Clicks35
Fatima.

Gesù spiega il PADRE NOSTRO a MARIA VALTORTA

Al Figlio tuo perdona o Padre se in qualche cosa ti mancò
(poco prima della Passione Gesù ripete la ‘Preghiera’)

"RIMETTI A NOI I NOSTRI DEBITI"...»
GESÙ, CHE HA PARLATO IN PIEDI E PREGATO A BRACCIA APERTE, ORA SI INGINOCCHIA E ALZA LE BRACCIA E IL VOLTO AL CIELO. UN VOLTO SBIANCATO DALLA FORZA DEL SUPPLICARE E DAL BACIO DELLA LUNA, RIGATO DA UN TACITO PIANTO.
«AL FIGLIO TUO PERDONA (VEDI ANCHE EVANGELO 44.13), O PADRE, SE IN QUALCHE COSA TI MANCÒ.
ALLA TUA PERFEZIONE POSSO ANCOR APPARIRE IMPERFETTO, IO, TUO CRISTO CHE LA CARNE AGGRAVA.
AGLI UOMINI... NO. IL MIO COSCIENTE INTELLETTO MI ASSICURA DI AVERE TUTTO FATTO PER ESSI.
MA TU PERDONA AL TUO GESÙ... IO PURE PERDONO. PERCHÉ TU MI PERDONI, IO PERDONO.
QUANTO DEVO PERDONARE!
QUANTO!... EPPURE PERDONO.
A QUESTI PRESENTI, AI DISCEPOLI ASSENTI, AI SORDI DI CUORE, AI NEMICI, AI DERISORI, AI TRADITORI, AGLI ASSASSINI, AI DEICIDI...
ECCO. HO PERDONATO A TUTTA L'UMANITÀ.
PER ME, O PADRE, CONSIDERA ANNULLATO OGNI DEBITO DELL'UOMO ALL'UOMO. PER DARE A TUTTI IL TUO REGNO IO MUOIO, E NON VOGLIO SIA ASCRITTO A CONDANNA IL PECCARE VERSO L'AMORE INCARNATO.
NO? TU DICI. NO?
È IL MIO DOLORE QUESTO "NO" MI INFONDE NEL CUORE IL PRIMO SORSO DEL CALICE ATROCE.
MA, PADRE CHE SEMPRE HO UBBIDITO, IO TI DICO: "SIA FATTO COME TU VUOI".
"NON CI INDURRE IN TENTAZIONE".
OH! SE TU VUOI, CI PUOI ALLONTANARE IL DEMONIO! È LUI LA TENTAZIONE CHE AIZZA LA CARNE, LA MENTE, IL CUORE.
È LUI IL SEDUTTORE.
ALLONTANALO, PADRE! IL TUO ARCANGELO IN NOSTRO FAVORE! A FUGARE QUELLO CHE DALLA NASCITA ALLA MORTE CI INSIDIA!... OH! PADRE SANTO, PIETÀ DEI TUOI FIGLI!
"LIBERACI, LIBERACI DAL MALE!".
TU LO PUOI. NOI QUI PIANGIAMO... È TANTO BELLO IL CIELO E TEMIAMO DI PERDERLO.
TU DICI: "IL MIO SANTO NON LO PUÒ PERDERE".
MA IO VOGLIO TU VEDA IN ME L'UOMO, IL PRIMOGENITO DEGLI UOMINI. SONO IL LORO FRATELLO. PREGO PER LORO E CON LORO. PADRE, PIETÀ! OH! PIETÀ!... (…)"

Evangelo 597.12