Fatima.
28

Io sono Canale di amore fra il Padre e il Figlio canale di carità fra Dio e gli uomini.

Valtorta – quaderni - 15 settembre 1944

(Maria Ss. Addolorata)

Questa mattina il mio risveglio dal breve sonno abituale, in sull’alba, è stato caratterizzato da questa parola detta da una voce piana e lieve, un soffio appena:

«Io sono la Carità di Dio.

Canale d’amore fra il Padre e il Figlio, canale di carità fra Dio e gli uomini.

Libero e fecondo, Io vado e circolo, distribuisco e raccolgo, espando e concentro.

Per Me l’Eterno è in voi.

Per Me voi siete nell’Eterno.

Sono la Forza prima.

Sarò la Forza ultima.

Sono la Forza eterna.

Tutto finirà. Non Io.

Il mio vivere, il mio regnare è eterno, perché Io sono la Perfezione delle perfezioni di Dio e la perfezione delle perfezioni dell’uomo.

Quando nulla sarà più necessario all’uomo perché non vi sarà più tempo e povera vita, carne e esilio, ma solo eternità e spirito, quando nulla dovrà più esser fatto, senza sosta, da Dio a favore del creato, perché di tutto il creato non rimarrà che il Cielo coi suoi ormai completi, eterni abitanti, ancora Io sarò.

Io sarò. Io sarò.

E allora i “vivi”, che già mi comprendono, mi comprenderanno compiutamente, e la loro gioia sovrumana verrà da questo comprendermi compiutamente.

Perché comprendermi compiutamente vuol dire comprendere Dio e il suo trino mistero. Conoscere perciò Dio perfettamente ed esser assorti in eterno nell’estasi di questa conoscenza.»

Poi la voce, di una soavità ancor maggiore a quella di Maria, si è taciuta lasciandomi beata e ridente di una gioia non umana.