01:34:15
Una roccia scura e lucida accoglie i pellegrini in arrivo da tutto il mondo al santuario dedicato alla Beata Maria Vergine. Le mani la toccano, nella speranza di un miracolo o anche semplicemente in …More
Una roccia scura e lucida accoglie i pellegrini in arrivo da tutto il mondo al santuario dedicato alla Beata Maria Vergine. Le mani la toccano, nella speranza di un miracolo o anche semplicemente in cerca di un conforto tattile, di un corpo protettivo, un'entità solida a cui fare riferimento.

In aiuto allo spettatore arrivano in apertura, sotto forma di didascalia, le uniche, decisive informazioni: "ogni anno più di 3 milioni di pellegrini si recano a Lourdes. Dal 1858, i medici hanno constatato 7000 guarigioni inspiegabili. La Chiesa ha riconosciuto 70 miracoli".

Da quella pietra, la grotta in cui nel 1858 si registra l'apparizione di Maria a Bernadette (canonizzata nel 1933), si apre una ricognizione ad ampio raggio e quasi scientifica di alcune anime diverse del pellegrinaggio religioso. Sono accenni di personaggi, tracce che non diventano mai troppo definite o eclatanti; i loro nomi non compaiono nemmeno nei titoli di coda, per riservatezza. Un anziano che si prostituisce e si sente "perso"; un padre molto cattolico che accompagna il figlio con un problema di blocco della crescita e ne ha un altro condannato da un'altra malattia rara; due genitori dedicati al figlio quarantenne, in sedia a rotelle e invalido dopo un incidente; una ragazzina bullizzata per una malattia rara e in sovrappeso, habitué del santuario col padre; un uomo completamente immobilizzato ma con logica e parola intatte; un mancato suicida che si esprime indicando delle lettere su una tabella.

Seguendoli, scopriamo molti altri aspetti e situazioni di un contesto scivoloso, discusso e affascinante anche per il suo lato kitsch e di azzardo: tra professione di fede, disperazione, ondate alterne ma anche sincroniche di forza e debolezza.

www.rsi.ch/play/tv/grandi-doc