Clicks6.6K
Tempi di Maria
7

Le profezie di Anguera: la Regina della Pace ci ha parlato del Falso Profeta?

« Tempi difficili arriveranno per gli uomini e le donne di fede. Un uomo orgoglioso ordinerà la modifica della Professione di Fede e le sue azioni compiaceranno gli uomini perversi. Sarà una grande offesa al mio figlio Gesù. Soffro per quello che vi attende. Pregate » (messaggio 4.424, 31.1.2017).

« Sarete perseguitati da colui che agisce come agnello, ma ha un cuore di lupo. State attenti. Solamente nella Verità del Vangelo e del Vero Magistero della Chiesa incontrerete la vostra Vera Liberazione e Salvezza » (messaggio 4.509, 5.8.2017).

Quelle riportate sono due profezie impressionanti trasmesse, in questo significativo AD 2017, da Nostra Signora di Anguera nello spazio di qualche mese di distanza.
Non bisogna sorprendersi se il linguaggio appare “criptico”: si tratta di una modalità comunicativa da sempre in vigore della Chiesa e che trova un suo vero e proprio genere letterario nella stessa Sacra Scrittura, vale a dire il genere profetico in cui sono stati redatti diversi libri della Sacra Bibbia.

La profezia non è una didascalia ma necessita di una didascalia. La profezia è sempre preannuncio e richiamo: preavvisa circa il futuro e allo stesso tempo impone un cambiamento nel presente.

La profezia è luce e fuoco; luce che rischiara le tenebre dell’errore e della menzogna, fuoco che accende gli animi e, liberandoli dalla sterile mediocrità e dall’accomodamento in uno stato di tiepidezza stomachevole (cf Ap 3, 15-16), li spinge efficacemente ad amare di più Dio osservandone i Comandamenti di vita.
E’ questo, potremmo dire, il “contesto remoto” di tutte le profezie mariane dei nostri tempi.

E’ questo il contesto anche delle straordinarie profezie della Regina della Pace di Anguera che dal 1988 ad oggi ha trasmesso vaticini profetici sorprendenti, delineando il quadro del futuro in maniera così completa che se si volesse confrontare questo evento mariofanico con tutte le apparizioni mariane recenti e non recenti, forse difficilmente se ne troverebbe una che presenti un quadro profetico così dettagliato che, sebbene sia presente e anche molto accentuato in numerosissime epifanie degli ultimi secoli, con Anguera sembra veramente di essere giunti all’apoteosi.

Con la promessa di dedicarmi maniera più accurata alle profezie della Regina della Pace di Anguera in futuro, vorrei qui “en passent” commentare brevemente queste due profezie che non possono non colpire se contestualizzate nel nostro presente, alla luce degli eventi intra-ecclesiali che stanno turbando non poco il mondo cattolico e non.

Non a caso ho riportato insieme queste due profezie perché a mio parere con uno “sguardo sinottico” e con un confronto reciproco, si possono scoprire dettagli molto interessanti.

Innanzitutto si parla di un individuo a motivo del quale il gregge fedele di Cristo sarà sottoposto a una dura prova e al quale sarà causata una grande sofferenza, una vera e propria persecuzione. Fisica o morale non si sa, ma di certo una persecuzione che metterà in angustia spirituale coloro che, nella Chiesa, si mantengono fedeli al Signore.

Si tratta di un individuo la cui attività non è supportata da una vita virtuosa dal momento che l'orgoglio di cui è fatto schiavo è il vizio capitale che conduce con sé ogni altra deviazione nell'animo umano; un uomo orgoglioso non può essere, dunque, un servitore del Signore né può essere al servizio del Regno di Cristo e del bene delle anime.

Quest’individuo ha il potere niente meno che di cambiare la professione della fede, un individuo che non è in accordo con la Fede e con il Magistero di sempre ma anzi vi si oppone, la rifiuta e, come conseguenza finale, vorrà eliminarla e, come pare di capire dalla profezia, il suo tentativo andrà a buon fine.

Ordinerà il cambiamento della professione della fede e dunque dei nuclei fondamentali di ciò in cui la Chiesa da sempre crede, della Verità che salva, non certo di aspetti marginali o secondari.

Inoltre, si noti che nelle due profezie non si parla di una comunità di persone ma di un individuo identificabile o meglio già identificato perché la Rivelazione parla di costui:

« Vidi poi salire dalla terra un'altra bestia, che aveva due corna, simili a quelle di un agnello, che però parlava come un drago » (Ap 13, 11).

Benché la visione profetica di san Giovanni parli di un agnello e di un drago, se si accosta a questo versetto quello del Vangelo in cui Gesù preavvisa i suoi apostoli: « Ecco: io vi mando come pecore in mezzo ai lupi; siate dunque prudenti come i serpenti e semplici come le colombe » (Mt 10, 12) allora il raffronto risulta completo.

Quest’individuo, in pratica, oltre a presentarsi come una incarnazione escatologica del falso profeta, riassume nella sua persona le caratteristiche di tutti coloro da cui Gesù ha raccomandato di stare in guardia e verso cui usare la massima prudenza perché, appunto, sono lupi famelici, pericolo continuo per le anime dei giusti.

Si tratta di un ingannatore perché, alle apparenze di un agnello, oppone un cuore (ovvero le sue profonde intenzioni) corrotto, da lupo, divoratore della grazia delle anime buone ed indifese.

La Madonna sembra delineare una situazione, se non presente, quantomeno non lontana: quindi la comparazione di questa profezia con la figura del falso profeta è significativa perché getta luce profonda sui nostri tempi indicandoli come i tempi apocalittici di cui la Rivelazione biblica ha parlato e che le rivelazioni private, soprattutto quelle mariane, altro non fanno che rispolverare, chiarire, dettagliare, indicare come presenti nel nostro presente e che Santa Madre Chiesa ha, da parte sua, sempre proposto all'attenzione dei suoi figli.

L’appello accorato, in questo scenario, è quello stesso che proviene dalle labbra materne di Maria Immacolata, la Regina della Pace di Anguera, quello dunque di essere pronti alla battaglia finale che si prospetta dinanzi a noi con le armi della fede, della preghiera, del Rosario, della confessione, dell'Eucarestia, dell'amore alla Verità, seguendo in tutto il vero Magistero della Chiesa con quella intraprendenza e quel coraggio necessari per poter proclamare la Verità, per non tradirla e per ricevere così un giorno una meritata ricompensa nel Regno dei Cieli.

* * *

QUESTO CHE HAI LETTO E' SOLO UNO DEI MIEI DIVERSI ARTICOLI SUI MESSAGGI E LE PROFEZIE DI ANGUERA. SE DESIDERI SAPERNE DI PIÙ' A RIGUARDO VISITA L'ALBUM DA ME CREATO:

Anguera: messaggi e profezie
Mikael18
Grazie! E' così difficile trovare qualcuno che esprima in maniera così precisa e coraggiosa quello che ormai dovrebbero aver capito la maggior parte dei Cattolici: che Papa Francesco non è la persona che ci vorrebbero far credere.
In questo video si riporta l'intervista fatta il 13 Luglio 1998 a Padre Malachi Martin sul Terzo Segreto (e, lui, indirettamente, ne rivela il vero contenuto terribile)…More
Grazie! E' così difficile trovare qualcuno che esprima in maniera così precisa e coraggiosa quello che ormai dovrebbero aver capito la maggior parte dei Cattolici: che Papa Francesco non è la persona che ci vorrebbero far credere.
In questo video si riporta l'intervista fatta il 13 Luglio 1998 a Padre Malachi Martin sul Terzo Segreto (e, lui, indirettamente, ne rivela il vero contenuto terribile):
www.youtube.com/watch
Tempi di Maria
@Acchiappaladri Concordo in pieno con lei.
Acchiappaladri
@signummagnum
Sì, quello che sottolinea lei è quello che avevo cercato di dire anch'io nel mio post. L'opinione che oggi ho su Pedro Regis deriva quasi completamente da forse un paio di dozzine di suoi video che ho trovato su internet, quasi tutti di sue conferenze tenute qui in Italia.

Mi ricordo che il alcuni casi Regis dichiarò di non conoscere il significato di alcuni messaggi e che si …More
@signummagnum
Sì, quello che sottolinea lei è quello che avevo cercato di dire anch'io nel mio post. L'opinione che oggi ho su Pedro Regis deriva quasi completamente da forse un paio di dozzine di suoi video che ho trovato su internet, quasi tutti di sue conferenze tenute qui in Italia.

Mi ricordo che il alcuni casi Regis dichiarò di non conoscere il significato di alcuni messaggi e che si limitava a raccontarceli così come li aveva sentiti.
In altri casi Regis dichiarò di aver chiesto chiarimenti alla (diciamo presunta per prudenza) B.V. Maria e di averli ricevuti ma con l'ordine di non divulgarsi.
In altri casi Regis ha detto che invece aveva il permesso di divulgare i chiarimenti ricevuti.
Non ricordo di aver mai sentito Regis dare al pubblico come chiarimento autentico qualche cosa frutto della sua personale analisi e comprensione del messaggio.
"Tirare per i piedi" il sig. Regis per chiedergli delle "interpretazioni autentiche" mi sembra come minimo ingiusto e maleducato.

Il comportamento di Regis in quelle conferenze che ho visto mi è sempre parso devotamente cattolico, umile, rispettoso anche delle gerarchie (nominalmente) cattoliche che qui in Italia l'hanno pesantemente osteggiato nel 2017 (forse anche prima: non ricordo bene). Non ho notato in Pedro Regis fanatismo e, se è vero che egli presta la sua opera gratuitamente, chiedendo solo che gli sia offerto il viaggio e una semplice ospitalità, mi è difficile pensare che da trent'anni si inventi i messaggi per motivi venali. Con i potenti nemici che si ritrova mi viene anche da pensare che non abbia "scheletri nell'armadio" in Brasile, se non glieli avrebbero già tirati fuori!
Tempi di Maria
@Acchiappaladri @signummagnum Si. Tuttavia no l'impressione che stia succedendo qualcosa di strano con Pedro, non comprendo quale posizione abbiano i gestori del sito italiano di Anguera. Sarebbe utile chiedere delucidazioni a qualcuno che sta più addentro e ne può sapere qualcosa in più
signummagnum
@Acchiappaladri Non è lui a dare interpretazioni o, quando lo fa, ha sempre la premura di specificare che si tratta di una sua interpretazione. il suo comportamento è onesto
signummagnum
@Acchiappaladri Pedro ha più volte ribadito che di diverse profezie ha rievuto la spiegazione dalla Regina della Pace. in particolare di quelle riguardanti i "re" ed i "troni"...
Acchiappaladri
Dalle ultime dichiarazioni di Pedro Regis che ho trovato online mi sembra che nelle ultime settimane qualcuno lo "stia tirando per i piedi": metaforicamente, stanno cannoneggiando Regis.

I messaggi che il sig. Regis è convinto di ricevere sopranaturalmente da 30 anni (TRENTA!!! appena 6 anni meno che a Medjugorje) dalla B.V. Maria per circa un quarto di secolo sono stati semisconosciuti: la …More
Dalle ultime dichiarazioni di Pedro Regis che ho trovato online mi sembra che nelle ultime settimane qualcuno lo "stia tirando per i piedi": metaforicamente, stanno cannoneggiando Regis.

I messaggi che il sig. Regis è convinto di ricevere sopranaturalmente da 30 anni (TRENTA!!! appena 6 anni meno che a Medjugorje) dalla B.V. Maria per circa un quarto di secolo sono stati semisconosciuti: la chiesa locale si limitò ad osservare il fenomeno, senza prendere alcuna posizione formale sulla veridicità e del sig. Regis e di ciò che diceva a quelli che contano in giro per il mondo interessava poco o niente.

Da osservatore ancora poco esperto del fenomeno Anguera direi che il "salto di qualità" avvenne 4-5 anni fa col sorprendente avverarsi delle predizioni sui "due papi" e sul "papa xino/onice nera, cioè gesuita".
Da allora in tanti ci siamo accorti di Anguera e nella neo-chiesa velocemente il sig. Regis è diventato un nemico da combattere (IMHO questo è un importante indizio che ci sia qualche fondamento nella asserita supernaturalità dei messaggi di Anguera), nemico che canonicamente è difficilmente attaccabile perché laico, privo di ogni riconoscimento della Chiesa per le sue visioni e con uno stile di vita e di comunicazione tranquillo, umile e sanamente cristiano.

Invito chi è più esperto di me a spiegare meglio che cosa in queste settimane sta accadendo a Pedro Regis:
da quello che ho capito io è coinvolto un sito web italiano di (ex?) amici del sig. Regis, sito che mi sembra sbagli pretendendo che il sedicente veggente risponda a domande sul SIGNIFICATO di messaggi che coinvolgono i due papi ora viventi.
Per quel che ho capito io a proposito delle autentiche rivelazioni private, il veggente normalmente NON deve fare interpretazioni dei messaggi che riceve ma semplicemente deve comunicarli agli altri (ruolo di "portavoce") nel modo più completo e sincero, sfruttando al meglio la sua memoria e la sua capacità di comprendere quanto rivelatogli, a meno che con sia la stessa Entità Celeste a fornirgli un'esplicazione e l'incarico di renderla pubblica.

Sta agli altri che studiano i messaggi di estrarne delle interpretazioni e valutarne l'autenticità (a fini privati fin quando non ci sia una presa di posizione delle competenti autorità ecclesiastiche).
Nel caso di Anguera c'è una mole molto grande di messaggi da studiare.