Lingua

Click
376
LA GRAN GIORNATA (nel seggio Dio ti vede, Stalin no)

Acchiappaladri 3 3
Qualche ora fa un conoscente mi ha girato per e-mail un edificante raccontino elettorale di Guareschi sui dubbi (e doveri) che si ponevano a chi andava a votare in quell'Italia di settanta anni fa … Espandi

Scrivi un commento
"OBBEDIENZA CIECA, PRONTA E ASSOLUTA" a un uomo e alla sua ideologia chissà come mai mi fa venire in mente anche certi fatti di cronaca degli ultimi cinque anni ;-) :-D
Mi viene da sorridere pensando alle vignette con i trinariciuti che disegnerebbe oggi Guareschi se fosse un arzillo ultracentenario ;-)
A Sam Gamgee piace questo. 
LA FINE DEL RACCONTO DI GUARESCHI
Mi accorgo ora che per qualche limite tecnico non è stata pubblicata la parte finale del racconto. La riporto di seguito.

"...
"Non è la tua bandiera" sussurrò la voce perfida di don Camillo e un drappo tricolore sventolò davanti agli occhi di Peppone.
"No, io non tradisco! È inutile, maledetti!" disse Peppone ansimando e chinandosi sulla scheda.
Uscì poco …
Espandi
Sam Gamgee
Fantastica ,forse leggermente ose' per i tempi ,ma la battaglia fu durissima ,fino all'ultima scheda . Senza l' Azione Cattolica dei tempi ,Gedda ,le suore di clausura e su tutti Pio XII ,non so se la D.C. ce l'avrebbe fatta . Ma Dio chiese alla Cecoslovacchia di fare la vittima sacrificale ,e ci salvammo.
A antiprogressista piace questo. 
Visualizza 2 altri Mi piace.
Acchiappaladri ha menzionato questo post in Elezioni: si sono fermati gli sbarchi degli invasori.