Clicks1K

I Cattolici condannano i sacrilegi e le blasfemie del papa.

CITTÀ DEL VATICANO (ChurchMilitant.com) - L'appello di Papa Francesco per una giornata di preghiera multireligiosa che chiede a Dio "di porre fine a questa pandemia" ha provocato una ondata di critiche, con migliaia di cattolici che accusano il pontefice di "sincretismo", "blasfemia" e "sacrilegio".

"Vatican News" promuove l'evento "sincretistico

"Vorrei ricordarvi che il 14 maggio i credenti di ogni religione sono invitati a unirsi spiritualmente in una giornata di preghiera, digiuno e opere di carità, per implorare Dio di aiutare l'umanità a superare la pandemia del coronavirus", ha annunciato martedì il pontefice.

L'unica unione "spirituale" che i cristiani riconoscono è la comunione dello Spirito Santo con i battezzati nel Corpo di Cristo", ha detto il diacono Nick Donnelly a "ChurchMilitant.com", annunciando su Twitter: "Non mi unirò a questo sforzo sincretistico per creare una falsa "unica religione mondiale"".

Francesco ha ribadito l'appello, prima del "Regina Coeli"da lui recitato il 3 maggio scorso, a tutte le persone "secondo gli insegnamenti della loro religione, fede o setta", per implorare "l'Onnipotente-Creatore" Dio di "sollevare questa pandemia da noi e dal mondo intero"


Il Vaticano ha emesso la sua convocazione a nome del "Comitato Superiore della Fraternità Umana", un organismo inter-religioso creato per attuare le iniziative proposte dalla Dichiarazione di Abu Dhabi firmata da Papa Francesco e Ahmed el-Tayeb, Gran Imam di Al-Azhar, nel febbraio 2019.

"Pensate solo per un momento a quello che Francesco chiede ai cattolici. Ci chiede di unirci sul piano dello spirito a coloro che adorano gli idoli e i demoni o che venerano falsi profeti che negano la divinità di Cristo". Che cosa spaventosa da chiederci di fare! È quanto ha dichiarato Il diacono Donnelly a"ChurchMilitant.com".

Il popolare autore e giornalista britannico ha aggiunto:

" Certo, possiamo cooperare a livello naturale con persone di altre religioni per combattere COVID-19, ma l'unione a livello spirituale è completamente fuori questione. Per farlo si rischierebbe il pericolo del sincretismo - la creazione di una falsa religione che tenta blasfemicamente di combinare il cristianesimo con le credenze e le pratiche delle false religioni pagane. Lo spirito della Pachamama sta rialzando la sua brutta testa nella Chiesa. Nel nome di Gesù Cristo, dobbiamo respingerlo.

I cattolici usano gli hashtag #sincretismo, #freemasonicfraternity, #Crislam, #OneWorldReligion e #FrancisIsNotOurPope per protestare contro la giornata di preghiera pan-religiosa.

Francesco ci chiede di unirci sul piano dello spirito a coloro che adorano idoli e demoni o che venerano falsi profeti che negano la divinità di Cristo.Tweet "

Parlando con Church Militant, il teologo Gavin Ashenden ha lamentato l'invito a "tutti i credenti di tutte le religioni" a "unirsi spiritualmente" come "niente di meno che una bestemmia per un cristiano".

"Ci sono qui una serie di terribili errori", ha osservato il recentemente convertito al cattolicesimo. "In primo luogo, fa una distinzione tra "tutti i credenti" e gli altri, che sono presumibilmente un misto di atei e agnostici - egli insegna l'errore gnostico di presumere che qualsiasi cosa spirituale sia buona e non spirituale sia cattiva, o meno buona. Ma Gesù non insegnava questo".

"Fa un secondo errore di presumere che la verità non abbia importanza. Gesù ci ha insegnato che la verità consisteva solo in Lui e nel suo rapporto con il Padre. Ma il Comitato descrive "Dio" come "Tutto Creatore" - sovrapponendo Allah a Yahweh. Anche Wikipedia offre una scelta di 135 nozioni completamente diverse di Dio Creatore tra cui scegliere", ha osservato il dottor Ashenden, che si è dimesso da Cappellano della Regina per protestare contro la lettura del Corano nella Cattedrale di Santa Maria a Glasgow".

"Qualsiasi promozione di questo comitato è la promozione del sincretismo a scapito dell'unicità di Gesù", ha affermato Ashenden.

Il dizionario di Oxford definisce il sincretismo come "la fusione o il tentativo di fusione di diverse religioni, culture o scuole di pensiero".

Mons. arcivescovo Carlo Maria Viganò: "la neoreligione sincretistica mondiale".

John Gravino, autore di
"Confronting the Pope of Suspicion: The Key to Church Reform Kindle Edition"
ha dichiarato a"ChurchMilitant.com" che non avrebbe partecipato alle attività interreligiose di Papa Francesco "perché non posso essere sicuro che non ci farà sprofondare a capofitto nel peccato mortale".

"Torniamo indietro e guarda le immagini del Sinodo in Amazzonia. I chierici cattolici si inchinavano a una dea della fertilità sudamericana! Gente, questa non è cooperazione inter-religiosa. Questa è idolatria", ha dichiarato il popolare oratore e commentatore cattolico.

"Papa Francesco vuole un giorno di digiuno [pan-religioso] nella festa di San Mattia - l'unico santo che dimostra che se un cattivo apostolo può essere sostituito, certamente Dio caccerà via un pessimo papa. Sto celebrando la festa dell'apostolo [il giovedì]", ha detto.

Il vescovo Miguel Ayuso Guixot, presidente del Pontificio Consiglio per il dialogo inter-religioso e membro del Comitato superiore, fu costretto a difendere papa Francesco dalle accuse di "sincretismo" nell'agosto 2019.

"Non si tratta di creare un "melting pot"(*) in cui tutte le religioni sono considerate di uguale dignità, Ma il dottor John Zmirak, autore del best seller La guida politicamente scorretta al cattolicesimo, ha detto a Church Militant: "Una cosa è unire i non cristiani per preghiere simultanee (non comuni) per il nostro Paese o per la pace. Un'altra è piuttosto quella di mettere insieme alcuni la più bassa denominazione comune, una petizione teista minima e offrila come una sola preghiera ".

"Questo è il tipo di sincretismo e indifferentismo che ha portato i papi a condannare la massoneria e il passato ecumenismo. Vederlo ora custodito nel cuore della Chiesa è agghiacciante", ha osservato.Gente, questa non è cooperazione inter-religiosa. Questa è idolatria

I cattolici progressisti stanno spingendo vigorosamente la giornata di preghiera di Francesco. La diocesi di Brooklyn ha chiesto ai suoi membri di rispondere, twittando la chiamata del pontefice come "Relief Through Belief!" Il vescovo di Nottingham Patrick McKinney ha anche invitato i cattolici d' Inghilterra e Galles a sostenere le convocazioni del papa e ha affermato che avrebbe partecipato.

L'arcidiocesi di Glasgow ha annunciato che il Comitato episcopale per il dialogo inter-religioso e la società sciita-musulmana Ahl Al-Bayt in Scozia si uniranno in preghiera su Zoom in risposta all'invito del papa.

Papa Francesco con i leader delle altre religioni del mondo

Anche la comunità indù di Abu Dhabi, guidata da Pujya Brahmavihari Swami, ha annunciato il proprio sostegno al giorno della preghiera.

L'approvazione del "sincretismo" da parte del pontefice ha scatenato un rinnovato scoppio della retorica anticattolica tra i protestanti che citano il libro dell'Apocalisse per etichettare la Chiesa cattolica romana "la meretrice di Babilonia" e accusare il vescovo di Roma di essere "l'Anticristo" che guiderà il movimento per una religione del mondo unico.

"Ricordo che Papa Francesco ci ha detto che "Il Padrone del Mondo" di Robert Hugh Benson , che raffigura un globalista sincretista l' Anticristo, era il suo romanzo preferito. Ci stava avvertendo? prendendoci in giro? Ho una sensazione inquietante solo a pensarci", ha commentato il Dr. Zmirak.

L'arcivescovo Mons. Carlo Maria Viganò ha definito "l'apostasia di Abu Dhabi" come "il frutto del neo-modernismo panteistico e agnostico che tirannizza la Chiesa romana, germinato dal documento conciliare Nostra Aetate".

"Nel giardino di Abu Dhabi", scrisse Viganò, "il tempio del mondo neo-religioso sincretista sta per sorgere con i suoi dogmi anticristiani. Nemmeno il più fiducioso dei massoni avrebbe immaginato così tanto!"

Francesco aveva inizialmente pianificato di ospitare un evento inter-religioso e internazionale per i giovani sotto lo stendardo "Reinventare l'Alleanza Educativa Globale" per il 14 maggio "allo scopo di ripristinare il tessuto delle relazioni per il bene di un'umanità più fraterna". Il virus Wuhan ha costretto il Vaticano a cancellare la conferenza.

churchmilitant.com

N.D.T.
(*) "Melting pot" è l'espressione che si usa per indicare quel tipo di società che vive e permette la commistione di elementi di origini diverse, con il risultato di costruire una identità condivisa.
Priamide shares this
Ciao
Il presagio
Buona cena e buona colazione.
N.S.dellaGuardia
E buon pranzo... ah no c'è il ramadan... anzi no scusate il digiuno interreligioso...
Adriana Brunetti
Concordo in pieno
Memorare
Oggi giornata di digiuno dalle fesserie della chiesa 2.0
N.S.dellaGuardia
Ottima e lodevole iniziativa
nolimetangere
Non volevo commentare, ma Mister B le cava le parole di bocca.
I CATTOLICI HANNO GESU' CRISTO UNICO E VERO DIO e stop.
Non ci siamo inventati nulla. Seguiamo Dio.
LA SUA PAROLA.


Poi ma molto poi, ci sono gli infedeli, i pagani e i miscredenti, gli eretici e gli apostati e gli idolatri. E quelli che non hanno riconosciuto Gesù.

Io cattolica, non mi mischio con costoro.

Pregare con costoro …More
Non volevo commentare, ma Mister B le cava le parole di bocca.
I CATTOLICI HANNO GESU' CRISTO UNICO E VERO DIO e stop.
Non ci siamo inventati nulla. Seguiamo Dio.
LA SUA PAROLA.


Poi ma molto poi, ci sono gli infedeli, i pagani e i miscredenti, gli eretici e gli apostati e gli idolatri. E quelli che non hanno riconosciuto Gesù.

Io cattolica, non mi mischio con costoro.

Pregare con costoro significa accettare e riconoscere che il loro dio è un dio al pari del MIO UNICO DIO. Grazie ma non ci sto.

Ci rimetto la salvezza.
fidelis eternis
“La Giornata di “preghiera, digiuno e carità” del 14 maggio, esprime il desiderio di ogni religione di vivere, nel mondo, la forza del proprio patrimonio umano e spirituale. Tale forza non può mai essere contro gli altri”
Ma che razza di discorso è mai questo? La Buona Novella affidataci da Cristo affinché la portassimo a tutte le genti, sino ai confini della terra, non è mai stata contro …More
“La Giornata di “preghiera, digiuno e carità” del 14 maggio, esprime il desiderio di ogni religione di vivere, nel mondo, la forza del proprio patrimonio umano e spirituale. Tale forza non può mai essere contro gli altri”
Ma che razza di discorso è mai questo? La Buona Novella affidataci da Cristo affinché la portassimo a tutte le genti, sino ai confini della terra, non è mai stata contro nessuno, ma sempre a favore di tutti, per la salvezza eterna di tutti. Il nasconderla agli uomini, ai seguaci di false religioni, questo è essere “contro gli altri”, poiché significa privarli della salvezza eterna, quella per cui Cristo si è incarnato, ha sopportato la passione e la morte in croce. Il mantenere gli uomini nelle loro false credenze è disobbedire al comando di Cristo, è porsi contro di Lui e disinteressarsi della salvezza eterna del prossimo. L’aiuto materiale, corporale (le opere di misericordia corporale) viene dopo quello spirituale, dopo l’annuncio della salvezza portataci da Cristo, da Lui solo. Non è cristiano lasciare che un buddista muoia da buddista, che un induista muoia da induista, ecc. (come faceva una certa suora posta sugli altari dai papi modernisti). Ben facevano una volta le levatrici a battezzare i neonati in pericolo di morte, così pure i missionari che battezzavano di nascosto i bambini figli di musulmani, induisti, buddisti, a rischio di morire, e ciò perché i loro genitori non lo avrebbero mai consentito.
Questo clero ribelle e ostile a Cristo, al vero Cristo (non a quello falso che si sono costruito a loro uso e consumo) inganna gli uomini facendo loro credere di volere il loro bene mentre invece impedisce loro di entrare nel Regno dei Cieli. “Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che chiudete il regno dei cieli davanti alla gente; di fatto non entrate voi, e non lasciate entrare nemmeno quelli che vogliono entrare.” (Mt 23, 13)
Stat Crux
Ottimo. Quando un battezzato venga invitato ad offendere la Legge Divina, sia pure in cosa minima, la disobbedienza, per lui, diviene dovere grave.