05:58
Clicks58
notiziario
1
Ogni affermazione fatta dal cardinale Cupich è falsa Il cardinale Blase Cupich di Chicago ha fatto diverse affermazioni bizzarre e false nella sua dichiarazione sulla vecchia messa sul blog PrayTell.…More
Ogni affermazione fatta dal cardinale Cupich è falsa

Il cardinale Blase Cupich di Chicago ha fatto diverse affermazioni bizzarre e false nella sua dichiarazione sulla vecchia messa sul blog PrayTell. Matthew Hazell su Rorate-Caeli.blogspot.com nota che. Egli confuta le affermazioni di Cupich una per una.

Urgente necessità di sostituire Cupich

Cupichs paragona la riforma liturgica al Catechismo della Chiesa Cattolica - citazione: "Nessuno penserebbe di dire che le forme precedenti del Catechismo potrebbero ancora essere usate". Ma Hazell deve spiegare a Cupich che Giovanni Paolo II ha scritto nella Costituzione Fidei depositum che il nuovo catechismo : "non intende sostituire i catechismi locali". Il cardinale Ratzinger, responsabile del catechismo, ha detto in un'intervista del 2003 che la fede è sempre la stessa, ed è per questo che il Catechismo di Pio X conserva il suo valore. Il compendio al Catechismo, che era in lavorazione all'epoca, sarebbe stato, ha detto Ratzinger, più in linea con le esigenze del presente. Ma alcune persone o gruppi si sentirebbero più a loro agio con il Catechismo di Pio X. Questo catechismo avrebbe trovato i suoi amici anche in futuro.

Benedetto XVI voleva la pace liturgica, Francesco la guerra

L'affermazione ripetuta da Cupich che Benedetto XVI voleva conciliare la Fraternità Pio con il Summorum Pontificum qualifica Hazell come falso. Lo stesso Benedetto XVI ha ripetutamente negato questa affermazione. Aveva pubblicato il Summorum Pontificum perché è giusto conservare nel futuro ciò che le generazioni precedenti consideravano sacro. Questo non poteva essere improvvisamente proibito o addirittura considerato dannoso - secondo Benedetto XVI. Hazell nota che Benedetto voleva la pace liturgica, mentre Francesco vuole scatenare una guerra.

È vero il contrario: Novus Ordo non in continuità

Francesco e Cupich sostengono di voler raggiungere l'unità liturgica abolendo la vecchia messa. Ma Hazell indica il Rito dello Zaire o l'inquietante Rito dell'Amazzonia. Un recente decreto della Congregazione Liturgica permette - cito - "adattamenti radicali" del Nuovo Rito alle circostanze locali. Eppure Cupich parla di volere una "preghiera unica e identica". Hazell si chiede cosa significhi questa "unità" e questa "espressione unica". Cupich dichiara semplicemente per fiat che la Nuova Liturgia è in continuità con la tradizione della Chiesa, senza provarlo. Cita Hazell: "Questo ovviamente non ha bisogno di prove. Si dichiara che è vero, e quindi non può essere altrimenti. La volontà di potenza!" Hazell ha fornito prove scientifiche per diversi libri liturgici che questa continuità non esiste, ad esempio per le preghiere della Messa, il Lezionario, il Breviario e il Rituale.

Francesco promuove il centralismo, trasforma i vescovi in chierichetti

Hazell critica la vuota affermazione di Cupich che Francesco ha restituito la responsabilità del Vecchio Rito ai vescovi locali. È vero il contrario. La Traditionis Custodes proibisce ai vescovi di permettere il Rito Romano nelle chiese parrocchiali o di stabilire nuove parrocchie di Rito Antico. Il permesso di celebrare il Rito Romano per i nuovi sacerdoti è riservato alla Santa Sede, che non conosce nemmeno i sacerdoti che lo richiedono. Tuttavia, Cupich sostiene che la Traditionis Custodes permette ai vescovi diocesani di essere "gli unici moderatori, promotori e custodi dell'intera vita liturgica nella loro diocesi". In verità, la Traditionis custodes rende i vescovi diocesani satrapi impotenti di Francesco.

Il futuro conduce il rito romano

Cupich vuole aiutare i fedeli del vetus ordo ad adottare i principi essenziali del Novus Ordo. Hazell chiama questo clericalismo totale. Questo suona come se gli altri riti fossero una stupida marmaglia che ha bisogno di essere rimproverata da Cupich. Quando in realtà, dice, i cattolici hanno vissuto il cosiddetto rinnovamento liturgico in tutta la sua banalità con musica terribile, arte brutta, traduzioni sciatte, letture tagliate e l'ineluttabile egocentrismo dell'altare popolare. Hazell dichiara: "Non vogliamo tornare lì".
notiziario shares this
5