Clicks10

La strabiliante logica, controintuitiva, del Vangelo

P.Elia
La strabiliante logica controintuitiva del Vangelo Vangelo di Domenica 28 Giugno XIII del Tempo Ordinario Cari fratelli a sorelle, nel Tempio della Regina dei Gigli, è facile, se si trova un po’ di …More
La strabiliante logica controintuitiva del Vangelo Vangelo di Domenica 28 Giugno XIII del Tempo Ordinario Cari fratelli a sorelle, nel Tempio della Regina dei Gigli, è facile, se si trova un po’ di tempo per pregare nel silenzio e nel raccoglimento, avvertire nel più profondo dell’essere l’accorata supplica della Mamma Celeste, che ci invita a lasciarci purificare dallo Spirito Santo per divenire sempre più Tempio di Dio. Quello che per Lei è stato fin dall’inizio, Piena di Dio, per noi si realizza al termine di un cammino di purificazione. Il messaggio di purezza della Regina dei Gigli ci aiuta a comprendere meglio la “purezza” dell’Amore che Gesù esige da coloro che vogliono essere suoi discepoli: “Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me…” La strabiliante esperienza che facciamo se con fede accogliamo e mettiamo in pratica le parole di Gesù è che ci ritroviamo ad amare non solo nostro padre, nostra madre, i nostri figli, ma tutti gli uomini e addirittura i nostri nemici con un amore che non è più umano, ma divino, capace cioè di far esplodere la vita, la gioia, l’entusiasmo perché è Dio stesso che ama attraverso e per mezzo di noi…. !