Clicks265
notiziario
Comunione nella mano - Un altro male che deve essere fermato Disobbedienza autorizzata. Un libro di vari autori sulla Comunione nella mano è stato pubblicato un paio di settimane fa in Francia dall'…More
Comunione nella mano - Un altro male che deve essere fermato

Disobbedienza autorizzata.

Un libro di vari autori sulla Comunione nella mano è stato pubblicato un paio di settimane fa in Francia dall'editore Contretemps. La prefazione è del cardinale Burke. Un contributo di monsignor Nicola Bux si intitola: "Comunione in mano, una disobbedienza autorizzata". Sfata il mito che la Comunione in mano fu autorizzata da Paolo VI e confermata da Giovanni Paolo II e Benedetto XVI come uno dei due modi normali di ricevere la comunione.

Perdonare i disobbedienti.
Bux scrive che Paolo VI confermò la proibizione della Comunione in mano, esortando vescovi e sacerdoti a - cito - "sottomettersi scrupolosamente a questa legge appena confermata". Tuttavia, con una doppiezza, tipica del Vaticano, Egli permise ai vescovi nelle cui diocesi c'era una massiccia resistenza a questo divieto, di - "perdonare" i disobbedienti. Ora, in questi stessi paesi, i vescovi rimuovono un prete da tutte le sue funzioni se si rifiuta di distribuire la Comunione nella mano.

Nessuna spina dorsale.
Prossimo alla morte, Paolo VI ordinò di sospendere la concessione di nuovi indulti e chiarì che, anche quando un indulto era stato concesso, la Comunione in mano doveva essere scoraggiata, ma quest'ordine non fu rispettato. Mesi dopo, il suo successore Giovanni Paolo II confermò questa decisione ordinando che la Comunione in mano non fosse più autorizzata in nessun paese. Ma questa sospensione durò solo cinque anni. Quando Giovanni Paolo II visitò la Svizzera nel giugno 1984, egli stesso distribuì la Comunione in mano.

Trionfo della disobbedienza.

Il cardinale Robert Sarah, ex prefetto della Congregazione per la Liturgia, ha notato che il modo in cui la Comunione in mano si è diffusa è stato imposto in un modo - cito - "che non è secondo le vie di Dio". Oggi, il paradosso è che i fedeli che rifiutano la Comunione in mano, sono accusati di - cito - "disobbedienza". In altre parole: L'anarchia e la disobbedienza hanno finalmente trionfato.
Pinterest
Change post
Remove post