Clicks597
it.news

Bufala criminale sugli abusi: vescovo ausiliario innocente ROVINATO

Il Vaticano ha concluso che il vescovo ausiliario di Cracovia (Polonia), Jan Szkodoń, 74, è innocente, ha rivelato la nunziatura di Varsavia il 23 luglio.

Tuttavia, il comunicato suggerisce che Szkodoń abbia "agito in modo imprudente" verso una certa Monika, 15, ricevendola nella residenza privata, nonostante il fatto che il vescovo conoscesse lei e i genitori da anni.

Pertanto, a Szkodoń è stato ordinato di intraprendere "un ritiro isolato di tre mesi" che lui ha già fatto, in quanto vive in un monastero della Polonia Orientale dal febbraio 2020, quando delle luride accuse contro di lui sono state inventate e pubblicate dal giornale polacco di finte notizie Gazeta Wyborcza.

Szkodoń è noto per essere tranquillo, umile, uomo di preghiera con un animo artistico, di grande sensibilità, molto rispettoso e aperto verso gli altri. Ha sofferto molto fisicamente e mentalmente per questo attacco e ora sta molto male. Il suo detrattore invece adesso lavora per una università di Cracovia.

Foto: Jan Szkodoń, © Franciszek Salezy Nowak , CC BY-SA, #newsUipbpfqljd