Clicks314

Sardegna Reperti: statuina raffigurante San Paolo

virtualarchaeology.sardegnacultura.it/…/1025-statuina-r…

Nell’area cimiteriale di Columbaris, ad Est del complesso episcopale, è stata individuata la tomba a sarcofago n. 107. Tale sepoltura conteneva un defunto e successivamente, tra VI e VII secolo, al suo interno venne ricavato uno spazio come ossario, per riporre i resti di altri otto individui. Accanto all’ossario, coperta da frammenti di vasellame da cucina disposti in modo da proteggerla, è stata rinvenuta una statuina bronzea del IV-V d.C., interpretata come San Paolo (figg. 1-2).

Fig. 1 - Statuina di San Paolo da Cornus (foto di N. Monari-RA_00162653/R.A.S.).

Fig. 2 - Statuina di S. Paolo da Cornus: profilo (foto di N. Monari-RA_00162653/R.A.S.).

Custodito al Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, il bronzo misura cm 9,4 e rappresenta un personaggio stante vestito di tunica talare e pallio, la cui età avanzata è messa in evidenza dalle rughe che coprono il volto, fortemente connotato dal naso aquilino, dalla barba folta unita ai baffi e da una forte calvizie. La statuina mostra delle grandi mani: la destra aperta in segno di accoglienza, la sinistra tiene un volumen - il rotolo delle Leggi - ad esplicitare il suo ruolo di filosofo. L’oggetto doveva far parte di una lucerna liturgica, per il confronto con una lampada rinvenuta a Roma e custodita al Museo Archeologico Nazionale di Firenze (fig. 3). Questa, a forma di imbarcazione, rappresenta la nave della Chiesa al cui timone è seduto San Paolo e a prua San Pietro in piedi. Nel bronzo cornuense si desume che San Paolo fosse a prua per la posizione ritta. Il manufatto venne prodotto da botteghe orientali e faceva parte di una categoria di oggetti che circolava nel Mediterraneo dalle aree bizantine: un gruppo di simili lucerne bronzee sono conservate al Museo di Cagliari (figg. 4-6).

Fig. 3 - Lampada bronzea a forma di nave (da IOZZO 2012, p. 255).

Fig. 4 - Lampada con piedistallo e ansa a girali

Fig. 5 - Lucerna a navicella, con ansa sormontata da (da PANI ERMINI, ZUCCA 1989, p. 271, fig. 38) croce e serratura a forma di delfino (da PANI ERMINI, ZUCCA 1989, p. 272, fig. 39).

La funzione originaria della statuina era quella di arredo liturgico della cattedrale e il suo riutilizzo dopo secoli all’interno di una sepoltura rivela una forte devozione verso San Paolo come intercessore. L’ipotesi che tale venerazione fosse ben più estesa è supportata dal rinvenimento nel pastoforio settentrionale della basilica maggiore di un’epigrafe frammentaria menzionante Santa Maria, San Giovanni e San Paolo: è possibile che ad ogni santo fosse dedicata una basilica, ovvero alla Madonna la cattedrale, a San Giovanni Battista il battistero e a San Paolo la basilica cimiteriale (fig. 7).

Fig. 6 - Lucerna bronzea con ansa a protome di grifo sormontata dalla croce (da PANI ERMINI, ZUCCA 1989, p. 272, fig. 40).

Fig. 7 - Frammento di epigrafe in cui compaiono le lettere interpretate come “Sanctus Paulus” (da MASTINO 1984, pp. 17, Tav. XLVII, fig. 2).

L’iconografia paolina caratterizzata dai tratti distintivi si riconosce in opere di vario genere, che riportano ulteriori attributi aggiunti nel corso dei secoli: la sua immagine si trova negli affreschi delle catacombe (fig. 8) o in svariati rilievi su pietra (fig. 9) e avorio (fig. 10), statue (figg. 11-12) e manufatti vitrei (figg. 13).

Fig. 8 - Catacomba ad decimum sulla via Latina (www.vatican.va/…/rc_com_archeo_d…)

Fig. 9 - Rilievo con l’abbraccio di Pietro e Paolo da Aquileia, Museo Paleocristiano di Aquileia (www.arteefede.com/attualita/articolo.php aquileia.arte.it/…/rilievo-con-l-a…

Fig. 10 - Londra, British Museum, avorio (V secolo): Tecla ascolta le parole di Paolo (da ZIMMERMANN 2010, p. 676, fig. 6).

Fig. 11-12 - Testa dello pseudo Plotino-Paolo conservato al Museo Ostiense (www.exibart.com/…/rev76843%281%29… lucamaggio.files.wordpress.com/…/filosofo-plotin…).

Fig. 13 - Vetro del IV secolo da Roma, Museo sacro della Biblioteca Vaticana (dizionaripiu.zanichelli.it/…/storia-della-ge…).

Bibliografia
M. BARBERA, S. PALLADINO, C. PATERNA, La domus dei Valerii a Roma, pp. 1-7. Disponibile su: www.fastionline.org/docs/FOLDER-it-2005-47.pdf [01/02/2015].
M. BARBERA, S. PALLADINO, C. PATERNA, La domus dei Valerii sul Celio alla luce delle recenti scoperte, in Papers of the British School at Rome, London, 76, 2008, pp. 75-98, 349-354.
F. BISCONTI, s.v. Paolo, Santo, in Enciclopedia dell’Arte Medievale, online.
B. BRENK, Lucerna a navicella con Pietro e Paolo, in S. ENSOLI, E. LA ROCCA (a cura di), Aurea Roma. Dalla città pagana alla città cristiana. Catalogo della mostra (Roma, Palazzo delle Esposizioni, 22 dicembre 2000 - 20 aprile 2001), Roma 2000, p. 453, sch. e fig. 41.
L. CHRZANOVSKI, A nouveau sur le donarium de Biertan, in S. COCIS, A. URSUTIU (a cura di), Archäologische Beiträge. Gedenkschrift zum hundertsten Geburtstag von Kurt Horedt, Cluj-Napoca 2014, pp. 253-268.
S. CISCI, Scheda RA_00162653-Reperto Archeologico (su ICCD 3.00). Sistema Informativo del Patrimonio Culturale della Sardegna (R.A.S), pp. 1-6.
R. CORONEO, Arte in Sardegna dal IV alla metà dell’XI secolo, Cagliari 2011.
A. M. GIUNTELLA, Cornus I.1. L'area cimiteriale orientale = Mediterraneo tardoantico e medievale. Scavi e ricerche, 13. 1, Oristano 1999, pp. 46, 58, 87.
A. M. GIUNTELLA (a cura di), Cornus I.2. L'area cimiteriale orientale. I materiali = Mediterraneo tardoantico e medievale, 13. 2, Oristano 2000, pp. 21.
A. M. GIUNTELLA, Sepoltura e rito: consuetudini e innovazioni, in AA. VV., Le sepolture in Sardegna dal IV al VII secolo. IV Convegno sull'archeologia tardoromana e medievale (Cuglieri 27-28 giugno 1987) = Mediterraneo tardoantico e medievale. Scavi e ricerche, 8, Oristano 1990, pp. 215-230.
M. IOZZO, Lucerna a navicella con gli apostoli Pietro e Paolo, in M. BONA CASTELLOTTI (a cura di), Il volto di Saulo. Saggio sull’iconografia Paulina, Cinisello Balsamo 2009, pp. 48-53.
M. IOZZO, Catalogo V, 77. Lucerna di Valerio Severo, con i SS. Pietro e Paolo, in G. S. GHIA, S. KAPPLER (a cura di), I papi della memoria. La storia di alcuni grandi pontefici che hanno segnato il cammino della Chiesa e dell'umanità. Catalogo della Mostra, Roma 2012, p. 255.
R. MARTORELLI, Usi e consuetudini funerarie nella Sardegna centro-occidentale fra tarda antichità e alto Medioevo, in P. G. SPANU, R. ZUCCA (a cura di), Oristano e il suo territorio, 1. Dalla preistoria all’alto Medioevo, Roma 2011, pp. 701-759.
A. MASTINO, Cornus nella storia degli studi con un catalogo delle iscrizioni rinvenute nel territorio del comune di Cuglieri, Cagliari 1984.
B. MAZZEI, Lampada in forma di nave con Pietro e Paolo, in A. DONATI (a cura di), Pietro e Paolo. La storia, il culto, la memoria nei primi secoli. Catalogo della mostra (Roma, Palazzo della Cancelleria, 30 giugno - 10 dicembre 2000), Milano 2000, pp. 154, 218-219, sch. e fig. 76.
L. PANI ERMINI, Un piccolo bronzo da Cornus raffigurante S. Paolo, Roma 1989, in Atti della Pontificia Accademia romana di archeologia. Rendiconti, vol. 61, (1988/89), 1990, pp. 3-25.
L. PANI ERMINI, M. MARINONE, Catalogo dei materiali paleocristiani e altomedievali. Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, Roma 1981.
L. PANI ERMINI, R. ZUCCA, L'età paleocristiana e altomedievale: la produzione artigianale e l'epigrafia, in V. SANTONI (a cura di), Il Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, Sassari 1989, pp. 247-286.
I. ROMEO, Ritratti ostiensi del tipo «Plotino»: repliche, prototipo, interpretazione, in C. BRAIDOTTI, E. DETTORI, E. LANZILLOTTA (a cura di), Ou pân ephèmeron: In memoria di Roberto Pretagostini, 2, Roma 2009, p. 749-767.
V. SANTONI, Statuina in bronzo di Paolo, in A. DONATI (a cura di), Pietro e Paolo. La storia, il culto, la memoria nei primi secoli. Catalogo della mostra (Roma, Palazzo della Cancelleria, 30 giugno - 10 dicembre 2000), Milano 2000, pp. 139, 212-213, sch. e fig. 58.
V. SANTONI, Una statuina in bronzo raffigurante San Paolo dall'area cimiteriale di Cornus, in P. G. SPANU (a cura di), con la collaborazione di M. C. OPPO e A. BONINU, Insulae Christi. Il cristianesimo primitivo in Sardegna, Corsica e Baleari = Mediterraneo tardoantico e medievale. Scavi e ricerche 16, Oristano 2002, pp. 277-280.
P. TESTINI, Il complesso paleocristiano di Cornus (Regione Columbaris) in Sardegna, in Actas del VIII Congreso Internacional de Arqueologia Cristiana (Barcelona, 5-11 octubre 1969), Barcellona 1972, pp. 537-561.
N. ZIMMERMANN, Nuove immagini da Roma. Una rappresentazione di S. Tecla nella catacomba di Domitilla, in Annali di archeologia e storia antica. Istituto Universitario Orientale di Napoli, Dipartimento di Studi del Mondo Classico e del Mediterraneo Antico, 18, 2, 2010, pp. 671-681.
R. ZUCCA, Il primo periodo bizantino, in L. PANI ERMINI, R. ZUCCA, L'età paleocristiana e altomedievale: la produzione artigianale e l'epigrafia, in V. SANTONI (a cura di), Il Museo Archeologico Nazionale di Cagliari, Sassari 1989, pp. 271-283.
Stat Crux and 6 more users like this.
Stat Crux likes this.
Marziale likes this.
giandreoli likes this.
N.S.dellaGuardia likes this.
maria immacolta likes this.
polos likes this.
nolimetangere likes this.