Clicks14
Fatima.

DON LUIGI VILLA (diciassettesima parte)

In ricordo di Don Luigi Villa, pubblichiamo una sua breve biografia scritta dall'Ing. Franco Adessa, suo collaboratore da tanti anni, e pubblicata sul sito Pontifex

di Franco Adessa

Su richiesta di molte persone dall’Italia e dall’estero, e dopo più di vent’anni di collaborazione con questo coraggioso Sacerdote, ho deciso di scrivere questa breve biografia di don Luigi Villa, perché ritengo non sia più possibile tacere sulla indescrivibile e interminabile persecuzione subìta da questo anziano, fedele e incorruttibile Ministro di Dio!

***************

Il Tempio massonico-satanico di Padergnone (Brescia)

Solo più tardi, riuscii a comprendere il vero significato di quelle parole; infatti, alla richiesta di don Villa di fare un sopraluogo a quella “nuova chiesa” di Padergnone, la prima chiesa del terzo Millennio della nostra diocesi, risposi evasivamente, senza convinzione e senza impegni.
Fu solo dopo la visita di Benedetto XVI a San Giovani Rotondo che iniziai a comprendere la gravità delle parole di don Villa.
Il Papa era andato a San Giovanni Rotondo, aveva celebrato sul sagrato di quel “Tempo satanico” e, anche se presentato come un “tranello” tesogli da alcuni Prelati che lo accompagnavano, aveva “benedetto” quel “Tempio satanico”!
Perché quella visita? Perché quella “benedizione”? Perché mettere in campo tutto il peso della massima Autorità della Chiesa, quando non si era riusciti a confutare l’orribile realtà dimostrata su quel “Tempio satanico”? Sì, eravamo proprio ad una svolta!

Alla fine di giugno, iniziai le prime visite alla “nuova chiesa” di Padergnone, alle quali seguirono altri sopraluoghi per studi dettagliati, per fare fotografie e prendere misure.
La “nuova chiesa” era stata dedicata al “Cristo risorto”.
Ma la Religione Cattolica si fonda sulla Croce, cioè sulla volontà di Gesù Cristo di obbedire al Padre e di patire e morire in Croce per offrirci la Redenzione. La sua Resurrezione, invece, non è stata la conseguenza di un atto della sua volontà, ma un atto dovuto alla sua Natura Divina!
Perché, allora, quelli che non credono alla divinità di Cristo si entusiasmano così tanto per la figura del “Cristo risorto”?
Per avere una risposta, basterebbe citare le parole di una delle più acerrime nemiche di Dio e della Chiesa cattolica, Alice Bailey, la sacerdotessa del “New Age” e la fondatrice, nel 1921, del satanico “Lucifer Trust” (= La Corte di Lucifero), la quale aveva delineato il “piano” della creazione di una Nuova Religione Universale con queste parole: «Il “Cristo risorto” e non il “Cristo crocifisso” sarà la nota distintiva della Nuova Religione!».Ecco il segreto della dedica delle “nuove chiese” al “Cristo risorto”!

Ma cosa intendono realmente costoro con l’espressione “Cristo risorto”?
Gesù Cristo è il “Maestro”, ma per loro il “Maestro” massone diviene tale al 15° grado della Massoneria di Rito Scozzese Antico ed Accettato, “risorgendo” dalla condizione di “uomo nel quale si manifesta la realtà definitiva dell’essere uomo, che, in ciò stesso, è simultaneamente Dio”. Cioè il massone dal suo stato precedente, “risorge” diventando “Maestro”, o “Uomo-Dio”, affrancandosi da ogni Autorità divina, perché lui stesso è diventato Dio! Quindi, non il Dio che si è fatto uomo, che è morto in Croce e che “risorge” perché Dio, ma l’uomo che si manifesta Dio, in “Gesù Cristo”, che per costoro è solo il simbolo del “Maestro” massone!
Quindi, con l’espressione “Cristo risorto” costoro non celebrano la divinità di Cristo, ma la massonica auto-divinizzazione dell’uomo, e cioè il “Culto dell’Uomo”, come passo indispensabile per procedere al “Culto di Lucifero”!

Ma questa è anche la “cristologia” della “nuova teologia” di molti dei nostri Prelati, come l’aveva riassunta, già nel 1946, il grande domenicano Padre Garrigou-Lagrange: «Così, il mondo materiale si sarebbe evoluto verso lo spirito, e il mondo dello spirito si evolverà, naturalmente, per così dire, verso l’ordine soprannaturale e verso la plenitudine del Cristo. Così, l’Incarnazione del Verbo, il Corpo Mistico, il Cristo universale, sarebbero dei momenti dell’Evoluzione… Ecco quello che resta dei dogmi cristiani in questa teoria che l’allontana dal nostro Credo nella misura in cui essa si avvicina all’evoluzionismo hegeliano».
E il grande domenicano allora grida: «Dove va la “nuova teologia”? Essa ritorna al modernismo attraverso la via della fantasia, dell’errore, dell’eresia!».

La responsabilità del progetto della “nuova chiesa” fu di mons. Ivo Panteghini della Curia di Brescia, da qualche anno “Consultore” presso la Pontificia Commissione dei Beni Culturali della Chiesa, alla cui Presidenza vi era il massone mons. Francesco Marchisano, principale responsabile della costruzione del Tempio satanico dedicato a San Padre Pio.
La Curia di Brescia approvò il progetto, come pure fece l’Ufficio del culto divino della CEI che, in parte, anche lo finanziò. Mons. Giulio Sanguineti, personalmente accusato di essere massone da don Villa, senza riuscire a controbattere, consacrò la “nuova chiesa” alcune settimane prima di essere sostituito.
Il nuovo Vescovo, mons. Monari, appena insediato, non attese molto prima di recarsi in quella “nuova chiesa” a celebrare la Messa. Sulla lapide di consacrazione della “nuova chiesa” spicca la medaglia episcopale di mons. Sanguineti e le due medaglie pontificali di Giovanni Paolo II e di Benedetto XVI.

Lo studio della “nuova chiesa” procedette fino a individuare l’“idea unitaria” del progetto: la dedica della chiesa non era al “Cristo risorto”, ma al “Cavaliere Rosa-Croce” del 18° grado della Massoneria di R.S.A.A., il quale ha il compito di cancellare il Sacrificio di Gesù Cristo sulla Croce dalla faccia della terra, cioè, in altre parole, cancellare il Sacrificio di Cristo nella Messa Cattolica dalla faccia della terra.
Il grado di Rosa-Croce, infatti, è in essenza, la rinnovazione figurata e cruenta del Deicidio commesso per la prima volta sul Calvario, come la Santa Messa è la rinnovazione reale e incruenta del Sacrificio di Cristo.
Ogni parte della “nuova chiesa” è satura di simbologia massonica e di riferimenti satanici: la fontana esterna, la struttura con le sue tre spirali, il portone di bronzo, il soffitto dell’aula liturgica, la cappella del battistero, i banchi, la statua del “Cristo risorto”, la vetrata, l’altare, il tabernacolo, la croce astile, la vergine della speranza, la cripta, la croce fiammeggiante, l’area verde circostante… Tutto inneggia al Dio Pan, al Dio cabalistico Lucifero, all’Uomo-Dio della Massoneria, ma il centro di tutta l’opera è l’altare e la figura del Cavaliere Rosa-Croce che lo sovrasta. Questo è il segreto più profondo di questa “nuova chiesa”, questa è l’idea centrale.
È il Cavaliere Rosa-Croce che compie giustizia contro il Dio che si è fatto Uomo ed ha redento l’umanità, contro il Dio che ha detronizzato Lucifero dal suo potere quasi assoluto che aveva sull’uomo, contro il Dio odiato dalla Massoneria: è il Cavaliere Rosa-Croce che, sull’altare, non rinnova il Sacrifico di Cristo sulla Croce, ma rinnova il DEICIDIO!

Tempo fa, l’Autore di un libro sull’Anticristo, mi telefonò chiedendomi di inviargli una ventina di copie dello studio sul “Tempio satanico” di San Giovanni Rotondo, perché doveva tenere una Conferenza. Nel corso della telefonata, mi mise al corrente di un fatto che gli era accaduto poco tempo prima. Insieme ad un gruppo di persone, era andato a far visita ad un esorcista, il quale, informato del suo libro sull’Anticristo, gli raccontò uno strano esorcismo capitatogli. Stava esorcizzando una persona posseduta da Lucifero, quando, ad un tratto, lo udì urlare: «Io ho fatto il mio Trono, nel Gargano!».
L’esorcista, rimase stupito, non riuscendo a comprendere il significato di quelle parole. Poi raccontò: «La mattina seguente, per posta, ricevetti una copia di “Chiesa viva” sul Tempio satanico di San Giovanni Rotondo, e, letto lo studio, finalmente compresi le parole di Lucifero pronunciate il giorno precedente!».

Ora, se Lucifero, per il Tempio satanico dedicato a San Padre Pio ha urlato: «Io ho fatto il mio Trono, nel Gargano!», ci dovremo forse noi stupire se, un giorno, un altro esorcista ci racconterà di aver udito Lucifero urlare: «Io ho fatto il mio Altare, a Brescia»?

Verso la metà di ottobre 2009, uscì il Numero Speciale di “Chiesa viva” n° 420, col titolo: “Brescia: la nuova chiesa parrocchiale di Padergnone è un Tempio massonico-satanico!”. La distribuzione a Brescia, in provincia e in tutta l’Italia fu di enorme vastità.

Dopo una settimana, il 21 ottobre, ricevetti una lettera, superficialmente ironica, di Mons. Ivo Panteghini alla quale risposi, il 28 ottobre, in modo serio e dettagliato alle domande postemi, ma anche a quella relativa al tema centrale del Cavaliere Rosa-Croce che non mi fu posta.
Al termine della trattazione di quest’ultimo tema, dopo aver ricordato che Paolo VI stilò una definizione di Messa che non contemplava più il Sacrificio di Cristo sulla Croce e la Presenza Reale, gli scrissi: «Quindi, Paolo VI può meritatamente vantare il titolo di essere il più Grande Cavaliere Rosa-Croce che sia mai esistito!», e poi la conclusione: «Pertanto, nessun Cavaliere Rosa-Croce al mondo, può aspirare, come invece può fare Paolo VI, di meritarsi la gloria della dedica del Tempio satanico di Padergnone!».

Il 6 novembre 2009, alla domanda se la presenza di Benedetto XVI avrebbe potuto essere di qualche beneficio alla “causa di beatificazione” di Paolo VI, mons. Molinari rispose: «Lo spero, non tanto per la beatificazione in quanto tale, ma perché sono convinto che ci sia un tesoro di spiritualità originale nella vita di Paolo VI e che la diffusione di questo tesoro possa aiutare e arricchire la Chiesa di oggi».

L’8 novembre 2009, in occasione del trentesimo anniversario della morte di Paolo VI, e sotto una leggera pioggia, Benedetto XVI atterrò all’aeroporto di Ghedi (nei pressi di Brescia), si recò a Botticino Sera per un omaggio al Santo Tadini, poi, la Messa in Duomo a Brescia, e l’Angelus.
Nel pomeriggio, il Papa salutò gli organizzatori della visita al centro pastorale Paolo VI, e poi si recò alla casa natale di Papa Montini e inaugurò la nuova sede dell’Istituto Paolo VI a Concesio, dove assegnò il sesto premio internazionale dedicato al Pontefice bresciano. Una breve visita nella Parrocchia di Sant’Antonino, in cui fu battezzato Giovanni Battista Montini, poi la partenza dall’aeroporto di Ghedi con direzione Ciampino. In tutta questa visita, a Brescia, di Benedetto XVI, non fu fatto neppure un accenno alla “causa di beatificazione” di Paolo VI.
Dal giorno della pubblicazione del Numero Speciale di “Chiesa viva” n° 420 dell’ottobre 2009, sulla “nuova chiesa” di Padergnone, a Brescia, negli ambienti responsabili dell’erezione di questo Tempio satanico, è calato un silenzio lugubre e sepolcrale, se non per l’eccezione di un tentativo, mal riuscito, di mons. Luciano Monari di calunniare gratuitamente don Luigi Villa, con una “Nota del Vescovo”, pubblicata sul settimanale della Diocesi di Brescia, “La Voce del popolo” n. 35.
Era questo un tentativo per trovare una via d’uscita alla situazione imbarazzante creatasi nella nostra Diocesi, senza dover entrare nel merito delle tesi dimostrate dal nostro studio sul Tempio satanico di Padergnone? E cosa partorirà, prossimamente, questa cappa di piombo che ogni giorno diventa sempre più pesante?