Clicks872
it.news
4

Malato di HIV: prete indagato dopo orge omosessuali

Don Francesco Spagnesi, 40, arrestato a settembre per contrabbando e spaccio di stupefacenti, tra cui anche la cosiddetta "droga dello stupro", è indagato anche per non aver comunicato ai fornicatori omosessuali di essere positivo all'HIV, riferiscono i media.

Le legge italiana condanna questo reato con una reclusione fino a 12 anni. Spagnesi era considerato un pastore di successo alla parrocchia dell'Annunciazione, a Prato. Si è appropriato indebitamente del denaro della parrocchia, per circa 200'000-300'000 Euro.

Spagnesi ha detto alla polizia che prende regolarmente le medicine per l'HIV e che non ha mai praticato la fornicazione "senza protezione", ma almeno 15 testimoni lo contraddicono. Due dei prostituti che sono stati con lui hanno contratto l'HIV.

All'udienza preliminare, Spagnesi ha spiegato: "Il vortice della cocaina mi ha inghiottito". Ancora: "La droga mi ha fatto tradire i miei parrocchiani, mi ha fatto mentire, mi ha fatto fare cose di cui mi vergogno."

“Adesso sono positivo all'HIV e malato di AIDS,” ha detto, aggiungendo: "Chiedo a tutti di perdonarmi".

#newsXpccvxhfsk

lamprotes
Ognuno miete da ciò che ha seminato. Chi semina nella carne raccoglie corruzione, così dice l'Apostolo. Finita la galera uno così va messo in clausura a chiedere perdono dei suoi peccati. Così probabilmente si salverà.
XXXdis
"La droga mi ha fatto tradire i miei parrocchiani, mi ha fatto mentire, mi ha fatto fare cose di cui mi vergogno."

Ancora da la colpa alla droga,non ha ancora capito che il suo problema è la mancanza di Fede in Cristo.

Nuovi seminaristi crescono.
lamprotes
Sono modernisti e quando si dice questo è detto tutto!
lamprotes
Poi un prete che va allegramente a uomini e non lo vede affatto contro il suo status ha oramai il cervello capovolto!