Clicks12
Fatima.

IL CLAMOROSO CASO DEL LIBRO DI BENEDETTO XVI E DEL CARD. SARAH SUL CELIBATO ECCLESIASTICO. BERGOGLIO E’ INFEROCITO PERCHE’…

A. Socci

Posted: 14 Jan 2020 01:46 PM PST

L’assurdo pasticcio che è stato fatto, dopo l’anticipazione del libro di Benedetto XVI e del card. Sarah, è spiegato benissimo in QUESTO articolo di Riccardo Cascioli

* * *

Il libro scritto da Benedetto XVI e dal card. Robert Sarah, intitolato “Dal profondo dei nostri cuori”, ancor prima di uscire ha suscitato un terremoto e il fuoco di sbarramento sgangherato e rabbioso di certi bergogliani. Quasi che Benedetto XVI non avesse diritto di parola (lo stesso Bergoglio, in passato, lo aveva invitato a intervenire).

Il terremoto è stato provocato dall’anticipazione ai giornali della loro difesa del celibato sacerdotale (che definiscono “indispensabile”). Ma anche dal loro tono generale che prova la gravità della situazione, perché i due uomini di Dio – pur con rispetto verso il papa argentino – sembrano dire a Bergoglio: fermati, stai portando la Chiesa fuori strada, nel burrone.

Essi, citando S. Agostino, affermano: “ora non possiamo più tacere”. Dopo aver sopportato a lungo gli spettacoli incresciosi dell’epoca bergogliana(come la Pachamama in San Pietro, al sinodo amazzonico), dopo aver tentato a lungo, per vie riservate e fraterne, di sconsigliare a Bergoglio i suoi strappi rivoluzionari, adesso avvertono un dovere di coscienza davanti a Dio e alla Chiesa: “Era nostro sacro dovere ricordare la verità del sacerdozio cattolico. In questi tempi difficili ciascuno deve avere paura che un giorno Dio gli rivolga questo acerbo rimprovero: ‘Maledetto sei tu, che non hai detto nulla’”.

Citando queste parole di S. Caterina da Siena, grande fustigatrice di papi, vogliono richiamare tutti gli ecclesiastici (Bergoglio compreso) a pensare all’unico giudizio che conta, che non è quello dei giornali e delle potenze di questo mondo, ma quello di Dio.

Sbagliato dunque rincorrere gli applausi dei media, degli intellettuali e dei politici mainstream: bisogna piacere a Dio, cosa che – di solito (come avverte Gesù nel Vangelo) – catalizza su di sé l’odio e il dileggio del potere mondano, non i suoi applausi.

Pare, fra l’altro, che il libro non si limiti a dare un altolà preventivo sul tema del celibato ecclesiastico a papa Bergoglio, che si appresta a pubblicare le sue conclusioni sul Sinodo amazzonico, e ai vescovi tedeschi che hanno varato il loro sinodo “rivoluzionario” (in entrambi i casi è nel mirino il celibato).

Benedetto XVI e il card. Sarah affrontano anche altre questioni scottanti – dall’eucaristia alla liturgia – che sono egualmente sotto il tiro dei “rivoluzionari”.

Infatti l’attuale potere clericale sta cercando di omologarsi alle confessioni protestanti del Nord Europa, per questo la controversia è sui sacramenti che sono i pilastri della Chiesa Cattolica. Non a caso il sacerdozio, il celibato e l’eucaristia segnarono le grandi rotture di Lutero.

Ma seguire questa strada è il suicidio della Chiesa. Oltretutto il fallimento totale del modello protestante (come il “pastore sposato”), è clamoroso nel Nord Europa che ormai è decristianizzato. L’offerta a saldo – tonaca e moglie, due al prezzo di uno – non funziona.
Lo stesso si può dire della vecchia idea “progressista”, che ha fatto fallimento in Sudamerica, del “prete-come-uno –di-noi”, politicante e agitatore sociale. Il crollo verticale delle vocazioni e dell’appartenenza alla Chiesa in America Latina mostra che quel modello porta alla fine della Chiesa.

Un autorevole sociologo americano, Rodney Stark, analizzando le diverse confessioni negli Stati Uniti, nel Novecento, ha dimostrato, che una proposta religiosa è tanto più attrattiva – sia per le adesioni che per le vocazioni – quanto più è “altra” rispetto al mondo, quanto più è esigente e radicale la vita che propone.

Infatti nella Chiesa la fioritura di vocazioni non avviene per nulla negli ambienti progressisti che predicano l’abbraccio con il mondo e con le ideologie mondane, ma in quelle realtà che invece – seguendo il carisma dei santi – offrono l’esperienza del cielo sulla terra, quindi una fortissima carica ideale (sono quelle realtà che Bergoglio accusa di fondamentalismo e cerca di demolire).

Ecco perché Benedetto XVI e il card. Sarah – che pure sottolineano l’immensa dignità del matrimonio, elevato a sacramento da Gesù Cristo – affermano che il sacerdozio deve essere una donazione totale a Dio e non parziale, per essere come Cristo e vivere come lui: è “una rinuncia alla vita familiare terrena” che annuncia “nuovi cieli e nuova terra”. Mentre “la possibilità di ordinare uomini sposati rappresenterebbe una catastrofe pastorale, una confusione ecclesiologica e un oscuramento della comprensione del sacerdozio”.

Gli studi storici hanno ormai dimostrato che non è affatto vero che il celibato sia stato introdotto in epoche successive a quelle apostoliche, ma è vero l’esatto contrario: fu fin dall’inizio l’ideale di vita apostolica sulle orme di Gesù (mentre nei secoli successivi gli orientali hanno poi introdotto i preti sposati, ma non la Chiesa Cattolica).

Il card. Sarah ha detto che Benedetto XVI con questo intervento “ha voluto rassicurare milioni di cristiani che si sentono disorientati” e ha voluto confortare tanti sacerdoti smarriti. Questa in effetti è la funzione di Pietro. Non a caso firma il libro col suo nome da papa: Benedetto XVI.

.

Antonio Socci