Clicks731
it.news

Quando finirà la persecuzione? - Di Danilo Quinto

Il processo d’appello per “servo sciocco” (termini che usai tra virgolette e in corsivo nei confronti di un ex deputato radicale nel mio primo libro, “Da servo di Pannella a figlio libero di Dio”, che mi sono costati una condanna in primo grado a 6 mesi di reclusione + 2.000 euro di ammenda ed il pagamento delle spese processuali), rinviato per l’emergenza Covid, si terrà a Roma il prossimo 10 settembre.

E’ l’ultimo (?) atto di una persecuzione che subisco da 17 anni, da quando nel 2003 è iniziata la mia conversione, che subito dopo è diventata testimonianza pubblica della mia fede.

Ho pudore a parlare della “mia persecuzione”. E’ niente, se messa a confronto con quella dei martiri, che hanno versato e versano il sangue per Cristo, con quella di coloro che soffrono perchè non possono manifestare la loro fede, con quella dei sacerdoti e dei laici che vogliono rimanere fedeli al Verbo che si è fatto Carne ed è venuto ad abitare in mezzo a noi e che sono costretti a vivere l’angoscia di una situazione senza precedenti in cui si trova la gerarchia ecclesiastica, che sembra faccia tutto per potersi allontanare da Dio.

Ho pudore, ma penso - in coscienza – che di persecuzione si tratti. Sono stato perseguitato dai miei nemici, per i quali non nutro rancore, ma anche da coloro che potevano essere miei amici. Una buona parte del mondo cattolico ha mostrato e mostra – è inutile negarlo – un vero e proprio ostracismo nei miei confronti. Compreno le loro ragioni, ma mi ispiace profondamente. Non mi ergo a giudice di nessuno, ma non ho dubbi che si nutra fastidio a misurarsi con chi vive nella Libertà e nella Verità, con chi – come me – non ha nessuna appartenenza terrena, non è iscritto ad alcuna associazione, non gode di alcuna protezione e desidera stare solo con Dio, con umiltà, perchè sa che stare dalla parte di Dio significa essere in maggioranza.

Stare con Dio significa – per me – abbandonarsi alla Sua volontà, accettare tutte le prove a cui mi sottopone ed offrirLe per la Sua maggior Gloria. E’ il percorso terreno del cristiano, che gode il privilegio della certezza della vita eterna e che si abitua – piano, piano – a diventare, agli occhi del mondo, sempre più piccolo, per varcare la “porta stretta”, inginocchiato davanti a quella Croce, su cui il Figlio di Dio si è fatto Vittima per la salvezza dei Suoi amici.

A chi vuole manifestare solidarietà nei miei confronti, chiedo di pregare e – se vuole – di acquistare I miei libri. In particolare l’ultimo, “Maria e il serpente”. A questa email, pasqualedanilo.quinto@gmail.com, potete scrivere il Vostro indirizzo. Ve lo spedirò a casa.

La donazione di 18 euro può essere fatta con queste modalità:

- PAYPAL a questo link PayPal.Me
- Bonifico sul CONTO POSTEPAY intestato Pasquale Quinto
IBAN IT 54 Y 36081 0513820 1764601769
Codice BIC/SWIFT PPAYITR1XXX (per i versamenti dall'estero)

- Ricarica POSTEPAY in posta o al tabaccaio, intestata Pasquale Quinto
Numero carta 5333 1710 7086 6807

Io non mollerò, ma agli amici dico: datemi una mano.
Un caro saluto, Danilo Quinto