) può nascere qualche confusione perché non sempre è bene evidenziato ciò che è dogma, ciò che deriva da autorevole anche se non dogmatico magistero della Chiesa e ciò (molto, direi) che è rispettabilissima opinione teologica del M.o Nicolini e di tanti altri, morti e viventi, che la pensano come lui su qualche punto.
Noto che il M.o. Nicolini incorre in ripetizioni (quasi inevitabili in una compilazione) e anche in alcune contraddizioni e/o strumentalmente utilizza di alcuni teologi per altro in forte disaccordo con lui solamente una loro opinione. Mi riferisco ad esempio alla citata nota, bizzarra, opinione teologica del rev. don Curzio Nitoglia che deriva quel suo convincimento da riferimenti dai quali altri teologi ugualmente rispettabili fanno derivare un'opinione OPPOSTA a quella del Nitoglia, il quale in passato concordava con quella opinione e poi cambiò idea (il rev. Nitoglia, che stimo molto per la sua chiarezza e il coraggio di espressione di opinioni teologiche e politiche molto scomode al giorno d'oggi, su molti argomenti ha convincimenti che non mi risulta che siano condivisi dal M.o Nicolini). Se fosse utile, volentieri potrò a richiesta evidenziare alcuni punti delle note del Nicolini che IMHO andrebbero migliorati a beneficio del discente.

Si tratta comunque di brevi note informali (ripeto, IMHO utili: ad esempio il richiamo alla prudenza nel rispetto di ciò che è "prossimo alla Fede" o quel bel insegnamento di Santa Caterina da Siena che mi conforta perché poveramente avevo pensato qualcosa di simile) e sono certo che se il M.o Nicolini dovesse scrivere sull'argomento un saggio accademico saprebbe ben esprimere la sua opinione con maggiore rigore scientifico.

Se sì:
a rigor di logica QUELLA particolare questione non è chiusa.
A quanto sopra scritto cioè aggiungo che quelle note del Nicolini NON sono risolutive, anzi per la verità NON C'ENTRANO con la sostanza della "provocazione" minutelliana.
Da quello che io ho capito (e non ripeto qui quello che ho già avuto modo di commentare su questo argomento imbarazzante due o tre volte durante l'estate: a mia conoscenza non sono ultimamente emersi fatti nuovi e confermo quanto già detto), come io concordo con tutto quello che di dottrinale o di "prossimo alla Fede" il Nicolini cita, così ritengo che concordi (ovviamente, poiché egli continuamente professava la sua integrale fede nella Dottrina) anche il Minutella.
La "provocazione" di don Minutella riguarda una diversa fattispecie, nuova situazione di grave apostasia apicale nella Chiesa che egli riconosce (altri, e sono ancora la grande maggioranza, invece non la riconoscono) e che avrebbe fatto superare recentemente il LIMITE che l'Onnipotente sovranamente stabilisce per ritirare eccezionalmente (in questo nostro tempo che don Minutella riconosce come eccezionale nei 1984 anni di storia della Chiesa: molti altri invece non ne riconoscono l'eccezionalità escatologica) a certe condizioni (a mia conoscenza mai rigorosamente chiarite da don Minutella in tutti i dettagli, dettagli delicati sopratutto per ciò che è connesso alla soggettività che è sempre rischiosamente prossima all'arbitrio) la Sua Reale Presenza in alcune celebrazioni eucaristiche.
Già dallo scorso Giugno io mi sono stupito, e continuo a stupirmi, che alcuni commentatori, chierici e laici, devoti cristiani di buona cultura dottrinale, si siano maleducatamente scagliati contro don Minutella da una parte senza nemmeno concedergli il beneficio del dubbio e l'opportunità di un pubblico dibattito teologico sui contenuti della sua "provocazione" e dall'altra sparando con i loro schioppi contro da loro presunti errori che in realtà allo stato non risultano essere stati confermati da don Minutella in sue pubbliche dichiarazioni (dichiarazioni inizialmente confuse, poi parzialmente chiarite e da ultimo poi lasciate dall'autore in secondo piano).
Personalmente, così come concordo come sopra detto col Nicolini, non ho motivo per escludere la possibilità che l'Onnipotente, per ragioni che non sono incluse nei canonici motivi di validità o invalidità citati dal Nicolini, ritenga oggi superato il limite così come don Minutella nell'estate 2018 dichiarava pubblicamente di credere, dimostrando a suo dire che questa sua opinione non è vietata dalla Dottrina.

Quando l'Autorità dimostrerà che l'Onnipotente ci ha già rivelato che mai, nelle condizioni particolari alle quali don Minutella si riferisce, vorrà ritirare la Sua Reale Presenza, io disciplinatamente non crederò più possibile l'opinione minutelliana.

In quella sua opinione "provocatoria" come è noto don Minutella dichiarava di essere anche personalmente confermato da sue asserite locuzioni interiori: questo è un argomento che ovviamente ha rilevanza confirmatoria solo per il Minutella o per quelle persone che vogliono crederci (il mio amico don Minutella sa che in questo io non riesco ad avere la sua certezza, ma sicuramente - come su questo sito sopratutto @Tempi di Maria mi ha insegnato trattando di presunti fenomeni soprannaturali che non siano palesemente falsi - non disprezzo il suo convincimento).

Caro @signummagnum , posso però comunicarle (mi creda, non la prendo in giro :-) ) una novità accadutami "per Caso" questa mattina.
Forse c'era una probabilità su un fantastiliardo che giusto alcuni secondi dopo aver letto il titolo di questo suo post mi ritirassi per una pausa fisiologica e leggessi per la prima volta in vita mia la fine di pagina 462 e sopratutto l'inizio di pagina 463 de "I QUADERNI DEL 1945-1950" (seconda edizione) di Maria Valtorta.
Eppure questa coincidenza improbabilissima si è appena verificata ed è essa che mi ha spinto a importunarla con questo mio commento.

Mi sembra che Gesù stesso (per chi voglia ammettere l'ispirazione divina dei dettati ricevuti dalla Valtorta), il Paziente perfetto, abbia voluto misericordiosamente insegnarmi che è corretto credere che Egli ponga un LIMITE alla Sua pazienza e carità e come Egli agisce, e come pure noi che dovremmo seguirLo dobbiamo agire, quando Egli stabilisce che il limite è stato toccato.
E Gesù ci ricorda che ebbe POCHI amici "... e di questi pochi, pochissimi fra i sacerdoti e i dottori."
Questo minuscolo evento personale è per me confirmatorio della opportunità di considerare ancora aperta la questione: e ritenere aperta la questione non implica logicamente di dover credere che l'opinione di don Minutella si sia già avverata. :-)
Veritasanteomnia likes this.
Tempi di Maria
ricgiu
ECCEZIONALE documentazione ampiamente esaustiva sulla validità della Santa Messa in tempi come questi in cui c'è rischio di confusione e in cui non guasta ogni tanto ripassarsi questi elementi di dottrina. Provvidenziali le ultime righe circa la Messa Novus Ordo. Documentazione da archiviare!
Una cosa: di chi è la responsabilità della dispersione delle particelle di ostia durante la …More
ECCEZIONALE documentazione ampiamente esaustiva sulla validità della Santa Messa in tempi come questi in cui c'è rischio di confusione e in cui non guasta ogni tanto ripassarsi questi elementi di dottrina. Provvidenziali le ultime righe circa la Messa Novus Ordo. Documentazione da archiviare!
Una cosa: di chi è la responsabilità della dispersione delle particelle di ostia durante la Comunione in mano?
La devozione, elemento indispensabile durante la Comunione, come si esprime nella fila in piedi o addirittura seduti come nelle comunità Neocatecumenali?
Dove posso trovare la normativa circa il rituale della Sacra Eucarestia? Rispettosamente ringrazio.
A scuola da Dio and 2 more users like this.
A scuola da Dio likes this.
TommasoG likes this.
Tempi di Maria likes this.
solosole
Avanti con don Minutella e quindi avanti con Maria
alda luisa corsini likes this.
TommasoG
«Non lasciate mai di ascoltare con divozione la S.Messa»
Tempi di Maria likes this.
TommasoG likes this.
Pietro81
Concordo, andate a messa con fede, confessatevi e comunicatevi e pregate soprattutto per gli altri, sofferenti, increduli, e peccatori, abbiate buonsenso e discernimento riguardo le cose che vi verranno dette in questi tempi e soprattutto aprite i vostri cuori e pregate con il cuore, non abbiate paura
A scuola da Dio and 4 more users like this.
A scuola da Dio likes this.
Tempi di Maria likes this.
Zimri likes this.
Veritasanteomnia likes this.
TommasoG likes this.
tyrondavid likes this.
Alla fine ognuno scrive per partito preso. È sempre stato così. E sarà sempre così.
Acchiappaladri and one more user like this.
Acchiappaladri likes this.
solosole likes this.
luca78
piccolo problema: i sacerdoti filo-bergogliani NON HANNO INTENZIONE di celebrare con intenzionalità (vedere messa ecumenica valdese celebrata oggi dal vescovo di Caltanissetta) quindi ne consegue che.....