Andrea Mancinella
Il grande Tito Casini visse proprio negli anni i cui Paolo VI stava distruggendo, un pezzo dopo l'altro, la Santa Chiesa Cattolica Romana.
Io ero un adolescente, a quell'epoca, e solo dopo, da sacerdote, mi resi conto, constatandola di fatto, della vera e propria demolizione progressiva di tutte le difese cattoliche operate da Paolo VI.
Forse i più giovani, oggi, sono troppo impressionati - negat…More
Il grande Tito Casini visse proprio negli anni i cui Paolo VI stava distruggendo, un pezzo dopo l'altro, la Santa Chiesa Cattolica Romana.
Io ero un adolescente, a quell'epoca, e solo dopo, da sacerdote, mi resi conto, constatandola di fatto, della vera e propria demolizione progressiva di tutte le difese cattoliche operate da Paolo VI.
Forse i più giovani, oggi, sono troppo impressionati - negativamente, s'intende - da Papa Bergoglio, e non sanno che il peggior Papa, dal punto di vista della distruzione della Chiesa, fu invece proprio Paolo VI.
Ora qui sarebbe troppo lungo elencare i danni fatti da Papa Montini, ma esistono pubblicazioni che le le elencano e le stigmatizzano a dovere: ad esempio il noto libro di don Villa, acquistabile ad esempio qui: unilibro.it/…o/villa-luigi/paolo-vi-processo-a-un-papa-/941021, che comunque pur con qualche forzatura specie nell'apparato fotografico è illuminante sull'operato catastrofico di quel Papa.
Del resto, niente Paolo VI, niente Francesco: quest'ultimo essendo un semplice continuatore dell'opera di demolizione di Papa Montini (già iniziata comunque, seppure in parte ed inizialmente, da Papa Giovanni XXIII).
don Andrea Mancinella, eremita diocesano (Diocesi di Albano)
N.S.dellaGuardia
Però senza Humanae Vitae la Chiesa avrebbe santegidianamente invitato alla contraccezione ed alla pianificazione familiare (che comunque hanno preso silenziosamente ed inesorabilmente campo) da almeno cinquant'anni.
Andrea Mancinella
N. Signora della Guardia, è anche vero però che Paolo VI di fronte alla ribellione aperta di molti episcopati, specie del nord Europa, contro l'Humanae vitae che aveva appena pubblicato non fece un bel nulla, lasciando corso all'errore e al male.
Purtroppo anche questo atteggiamento dipendeva dalla sua formazione filomodernista, assorbita per propria colpa fin da giovane sacerdote (mi sembra che …More
N. Signora della Guardia, è anche vero però che Paolo VI di fronte alla ribellione aperta di molti episcopati, specie del nord Europa, contro l'Humanae vitae che aveva appena pubblicato non fece un bel nulla, lasciando corso all'errore e al male.
Purtroppo anche questo atteggiamento dipendeva dalla sua formazione filomodernista, assorbita per propria colpa fin da giovane sacerdote (mi sembra che frequentasse il salotto culturale di Tommaso Gallarati-Scotti, capofila laico del 'vecchio' modernismo) che lo rendeva quasi sempre ambiguo e ambivalente (vedasi anche il suo atteggiamento circa la Comunione sulla mano, ad esempio).
don Andrea Mancinella