45:52
Lezione del Signore sulla disperazione e suicidio di Giuda Iscariota. Dice Gesù: «Orrenda, ma non inutile. Troppi credono che Giuda abbia commesso cosa da poco. Alcuni giungono anzi a dire che egli è …More
Lezione del Signore sulla disperazione e suicidio di Giuda Iscariota.

Dice Gesù:
«Orrenda, ma non inutile. Troppi credono che Giuda abbia commesso cosa da poco. Alcuni giungono anzi a dire che egli è un benemerito perché senza di lui la Redenzione non sarebbe venuta e che, perciò, egli è giustificato al cospetto di Dio.
In verità vi dico che, se l'Inferno non fosse già esistito, ed esistito perfetto nei suoi tormenti, sarebbe stato creato per Giuda ancor più orrendo e eterno, perché di tutti i peccatori e i dannati egli è il più dannato e peccatore, né per lui in eterno vi sarà ammolcimento di condanna.
Il rimorso l'avrebbe anche potuto salvare, se egli avesse fatto del rimorso un pentimento. Ma egli non volle pentirsi e, al primo delitto di tradimento, ancora compatibile per la grande misericordia che è la mia amorosa debolezza, ha unito bestemmie, resistenze alle voci della Grazia che ancora gli volevano parlare attraverso i ricordi, attraverso i terrori, attraverso il mio Sangue e il mio mantello, attraverso il mio sguardo, attraverso le tracce dell'istituita Eucarestia, attraverso le parole di mia Madre.
Ha resistito a tutto. Ha voluto resistere. Come aveva voluto tradire. Come volle maledire. Come si volle suicidare.
È la volontà quella che conta nelle cose. Sia nel bene che nel male.
Quando uno cade senza volontà di cadere, Io perdono. Vedi Pietro. Ha negato. Perché? Non lo sapeva esattamente neppure lui. Vile Pietro? No. Il mio Pietro non era vile. Contro la coorte e le guardie del Tempio aveva osato ferire Malco per difendermi e rischiare d'essere ucciso per questo. Era poi fuggito. Senza averne volontà di farlo. Aveva poi negato. Senza averne volontà di farlo. Ha saputo poi ben restare e procedere sulla sanguinosa via della Croce, sulla mia Via, fino a giungere alla morte di croce. Ha saputo poi molto bene testimoniare di Me, sino ad esser ucciso per la sua fede intrepida. Io lo difendo il mio Pietro. Il suo è stato l'ultimo smarrimento della sua umanità. Ma la volontà spirituale non era presente in quel momento. Ottusa dal peso dell'umanità, dormiva. Quando si destò, non volle restare nel peccato e volle esser perfetta. Io l'ho perdonato subito.
Giuda non volle. Tu dici che pareva pazzo e idrofobo. Lo era di rabbia satanica.
Il suo terrore nel vedere il cane, bestia rara, in Gerusalemme in specie, venne dal fatto che si attribuiva a Satana, da tempi immemorabili, quella forma per apparire ai mortali. Nei libri di magia è detto tuttora che una delle forme preferite da Satana per apparire è quella di un cane misterioso o di un gatto o di un capro. Giuda, già preda del terrore nato dal suo delitto, convinto d'esser di Satana per il suo delitto, vide Satana in quella bestia randagia.
Chi è colpevole, in tutto vede ombre di paura. È la coscienza che le crea. Satana poi aizza queste ombre, che potrebbero ancora dare pentimento ad un cuore, e ne fa larve orrende che portano alla disperazione. E la disperazione porta all'ultimo delitto: al suicidio.
A che pro gettare il prezzo del tradimento quando questo spogliamento è solo frutto dell'ira e non è corroborato da una retta volontà di pentimento? Allora spogliarsi dai frutti del male diviene meritorio. Ma così come egli fece, no. Inutile sacrificio.
Mia Madre, ed era la Grazia che parlava e la mia Tesoriera che largiva perdono in mio Nome, glielo disse: "Pentiti, Giuda. Egli perdona…".
Oh! se lo avrei perdonato! Se si fosse gettato ai piedi della Madre dicendo: "Pietà!", Ella, la Pietosa, lo avrebbe raccolto come un ferito e sulle sue ferite sataniche, per le quali il Nemico gli aveva inoculato il Delitto, avrebbe sparso il suo pianto che salva e me lo avrebbe portato, ai piedi della Croce, tenendolo per mano perché Satana non lo potesse ghermire e i discepoli colpirlo, portato perché il mio Sangue cadesse per primo su lui, il più grande dei peccatori. E sarebbe stata, Ella, Sacerdotessa mirabile sul suo altare, fra la Purezza e la Colpa, perché è Madre dei vergini e dei santi, ma anche Madre dei peccatori.
Ma egli non volle.
Meditate il potere della volontà di cui siete arbitri assoluti. Per essa potete avere il Cielo o l'Inferno. Meditate cosa vuol dire persistere nella colpa.
Il Crocifisso, Colui che sta con le braccia aperte e confitte per dirvi che vi ama, e che non vuole, non può colpirvi perché vi ama, e preferisce negarsi di potervi abbracciare, unico dolore del suo esser confitto, anziché aver libertà di punirvi, il Crocifisso, oggetto di divina speranza per coloro che si pentono e che vogliono lasciare la colpa, diviene per gli impenitenti oggetto di un tale orrore che li fa bestemmiare e usare violenza verso se stessi. Uccisori del loro spirito e del loro corpo per la loro persistenza nella colpa. E l'aspetto del Mite, che si è lasciato immolare nella speranza di salvarli, assume l'apparenza di uno spettro di orrore.
Maria, ti sei lamentata di questa visione. Ma è il Venerdì di Passione, figlia. Devi soffrire. Alle sofferenze per le sofferenze mie e di Maria devi unire le tue per l'amarezza di vedere i peccatori rimanere peccatori. È stata sofferenza nostra, questa. Deve esser tua. Maria ha sofferto, e soffre ancora, di questo, come delle mie torture. Perciò tu devi soffrire questo. Ora riposa. Fra tre ore sarai tutta mia e di Maria. Ti benedico, violetta della mia Passione e passiflora di Maria».

Valtorta - Evangelo 605.14 ed. Cev
Sam Gamgee
@Acchiappaladri : speriamo davvero ,e preghiamo per lui . Per molti ,anche saliti sul carro del vincitore , il troppo ormai stroppia .
Acchiappaladri
@Sam Gamgee con sincero rincrescimento le dico allora che si tratta del rev. Livio Fanzaga (in una catechesi ritrasmessa stasera da Radio Maria ma risalente a non so quanti anni fa: scommetterei che risalga a prima dell' "Effetto Bergoglio", per usare un'espressione cara al rev. Fanzaga).
Il fatto che, in una radio dove non si muove foglia che Fanzaga non voglia, sia stata ritrasmessa quella vecchia …More
@Sam Gamgee con sincero rincrescimento le dico allora che si tratta del rev. Livio Fanzaga (in una catechesi ritrasmessa stasera da Radio Maria ma risalente a non so quanti anni fa: scommetterei che risalga a prima dell' "Effetto Bergoglio", per usare un'espressione cara al rev. Fanzaga).
Il fatto che, in una radio dove non si muove foglia che Fanzaga non voglia, sia stata ritrasmessa quella vecchia catechesi (che oggi non è più politicamente corretta, anzi diciamo papale papale che è contraria a quanto più o meno subdolamente oggi viene propagandato da importanti esponenti del partito al governo nella Chiesa) mi fa però sperare che sotto sotto il benemerito rev. Fanzaga non si sia ancora bevuto il cervello.
Ricordiamoci anche di lui nelle nostre preghiere.
Sam Gamgee
@Acchiappaladri : confesso che non ho idea. Mi appello alla Sua clemenza....
Acchiappaladri
@Diodoro @Sam Gamgee etc.
"E' ORA DI FARLA FINITA CON LA BEATIFICAZIONE DEI DEMONI!"
Chi l'ha detto (parlando di Giuda) ????
Aiutino:
l'ho (ri)sentito questa sera alla radio tornando dalla Via Crucis :-( :-(More
@Diodoro @Sam Gamgee etc.
"E' ORA DI FARLA FINITA CON LA BEATIFICAZIONE DEI DEMONI!"

Chi l'ha detto (parlando di Giuda) ????

Aiutino:
l'ho (ri)sentito questa sera alla radio tornando dalla Via Crucis :-( :-(
Sancte Joseph
Meglio non avere prove concrete che sia all'inferno. Ha già il posto piu' brutto che i demoni riservano a chi ha tradito e disperato della Salvezza
Diodoro
" Meditate il potere della volontà di cui siete arbitri assoluti. Per essa potete avere il Cielo o l'Inferno. Meditate cosa vuol dire persistere nella colpa."
Sam Gamgee
La tesi secondo cui la Volonta' Divina avrebbe 'usato' Giuda Iscariota perche' Gesu' fosse condotto alla Passione e poi fino alla Resurrezione ,non regge perche' Dio non forza mai il libero arbitrio dell' uomo . Altrimenti ,cosi' come lo 'uso'' ,avrebbe potuto intervenire direttamente nella Storia e salvarlo .Cio' che ha portato Giuda alla dannazione non e' il suo tradimento ,e' l'aver disperato …More
La tesi secondo cui la Volonta' Divina avrebbe 'usato' Giuda Iscariota perche' Gesu' fosse condotto alla Passione e poi fino alla Resurrezione ,non regge perche' Dio non forza mai il libero arbitrio dell' uomo . Altrimenti ,cosi' come lo 'uso'' ,avrebbe potuto intervenire direttamente nella Storia e salvarlo .Cio' che ha portato Giuda alla dannazione non e' il suo tradimento ,e' l'aver disperato fino alla fine che Dio potesse perdonarlo e quindi salvarlo. Inoltre', Gesu' non avrebbe mai definito Giuda 'figlio della dannazione' se non avesse saputo che Giuda ,per sua volonta' , sarebbe finito all' Inferno . Certo non possiamo dimostrare con prove concrete che Giuda si trovi li' ,ma le parole di Cristo sono inequivocabili .
Giosuè
Stupendo!
👍 😘 👏