CORONATIO REGIS CHRISTI UNA CUM BENEDICTO (26 I 2019 AD)

VIVA CRISTO RE! Sono stato combattuto fra due possibili incipit di questo mio commento e poi ho deciso di cominciare così, con quello più importante. Mi sembra infatti sicuramente più importante sott…Espandi
VIVA CRISTO RE! Sono stato combattuto fra due possibili incipit di questo mio commento e poi ho deciso di cominciare così, con quello più importante.
Mi sembra infatti sicuramente più importante sottolineare il motivo principale dell'incontro di preghiera cattolica che si è svolto il pomeriggio di sabato 26 Gennaio 2019 in un centro congressi di Cavaion Veronese: testimoniare la volontà di resistere alla demolizione endogena in corso nella Chiesa e acclamare e adorare Nostro Signore Gesù Cristo Re dell'Universo, concludendo le preghiere con la simbolica incoronazione di una Sua statua.

L'altro incipit che avevo considerato era: "La preghiera gradita al Signore ottiene miracoli" perché mi sembra che un miracolo sia appena avvenuto a Cavaion, certo, miracolo piccolino, ma comunque lietamente sorprendente.

Che cosa ci si poteva aspettare da un incontro di preghiera promosso dal criticatissimo (oggi anche e sopratutto da molti dei cattolici sconcertati da Francesco ma che, nonostante tutto, ancora riconoscono certamente come il Romano Pontefice, pur coprendolo a volte di esplicite accuse di eresia e di critiche al limite dell'insulto) rev. don Alessandro M. Minutella, fresco di una rarissima duplice scomunica per eresia e per scisma emessa dal governo bergogliano, incontro annunciato con poco preavviso, in pieno inverno in Nord Italia, proprio in un periodo di epidemici malanni di stagione e di nevicate e nebbie, in una data non beneficiata da ponti o festività, in un luogo di campagna ameno ma difficile da raggiungere coi mezzi pubblici, senza alcuna pubblicità da parte delle testate giornalistiche cattoliche (e ovviamente men che meno da parrocchie o altre associazioni cattoliche), senza soldi a disposizione, senza l'assistenza di professionisti della organizzazione di eventi di questo tipo???
Che cosa ci si poteva aspettare quando don Minutella stesso aveva ripetutamente detto online che all'incontro NON partecipassero quei cattolici non convinti della validità delle sue più controverse opinioni sullo stato attuale della Chiesa Cattolica, e cioè che non partecipassero:
- coloro che non sono ancora convinti che la drammatica rinuncia di Benedetto XVI sia canonicamente invalida (con conseguente invalidità di tutto ciò che ne è seguito, compresa l'elezione papale di Francesco);
- coloro che - e questo è il punto più scandaloso - hanno già compreso che il papa è ancora, volente o nolente, Benedetto XVI ma continuano ad assistere a messe celebrate in comunione con Francesco, cioè celebrate intenzionalmente in comunione con quello che sarebbe di conseguenza un cardinale antipapa???
Ovviamente il fallimento.

Invece sembra che, nonostante che il promotore avesse fatto quasi tutto quello che umanamente poteva condurre al fallimento dell'incontro, nonostante tantissime strane coincidenze che puzzano di zolfo capitate per ostacolare chi voleva partecipare, l'Onnipotente avesse disposto altrimenti, gradendo l'iniziativa (corre voce che B.V. Maria Santissima lassù ci abbia messo una buona parola ;-) :-D ).

Infatti posso testimoniare che l'incontro di preghiera ha avuto un successo molto al di là di quelle che erano state le più rosee speranze dichiarate dal promotore, successo che per me è dimostrato più che dai numeri (sempre minuscoli in assoluto) da quello "spirito di Verona" che io (e tutti gli altri partecipanti con i quali ho potuto scambiare qualche opinione) ho sentito di nuovo durante le ore di preghiera e poi anche dopo, con una letizia che dura anche ora (e lo mostra anche il sorriso per non mi abbandona mentre scrivo questo articoletto di cronaca).
Testimonio anche che pur essendo in qualche punto ancora un po' dubbioso riguardo ad alcune delle opinioni teologiche dell'amico don Minutella, non sono stato scomunicato ma anzi accolto fraternamente nell'assemblea in preghiera :-)

Rispetto allo scorso incontro (a Pero, Milano, a Settembre 2018, PRIMA della notifica delle due scomuniche a don Minutella: questo è un dettaglio importante) del "Piccolo Resto" che apprezza l'apostolato di don Minutella e dei suoi ancora pochi confratelli che in Italia ora celebrano apertamente "Una cum Benedicto", è molto aumentato il numero dei partecipanti.
Ho stimato un aumento del 20%-25%, con un totale di circa 900 persone che hanno riempito completamente il grande salone del centro congressi, con dozzine di persone rimaste in piedi (anzi, più spesso in ginocchio in devota preghiera) durante le quattro ore dell'evento, dedicato in particolar modo alla testimonianza di fede cattolica di intere famiglie, che ha incluso, con canti in latino e italiano, tutti i pilastri della preghiera cattolica (Confessioni ...tantissime!, Coroncina della Divina Misericordia, Santa Messa Summorum Pontificum Una cum Benedicto, Rosario, Adorazione Eucaristica) e una conferenza di don Minutella su temi di dolorosa attualità ecclesiale.
Alla fine un bambino con sua mamma hanno aiutato un raggiante don Enrico Maria Roncaglia a incoronare simbolicamente Gesù Re dell'Universo con una bella corona in argento dorato donata da alcuni fedeli palermitani.
I partecipanti sono arrivati, anche a prezzo di notevoli sacrifici economici (per quel che ho compreso io, molti dei partecipanti sono di modeste condizioni economiche) e fisici da tutta Italia. Sono stato molto contento di notare fra i fedeli anche numerosi immigrati, cattolici devotamente attenti alla preghiera come tutti gli altri e distinguibili solo per le diverse fisionomie e colorazioni della pelle: una vivente dimostrazione della cattolicità della fede che professiamo.
Alcuni fedeli sono appositamente venuti anche da paesi esteri: di sicuro da Svizzera, Austria, Spagna, Polonia e una famiglia è arrivata in volo da Denver, USA!

Dopo aver ringraziato la Provvidenza per averci concesso questa rara occasione di preghiera comunitaria, ringrazio le decine di volontari laici (sia del Nord Italia che siciliani) che per settimane hanno lavorato, spendendo molto del loro tempo e dei loro soldi, per organizzare l'incontro. E sopratutto grazie ai sacerdoti intervenuti, per l'indispensabile servizio sacramentale che ci hanno offerto.
@Serena exanonimi Un carissimo saluto!!! :-)

Come ad esempio l'estate scorsa ricordava su questo sito @Francesco I , crediamo tutti (noi che cerchiamo di essere cattolici) che Dio non ci chieda cose impossibili. In situazioni inedite, complicate, confuse il cristiano che con, umiltà e sincera misericordia verso gli altri, cerca di comprendere la situazione di crisi della Chiesa sfruttando …Espandi
@Serena exanonimi Un carissimo saluto!!! :-)

Come ad esempio l'estate scorsa ricordava su questo sito @Francesco I , crediamo tutti (noi che cerchiamo di essere cattolici) che Dio non ci chieda cose impossibili. In situazioni inedite, complicate, confuse il cristiano che con, umiltà e sincera misericordia verso gli altri, cerca di comprendere la situazione di crisi della Chiesa sfruttando al meglio le capacità che la Provvidenza gli ha concesso, che cerca di vivere secondo gli insegnamenti definiti per sempre dal catechismo cattolico, che prudentemente si astiene dal seguire riti o insegnamenti che appaiono in palese contrasto con la Divina Volontà rivelataci, per certo non offende gravemente l'Onnipotente. Chiediamo allo Spirito Santo di darci una particolare assistenza, e viviamo peccando poco per meritarcela, per ben orientarci in mezzo a questa confusione, coscienti che ognuno di noi ha tempi diversi per riconoscere il particolare sentiero a lui proposto dalla Provvidenza per ritrovarsi poi sulla Via Maestra casomai si fosse un po' perduto in mezzo alla nebbia.

Il santo sacerdote Vincenzo Ferrer, per quel poco che so di lui (è uno dei tanti argomenti di Storia della Chiesa che dovrei studiare su qualche fonte originale: spero di trovare tempo e determinazione prima o poi), essendo vissuto nel tremendo tempo di TRE sedicenti papi, di cui ovviamente uno solo IL papa e gli altri antipapi, ci dà un buon esempio avendo prima in buona fede riconosciuto l'autorità di un antipapa e poi quella del vero papa, contribuendo attivamente alla ricomposizione dello scandaloso grande scisma della Chiesa.

Uno degli antipapi per la verità mai ebbe l'umiltà di accettare il vero papa: pur progressivamente abbandonato da quasi tutti i potenti del tempo e del clero, continuò ad essere convinto di essere lui il "papa" e nominò dei "cardinali" fino a pochi giorni prima di morire e questo dovrebbe essere considerato da qualche amico sacerdote che ancora oggi cita quasi come argomento principale per essere convinto della validità del papato di Francesco che questi crea i cardinali ;-) .

Quel peccato fu così moderato, alla fine rimediato anche con le buone opere di S. Vincenzo Ferrer, ma evidentemente non a sufficienza perché la Divina Giustizia potesse trattenersi dal permettere quei duri castighi che per decenni clero e laici (anche dopo la ricomposizione del grande scisma, con l'idolatria umanistica e la perversione morale che si diffondeva nel clero anche agli alti livelli) nel mondo cristiano avevano richiesto con i loro peccati. E venne Lutero e tutti gli eresiarchi a lui ispirati, e venne il Sacco di Roma, e vennero epidemie, feroci guerre di religione ecc. E i meriti di altri santi furono necessari almeno per arrestare la conquista islamica dell'Europa.

Ma il buon esempio di S. Vincenzo Ferrer purtroppo per noi oggi viventi è solo parzialmente applicabile alla crisi dentro la quale dobbiamo cercare di salvarci l'anima: il disastro ai tempi di S. Vincenzo era meno grave di quello di oggi. Sono francamente desolato dai tanti, molto più colti e devoti di me, che sembrano ancora oggi non vedere che si stanno giorno per giorno avverando le predizioni scritturali e private (riconosciute, mi limito a quelle) di una crisi della Fede come mai prima vissuta dalla Chiesa.
Ai tempi di S. Vincenzo i litigi feroci fra i 3 (TRE!) sedicenti papi e i partiti che li sostenevano riguardavano l'AUTORITà, insomma c'era una forte base politica in quel contendere, e ognuno dei sedicenti papi scomunicava (immagino in buona fede) gli altri due!
Al di là di loro eventuali peccati personali (ma per quel poco che ricordo quei tre cardinali/"papi" non sono passati alla storia come certi veri papi, prima e dopo di loro, così palesemente immorali che vien da pensare che siano finiti all'Inferno) quelli erano tutti "papi" 100% CATTOLICI per gli atti che rientrano nel dogma della infallibilità papale. Nessuno di quei "papi" ha favorito la diffusione di eresie, nessuno ha ripetutamente e volontariamente compiuto atti di magistero, o che possono essere assimilati al magistero, che ... diciamo così... danno proprio l'impressione di essere eretici, resistendo poi a ripetute richieste pubbliche e private di chiarimento e correzione.
Oggi dal Vaticano, attivamente o passivamente, è in corso la demolizione nella prassi della Fede (l'unica vera): che uno lo voglia vedere o no, che uno lo voglia dichiarare o no, non cambia la realtà dei fatti di pubblico dominio.

Solo ai tempi della QUASI ugualmente grave dottrinalmente crisi ariana (una lunga crisi, che durò alcune generazioni), i tempi di S. Atanasio il Grande (tempi durante i quali pure ci furono antipapi che professavano errori dottrinali) e della caduta dottrinale del vero papa Liberio, poi condannato per non aver difeso come suo dovere la Fede dalle eresie ma non per essere egli stesso eretico, mi sembra che fossero più forti somiglianze al disastro attuale.
A Serena exanonimi piace questo.
@Acchiappaladri
ricambio di cuore il saluto! Ben ritrovato!

E'assolutamente vero che non ci sono stati nella storia della Chiesa tempi paragonabili a questo. Ho citato S. Vincenzo Ferrer proprio per quel tanto che può essere "parzialmente applicabile alla crisi dentro la quale dobbiamo cercare di salvarci l'anima".
E dobbiamo cercare di salvarci l'anima in tutte le maniere, anche andando ad …Espandi
@Acchiappaladri
ricambio di cuore il saluto! Ben ritrovato!

E'assolutamente vero che non ci sono stati nella storia della Chiesa tempi paragonabili a questo. Ho citato S. Vincenzo Ferrer proprio per quel tanto che può essere "parzialmente applicabile alla crisi dentro la quale dobbiamo cercare di salvarci l'anima".
E dobbiamo cercare di salvarci l'anima in tutte le maniere, anche andando ad assistere alla santa Messa N.O. , e se pur celebrata (purtroppo! ma solo a parole...) "una cum Bergoglio": anche questo si deve fare, pur di assistere al Santo Sacrificio e ricevere il Santissimo, Salvezza e Rimedio per l'anima nostra.
Sono sempre più numerosi i sacerdoti che celebrano in N.O. perchè non possono fare diversamente, ed esteriormente celebrano (ripeto: purtroppo!!!) "una cum bergoglio", ma interiormente "una cum Benedicto"!; o con "il Papa" lasciando uno spazio in luogo del nome, spazio che pregano l'Onnipotente di riempire Lui Stesso.
Anche se indubbiamente ce ne sono tanti che si piegano per piaggeria o per meschino e interessato calcolo, ci sono anche molti sacerdoti che fanno questo non certo per pavidità, ma unicamente per non far mancare, a tutti quei fedeli che dipendono da loro, una Consacrazione valida, anche se avvenuta durante la celebrazione di una Messa N.O."cum F."
Questi sacerdoti, quando sono puri di cuore, non fanno altro che applicare ciò che Gesù ha detto in Mt.10,16, e non sono affatto pavidi, ma sono comunque pronti a dare testimonianza fino all'estremo sacrificio, se e quando Dio glielo richiedesse (cfr.Mt. 10, 17-18).
Diverso è se parliamo dei Vescovi, i quali istituzionalmente avrebbero il sacrosanto dovere di gridare dai tetti! Se lo facessero almeno quei pochi dei quali si sa bene (o almeno si può immaginare)che dissentono dall'eretico cammino dei vertici! Invece nulla, nient'altro che un "assordante silenzio", rotto al massimo da qualche timido mormorio che viene udito solo da chi (come noi) sta continuamente con le orecchie tese per captare qualcosa che dia finalmente sollievo all'anima e al cuore.
A Acchiappaladri piace questo.
A KoalaLumpur piace questo.
A tutti, seguaci e detrattori di don Minutella (di cui personalmente non condivido la posizione oltranzista, per quanto concordi su moltissime altre cose), vorrei ricordare che in un periodo di grande confusione, quale fu quello in cui visse S.Caterina da Siena, ci fu un santo che seguì l'antipapa Clemente VII, ma questo non impedì che diventasse santo: il sacerdote SAN VINCENZO FERRER
A TommasoG e a un altro utente piace questo.
A TommasoG piace questo.
A Acchiappaladri piace questo.
Veritas3
Cara KoalaLumpur, rileggi bene il mio messaggio. Io capisco perfettamente il dolore di don Alessandro per la situazione ecclesiale e ho rispetto per il modo in cui in coscienza ha deciso di resistere. Tuttavia, da teologo cattolico (e perciò per forza di cose “antibergogliano”) sono certo che il discorso dell’una cum così come presentato non corrisponde alla dottrina cattolica. Questo non …Espandi
Cara KoalaLumpur, rileggi bene il mio messaggio. Io capisco perfettamente il dolore di don Alessandro per la situazione ecclesiale e ho rispetto per il modo in cui in coscienza ha deciso di resistere. Tuttavia, da teologo cattolico (e perciò per forza di cose “antibergogliano”) sono certo che il discorso dell’una cum così come presentato non corrisponde alla dottrina cattolica. Questo non significa che tu non debba più seguirlo, ma semplicemente che dovresti tenere conto di questo errore. Che il Signore ti benedica!
A Testimone82 e a un altro utente piace questo.
A Testimone82 piace questo.
A Acchiappaladri piace questo.
elleccu
probabilmente la causa principale della decisione di don Alessandro sulla invaliditá della messa fu anche una limitata conoscenza della obbedienza dovuta alla somma autoritá. secondo il Poverello di Assisi l'obbedienza é sempre dovuta. potrebbe essere utile conoscere cosa diceva il Poverello in merito ai diversi tipi di obbedienza.
Scusate, mi son messa "mi piace" da sola (per errore, e adesso non lo so più togliere), pazienza, vado a dire un rosario di riparazione per ridurre il mio ego.
Trovo invece estremamente sfinente continuare a discutere dopo le spiegazioni già più che esaurienti di don Alessandro, preferisco offrire a Gesù tutti i miei sforzi per convertirmi, istruirmi ed esserGli fedele davvero, una buona volta.
A Strike e a un altro utente piace questo.
A Strike piace questo.
A alda luisa corsini piace questo.
Condivido in pieno la descrizione che hai fatto, @Acchiappaladri, e invece dissento da tutti i commenti che parlano di don Alessandro come "eretico" (lui spiega, documenti alla mano, TUTTE le sue affermazioni, al contrario dei suoi detrattori) oppure con "ego da super eroe" e altre amenità. Non paragona se stesso a sant'Atanasio, ma PARAGONA LE ATTUALI ERESIE A QUELLE DEI TEMPI di sant'…Espandi
Condivido in pieno la descrizione che hai fatto, @Acchiappaladri, e invece dissento da tutti i commenti che parlano di don Alessandro come "eretico" (lui spiega, documenti alla mano, TUTTE le sue affermazioni, al contrario dei suoi detrattori) oppure con "ego da super eroe" e altre amenità. Non paragona se stesso a sant'Atanasio, ma PARAGONA LE ATTUALI ERESIE A QUELLE DEI TEMPI di sant'Atanasio, di san Pio V, del Concilio di Trento ecc, e dice che bisogna opporvisi fermamente, anche urlando, o dando la vita, come sant'Ermenegildo.
Cosa fa, don Alessandro? Organizza preghiere, messe, adorazioni, consacrazioni ai Sacri Cuori di Gesù e di Maria ... io preferisco essere eretica in ginocchio, sgranando il rosario, piuttosto che pregare con chi affetta la porchetta in chiesa, dopo una notte di festini gay a base di cocaina, cosa volete che vi dica, ognuno è matto a modo suo.
A Strike e a 4 utenti piace questo.
A Strike piace questo.
A claudio mecozzi piace questo.
A Walter piace questo.
A alda luisa corsini piace questo.
A KoalaLumpur piace questo.
A maria immacolta e a un altro utente piace questo.
A maria immacolta piace questo.
A KoalaLumpur piace questo.
Mi cha el
Se Don Minutella rivedesse l'Una cum...direbbe al 99,9% cose giuste.Dai..io dico un povero vecchio va in chiesa...Al 99% NON trova altre chiese vicine...in quella chiesa sono in comunione con Francesco...(pochissime dicono Benedetto..quasi nessuna) E che? Se il Vecchio nella comunione cerca Cristo con tutto il Suo cuore, non è in peccato mortale....secondo Don Minutella (di cui ho anche i libri …Espandi
Se Don Minutella rivedesse l'Una cum...direbbe al 99,9% cose giuste.Dai..io dico un povero vecchio va in chiesa...Al 99% NON trova altre chiese vicine...in quella chiesa sono in comunione con Francesco...(pochissime dicono Benedetto..quasi nessuna) E che? Se il Vecchio nella comunione cerca Cristo con tutto il Suo cuore, non è in peccato mortale....secondo Don Minutella (di cui ho anche i libri pre una cum) egli non troverebbe Cristo..o peggio troverebbe il cornuto...SOLO perchè il prete, che magari fa tutto il rito della consacrazione fatto bene...dice in unione con Papa Francesco? Mmh Io Non Credo.

Questa comunque è solo una mia umile opinione.
A Acchiappaladri piace questo.
Parlando in generale, sappiamo dalla Dottrina che in tanti casi la Divina Misericordia può operare grazie alla ignoranza invincibile, aiutando a salvar l'anima dall'Inferno senza che la Divina Giustizia si opponga.
Per certo (ciò che ci è stato rivelato della Verità rimane vero sempre) l'attenuante della ignoranza invincibile si applica anche a dei casi tipo quelli da lei ipotizzati: è però solo …Espandi
Parlando in generale, sappiamo dalla Dottrina che in tanti casi la Divina Misericordia può operare grazie alla ignoranza invincibile, aiutando a salvar l'anima dall'Inferno senza che la Divina Giustizia si opponga.
Per certo (ciò che ci è stato rivelato della Verità rimane vero sempre) l'attenuante della ignoranza invincibile si applica anche a dei casi tipo quelli da lei ipotizzati: è però solo l'Onnipotente che sa esattamente quando è applicabile oppure no (il fòro interno è accessibile solo a Lui).
Fin da quando, mi sembra a Giugno 2018, fu presentata da don Minutella questa problematica teoria teologica ho notato, evidenziato più o meno chiaramente, un ruolo della "soggettività", insomma la consapevolezza dal parte del celebrante e/o del fedele che assiste, per definire la gravità di celebrazioni fatte oggi "Una cum Francisco".
Non mi sembra di aver mai letto che venga ipotizzata colpa grave per eventuali inconsapevoli.
Proverò a citare ancora questo argomento quando, scritti spero anche nuovi commenti al mio articoletto di cronaca, farò una sorta di breve riepilogo ragionato delle opinioni espresse.
A KoalaLumpur piace questo.
Esatto è proprio così. E aggiungo.....troppo spesso molti giudicano, sentenziano, condannano senza un minimo di conoscenza ma solo per appagare il proprio interesse.
A KoalaLumpur e a un altro utente piace questo.
A KoalaLumpur piace questo.
A Acchiappaladri piace questo.
A Paolo di Tarso piace questo.
Pur condividendo in parte alcune posizioni di don Minutella ritengo però che sia caduto effettivamente in eresia con la questione della messa in comunione "una cum". Ricordo che dire in modo arbitrario che la comunione non è valido non è grave ma GRAVISSIMO e ci si mette sullo stesso piano degli eretici che sono già nella chiesa. Pertanto consiglio di non seguirlo perchè si diventa automaticament…Espandi
Pur condividendo in parte alcune posizioni di don Minutella ritengo però che sia caduto effettivamente in eresia con la questione della messa in comunione "una cum". Ricordo che dire in modo arbitrario che la comunione non è valido non è grave ma GRAVISSIMO e ci si mette sullo stesso piano degli eretici che sono già nella chiesa. Pertanto consiglio di non seguirlo perchè si diventa automaticamente complici e soprattutto alimentate il suo "ego" di "super eroe" già accostatosi a Sant'Atanasio (che non a nulla da spartirsi con lui).
Ricordo anche che BXVI definisce pubblicamente il pontificato di Bergoglio in continuità col suo, quindi smettiamola di fare fazioni inutili o sterile dietrologia.
In questo caso condivido il pensiero di @Gandalfthewhite.
A Mi cha el e a un altro utente piace questo.
A Mi cha el piace questo.
A Gandalfhewhite piace questo.
Veritas3
Salve, l’unica posizione dottrinalmente errata di don Alessandro riguarda la questione dell’una cum. Affermare che la Messa celebrata in comunione con Francesco è invalida non ha alcun senso. Dire poi che è invalida non perché Francesco è eretico, ma perché non è il papa, non cambia in nulla la questione. Questo, però, non significa che tutte le Messe celebrate in comunione con Francesco siano …Espandi
Salve, l’unica posizione dottrinalmente errata di don Alessandro riguarda la questione dell’una cum. Affermare che la Messa celebrata in comunione con Francesco è invalida non ha alcun senso. Dire poi che è invalida non perché Francesco è eretico, ma perché non è il papa, non cambia in nulla la questione. Questo, però, non significa che tutte le Messe celebrate in comunione con Francesco siano valide, perché alcuni sacerdoti “bergogliani” sembrano non voler fare ciò che fa la Chiesa (una santa cattolica e apostolica). È vero, poi, che non è lecito celebrare con gli eretici, ma gli eretici dovrebbero essere prima dichiarati tali da chi ne ha l’autorità. Non muovendosi questi, ecco che cominciano comprensibilmente a muoversi i presbiteri ciascuno secondo le proprie “caratteristiche” umane e spirituali. Ora, non ci vuole la palla di vetro per prevedere che, se la presa di posizione da parte dei vescovi/cardinali non arriverà presto, altri sacerdoti cominceranno a gridare per non essere anticipati dalle pietre.
A Mi cha el piace questo.
A.c.M.
Dio benedica don Minutella! Solo chi c'era sabato, al terzo raduno, può comprendere che quella è la vera Chiesa! Chi non c'era non dovrebbe nemmeno (per pudore, o per dignità!) esprimersi negativamente al riguardo. Perché, che piaccia o no, è stato un trionfo... non di don Minutella... ma di Cristo Re! Che meraviglia vedere centinaia di persone in fila per la confessione, e gente commossa - …Espandi
Dio benedica don Minutella! Solo chi c'era sabato, al terzo raduno, può comprendere che quella è la vera Chiesa! Chi non c'era non dovrebbe nemmeno (per pudore, o per dignità!) esprimersi negativamente al riguardo. Perché, che piaccia o no, è stato un trionfo... non di don Minutella... ma di Cristo Re! Che meraviglia vedere centinaia di persone in fila per la confessione, e gente commossa - anche uomini - durante il canto o l'incoronazione di Nostro Signore!!! La Madonna ha volto il suo materno sguardo sul piccolo resto cattolico! E se le prove e le accuse, e le offese, non mancheranno, siamo lieti, perché professiamo la Verità di Cristo e della santa Chiesa cattolica! AVANTI CON MARIA!
La verità della Chiesa non si professa uscendo dalla Chiesa e isolandosi dalla Chiesa. Possibile che non si capisca che Minutella è un battitore libero? Si richiama alla Chiesa cattolica ma non c'è un solo Vescovo cattolico che lo appoggi... fatevi delle domande!!! Minutella ha solo la parvenza del prete devoto, ma la realtà è che se un prete si sgancia dalla gerarchia ecclesiastica non è più …Espandi
La verità della Chiesa non si professa uscendo dalla Chiesa e isolandosi dalla Chiesa. Possibile che non si capisca che Minutella è un battitore libero? Si richiama alla Chiesa cattolica ma non c'è un solo Vescovo cattolico che lo appoggi... fatevi delle domande!!! Minutella ha solo la parvenza del prete devoto, ma la realtà è che se un prete si sgancia dalla gerarchia ecclesiastica non è più nulla. Parla solo per se stesso, non parla più a nome della Chiesa. Il colmo è che osa paragonarsi a sant'Atanasio, quando questi ha subito in silenzio e in tutta umiltà e obbedienza l'esilio e altre umiliazioni, mentre il minutella sbraita e si scaglia contro tutto e tutti, portando avanti una battaglia in cui il vero protagonista non è Cristo o la Madonna, ma il proprio smisurato EGO
A TommasoG e a un altro utente piace questo.
A TommasoG piace questo.
A Testimone82 piace questo.
A.c.M.
Che dolore sapere che esistono persone che la pensano come lei. Meritate la crisi nella chiesa, voi che pontificate e non muovete un passo. Cambi prospettiva... non siamo noi a essere usciti dalla Chiesa!
A maria immacolta e a un altro utente piace questo.
A maria immacolta piace questo.
A KoalaLumpur piace questo.
polos
Noi siamo la Resistenza Cattolica, e la resistenza non esce, ma resiste! Non è logico il ragionamento di voi che dite che siamo "usciti".
A maria immacolta e a 2 utenti piace questo.
A maria immacolta piace questo.
A Illarisoft piace questo.
A KoalaLumpur piace questo.
A polos e a un altro utente piace questo.
A polos piace questo.
A solosole piace questo.
Con Minutella al massimo siete una "resistenza elettrica", destinata a fare corto circuito
A TommasoG piace questo.
A maria immacolta e a 2 utenti piace questo.
A maria immacolta piace questo.
A Illarisoft piace questo.
A KoalaLumpur piace questo.
Diodoro
Don Alessandro non è un Santo; non è un falso cristo; è un ragazzo disorientato. Lo dico con rispetto.
Saluto chi mi legge: per alcuni giorni non potrò collegarmi.
A TommasoG e a un altro utente piace questo.
A TommasoG piace questo.
A Veritasanteomnia piace questo.
A Ermasteo e a un altro utente piace questo.
A Ermasteo piace questo.
A polos piace questo.
elleccu
personalmente credo che don Alessandro Minutella avrebbe bisogno di sostegno con la preghiera nella sua battaglia contro gli uomini e sopratutto contro gli spiriti malignii. Anche perche nella forma é evidente che é dalla parte di Nostro Signore Gesú Cristo, come nella sostanza in quanto mi pare che abbia parlato sempre con catechismo e canoni alla mano.
A Mi cha el e a un altro utente piace questo.
A Mi cha el piace questo.
A KoalaLumpur piace questo.
Mi cha el
Esatto! Dovrebbe avere l'umiltà di rivedere l'eresia dell'una cum Francesco = Messa invalida e allora si che ritornerebbe il Prete coraggioso SALDO nella dottrin che era fino a mi pare 1 anno fa.Per me sta cosa dell'una cum ha solo una fonte...
Mi cha el
Così il cornuto ha ottenuto di troncare Don Minutella alla base...e frenare quello che davvero era ripeto un grande difensore dell'autentico magistero cattolico.
Un altro commento da Mi cha el
Mi cha el
Difatti il Suo "seguito" ha smesso di crescere proprio dopo la storia dell'Una cum...il Don dovrebbe pregare molto lo Spirito Santo e mettersi in discussiome su questo Aspetto.Io prego molto per Lui.Che lo Spirito Santo lo Illumini!!!
A elleccu piace questo.
elleccu
in parte condivido, ma lo stato attuale delle cose fa pensare che non ha visto malissimo. anzi mi fa pensare che essendo da solo don, il cornuto ha calcato la mano in maniera tale da tentare di fargli perdere credibilitá ed in parte ci é riuscito. non so dare un ulteriore giudizio,
A maria immacolta piace questo.
A elleccu e a 2 utenti piace questo.
A elleccu piace questo.
A lauragafforio piace questo.
A solosole piace questo.
Chi si stupisce per il numero di persone che va dietro allo scismatico Minutella non ha compreso in quali tempi stiamo vivendo, in cui stanno sorgendo falsi cristi è falsi profeti a destra e a sinistra , tra conservatori e progressisti, così da indurre in errore, se possibile, anche gli eletti" (Mtv 24,24). Minutella inganna facilmente molti devoti e ingenui tradizionalisti che non vogliono fare …Espandi
Chi si stupisce per il numero di persone che va dietro allo scismatico Minutella non ha compreso in quali tempi stiamo vivendo, in cui stanno sorgendo falsi cristi è falsi profeti a destra e a sinistra , tra conservatori e progressisti, così da indurre in errore, se possibile, anche gli eletti" (Mtv 24,24). Minutella inganna facilmente molti devoti e ingenui tradizionalisti che non vogliono fare un vero discernimento, anche perché non vi sono sacerdoti che li aiutano in questo . . Quello che dice è vero al 90% ma poi cade sul punto più importante: si appella a papa Benedetto, addirittura aspettandosi un suo intervento (sic! ) quando basta andare a leggersi alcuni testi del Papa emerito per capire che il primo a riconoscere la legittimità di Francesco è proprio Benedetto. Di conseguenza Minutella è davvero FUORI DALLA COMUNIONE ECCLESIALE e chi lo segue cade in grave errore, per quanto sia in buona fede. Benedetto, ad esempio, ha affermato a chiare lettere in una sua recente lettera la " continuità interiore dei due pontificati ". Parla di "DUE PONTIFICATI"!!! È un bugiardo ? è un vile? se davvero la pensasse come Minutella perché parla di continuità tra due Papi? Allora cari minutelliani, decidetevi da che parte stare: con Minutella che nega il pontificato di Francesco o con Benedetto che lo riconosce legittimo. Riflettete! Basta un minimo di LOGICA per capire che questo non è un santo ma un falso profeta. Riflettete! Non è la DEVOZIONE che conta ma L'OBBEDIENZA alla volontà di Dio e Minutella è un disubbediente: "Non chiunque mi dice: Signore, Signore, entrerà nel regno dei cieli, ma colui che fa la volontà del Padre mio che è nei cieli" (Mt 7,21)
A Acchiappaladri e a un altro utente piace questo.
A Acchiappaladri piace questo.
A Christoforus78 piace questo.
Caro @Gandalfhewhite , il mio "mi piace" non è accidentale o irrisorio: la ringrazio sinceramente per essere intervenuto nella discussione (che tratta questioni importanti davanti alle quali con timore mi sento un lillipuziano) in modo ragionato e costruttivo, ben aderendo all'insegnamento dell' Apostolo.
Pienamente concordo con lei sul fatto che le due questioni più importanti relative alla …Espandi
Caro @Gandalfhewhite , il mio "mi piace" non è accidentale o irrisorio: la ringrazio sinceramente per essere intervenuto nella discussione (che tratta questioni importanti davanti alle quali con timore mi sento un lillipuziano) in modo ragionato e costruttivo, ben aderendo all'insegnamento dell' Apostolo.
Pienamente concordo con lei sul fatto che le due questioni più importanti relative alla notizia di cronaca del mio articoletto sono:
- l'obbedienza a Dio;
- lo scisma fra battezzati che tutti in buona fede e sufficientemente informati cercano di rimanere cattolici (insomma, tralascio i non pochi che si spacciano ahimè solo nominalmente "cattolici" in mala fede o per ignoranza);
e ci aggiungo anche la questione che da sei anni a me pare strettamente legata alle due precedenti:
- il mistero del comportamento pubblico di Benedetto XVI.

Sulle conclusioni a cui lei giunge invece, usando le parole sue, per quanto io riesca a capire, osservo che "quello che dice è vero al 90%".

Intendo ritornare con qualche mio commento più approfondito su questo, rivolgendomi alla generalità dei lettori, una volta che si saranno possibilmente espressi anche altri commentatori.
A KoalaLumpur e a un altro utente piace questo.
A KoalaLumpur piace questo.
A elleccu piace questo.
#Acchiappaladri il caso Minutella mi sta a cuore perché persone che stimo si sono lasciate ingannare e solo dopo che sono state aiutate nel discernimento hanno aperto gli occhi... Per questo intervengo in questi post. Mi fa piacere che qualcuno colga la posta in gioco... Pace e bene
A Acchiappaladri piace questo.
A TommasoG piace questo.
Strike
Gandalf caro credo le persone che si sono fatte ingannare siete proprio voi e il falso profeta eretico Bergoglio siete falsi ipocriti e ciarlatani.Seguite pure Baal non seguiamo don Alessandro.
Strike
Vi conviene uscire dalla falsa chiesa state seguendo il precursore dell'Anticristo vi porterà verso la dannazione eterna. pace e bene.
Caro Strike, don Alessandro sta rovinando la sua forte testimonianza con il grave ed oggettivamente immotivato (teologicamente) discorso sull’una cum. Se vedi l’ultimo video in cui parla del silenzio di Benedetto XVI, al minuto 25’ 10”-25’ 50” afferma che “lo Spirito, sacramentalmente, agisce solo nella Chiesa Cattolica”. Se così fosse, non sarebbe valida la Messa celebrata dagli ortodossi e non …Espandi
Caro Strike, don Alessandro sta rovinando la sua forte testimonianza con il grave ed oggettivamente immotivato (teologicamente) discorso sull’una cum. Se vedi l’ultimo video in cui parla del silenzio di Benedetto XVI, al minuto 25’ 10”-25’ 50” afferma che “lo Spirito, sacramentalmente, agisce solo nella Chiesa Cattolica”. Se così fosse, non sarebbe valida la Messa celebrata dagli ortodossi e non sarebbe valido il battesimo amministrato dai protestanti. Oppure, logicamente, se lo fossero si dovrebbe dire che i protestanti e gli ortodossi sono la Chiesa Cattolica.
La verità, invece, è che lo Spirito Santo non agisce sacramentalmente solo all’interno dei confini visibili della Chiesa Cattolica, ma anche fuori. Ora, se agisce anche nelle comunità protestanti (cf. Vaticano II, UR n. 3), come puoi affermare che non agisce nelle Messe di sacerdoti cattolici e pienamente ortodossi solo perché ritengono in coscienza di dover ancora nominare quello che ufficialmen…Espandi
La verità, invece, è che lo Spirito Santo non agisce sacramentalmente solo all’interno dei confini visibili della Chiesa Cattolica, ma anche fuori. Ora, se agisce anche nelle comunità protestanti (cf. Vaticano II, UR n. 3), come puoi affermare che non agisce nelle Messe di sacerdoti cattolici e pienamente ortodossi solo perché ritengono in coscienza di dover ancora nominare quello che ufficialmente è il Papa?
Strike
Veritas3 ma Bergoglio é un eretico, e quindi non un vero Papa.Perciò non ha chiaramente senso partecipare a una Messa una cum con lui
Strike
Chi partecipa una cum con l'eretico Francesco si macchia di un peccato mortale
2 altri commenti da Strike
Strike
Poi sulle dimissioni del vero papa Benedetto xvi cè stato un dikat lo sapevi questo??.Cè persino un esorcismo di Lucifero.Cosa volete di più un amaro lucano
Strike
continua ad andare alla Messa ‘una cum’ di fatto ci si rende responsabili dei seguenti gravi errori:

Si infrange gravemente l’ottavo comandamento, raccontando una bugia dannosa;
Ci si pone in comunione con gli eretici che attualmente occupano la Chiesa;
Si riconosce la legittimità della chiesa ecumenica mondialista e globalizzata;
Si professa implicitamente una falsa religione;
Si condona una …Espandi
continua ad andare alla Messa ‘una cum’ di fatto ci si rende responsabili dei seguenti gravi errori:

Si infrange gravemente l’ottavo comandamento, raccontando una bugia dannosa;
Ci si pone in comunione con gli eretici che attualmente occupano la Chiesa;
Si riconosce la legittimità della chiesa ecumenica mondialista e globalizzata;
Si professa implicitamente una falsa religione;
Si condona una violazione del diritto canonico;
Si concorre a un peccato;
Si offre la Messa in unione con l’eretico, falso papa Bergoglio;
Si rende ossequio a un usurpatore di un ufficio ecclesiastico;
Si rischia di fornire un’occasione per scandalizzare il prossimo;
Il ‘clero della resistenza’, come la Fraternità di San Pio X e affiliati, oltre ad altri sacerdoti indipendenti ma comunque appartenenti alla stessa galassia dottrinale, celebra delle Messe gravemente illecite ed espone i fedeli al peccato di scisma.