Clicks16

Le radici dell’attuale crisi profonda nella Chiesa

Il culmine dell’apostasia nella Chiesa è lo stesso Vaticano apostata, guidato dal cosiddetto Francesco Bergoglio. Egli ha arrogantemente intronizzato l’idolo Pachamama nella basilica principale di San Pietro, si propone di legalizzare le unioni sodomitiche, e promuove il vaccino mRNA, che altera il genoma umano ed è una parte integrante della chippatura, dalla quale la Bibbia ci mette in guardia dicendo che la punizione, è il lago di fuoco. Inoltre, il programma di vaccinazione fortemente promosso è un mezzo per realizzare il genocidio di massa dell’umanità: l’annientamento di 6 miliardi di persone! L’intera setta bergogliana, che sta occupando le più alte cariche nella Chiesa odierna, è in linea sia con l’atteggiamento di Bergoglio nel tradire gli insegnamenti di Cristo, sia con il programma di genocidio.

Esaminiamo le radici profonde di questo fenomeno distruttivo. Il cosiddetto studio scientifico delle Scritture, a partire dall’Illuminismo e proseguendo attraverso il Modernismo e la scuola di Bultmann, ha portato alla negazione di tutto ciò che è soprannaturale nella Bibbia, e cioè, l’ateismo. Soprattutto nella seconda metà del XIX secolo, questo spirito del cosiddetto approccio scientifico, che è emerso dal Protestantesimo, ha influenzato i teologi cattolici che volevano sembrare “sofisticati”. Papa Pio X si oppose a loro con le sue lettere e l’enciclica “Pascendi Dominici Gregis” (1907). In seguito espulse molti professori e studenti di teologia. Uno dei modernisti, Angelo Roncalli, professore di storia, sfuggì alla punizione e il potere massonico, dietro le quinte, lo elevò al papato nel 1958. Nel 1962 , questo Papa, ora chiamato Giovanni XXIII, convocò il Concilio Vaticano II sotto il motto “aggiornamento” con il mondo. Ha nominato teologi liberali come moderatori del Concilio, i quali hanno usato concetti ambigui, per rafforzare lo spirito delle eresie contemporanee. A poco a poco, questo spirito ha infettato tutte le scuole teologiche. Questi frutti perniciosi sono divenuti particolarmente visibili, nella persona dell’arci-eretico Bergoglio, il quale ha più volte pubblicamente dimostrato la sua incredulità e l’unità con l’organizzazione massonica. La realtà è che la maggioranza dei vescovi e dei sacerdoti odierni, sono spiritualmente avvelenati da questo spirito.

Come pentirsi di questa adesione alla dottrina velenosa del cosiddetto metodo storico-critico? È necessario respingere lo spirito di eresia dietro questo cosiddetto metodo e accettare la Verità del Vangelo, con un cuore puro.

Il cosiddetto metodo scientifico, che è basato sulla filosofia atea, nega tutto ciò che è soprannaturale nella Bibbia. Mette in dubbio i fatti e inventa tutti i tipi di teorie che distolgono dall’essenza, cioè dal fatto che l’Autore delle Sacre Scritture è lo Spirito Santo. I sostenitori del metodo critico non pregano, né seguono Cristo, né hanno la fede salvifica, eppure vogliono essere maestri spirituali e spiegare i misteri della fede. Al contrario, invece, oscurano e mettono in discussione le verità della fede. Lo scopo del cristianesimo è salvare le anime. Noi dobbiamo accettare la Parola di Dio come Vera Parola di Dio, e Dio poi opera miracoli, come testimonia l’Apostolo Paolo (1 Ts 2).

La prof.ssa E. Linnemann, discepola di R. Bultmann, che abbandonò il sistema ateo del metodo storico-critico, scrive: “La pseudoscienza ateistica anticristiana è riconosciuta dalla teologia storico-critica come l’unico approccio effettivamente corretto alla Parola di Dio. Chi vuole essere considerato teologicamente istruito … deve essere pronto a dare spazio all’ateismo nel proprio pensiero … Questa è una perversione … Sia la teologia come metodo storico-critico che la scienza storica si basano sulle bugie. La scienza quindi, che sopprime ingiustamente la verità, non è sinonimo di veridicità, ma è ribellione contro Dio… Considero tutto ciò che ho insegnato e scritto, prima di affidare la mia vita a Gesù, come un rifiuto! I miei due libri “Gleichnisse Jesu” e “Studien zur Passionsgeschichte” li ho gettati nella spazzatura con le mie stesse mani nel 1978. Vi chiedo sinceramente di fare la stessa cosa con qualunque copia di loro che possiate avere”.

Cari vescovi e sacerdoti, se noi dovessimo chiedere a voi quando sono stati scritti i libri del Nuovo Testamento e chi è il loro autore, la vostra risposta – in particolare tra i più giovani fra di voi – probabilmente sarebbe basata su varie teorie che avete abbracciato durante i vostri studi teologici. Ma queste teorie hanno un solo obiettivo: mettere in discussione gli autori umani e l’ispirazione divina della Scrittura. Hanno impresso dentro di voi l’ipotesi di una linea di autori Giovannini e Paolini e, in relazione al Vecchio Testamento, le linee Jahvista ed Elohista, come pure quella di un Deutero- e Trito-Isaia. Vi è stato insegnato che la Scrittura non può essere compresa senza una visione scientifica. Un certo cardinale ha detto 40 anni fa: “È un pregiudizio di origine evoluzionista dire che la Bibbia può essere compresa solo attraverso lo studio delle sue origini e del suo sviluppo … Molti eroi della fede o santi, erano ignoranti e spesso non esperti di esegetica, eppure furono loro che compresero al meglio la Bibbia”.

Frasi sugli autori paolini e giovannini del Nuovo Testamento mettono in dubbio la autenticità degli Apostoli Giovanni e Paolo. Esistono molte cosiddette teorie scientifiche. Il loro scopo è distruggere le basi dell’insegnamento cristiano. Sei stato costretto a dedicare molto tempo a loro, a scapito della conoscenza dell’essenza delle Sacre Scritture. L’autore dell’intera Bibbia è lo Spirito di Dio. Abbiamo bisogno di riceverlo. Una volta riempiti con lo Spirito di Dio, siamo quindi obbligati a proclamare l’insegnamento della salvezza, piuttosto che alcune mutevoli teorie che non hanno mai convertito nessuno, ma al contrario, mettono in dubbio la fede di coloro che ancora ne hanno un po’. Durante i vostri studi teologici, avete sentito molte teorie sull’origine dei singoli Vangeli, ma probabilmente non avete sentito questa teoria:

1) I Vangeli degli Apostoli Giovanni e Matteo furono scritti nelle prime ore dopo la nascita della Chiesa, cioè furono scritti subito dopo l’invio dello Spirito Santo.

2) Il Vangelo di Giovanni è stato immediatamente tradotto in greco. Allo stesso tempo, l’Apostolo Matteo dettava il suo Vangelo agli scribi che lo scrivevano sia in ebraico (aramaico) che in greco.

3) Ragioni logiche e pratiche:

a) Il giorno di Pentecoste, molti pellegrini di molte nazioni si sono convertiti al Signore (Atti 2). Erano Ebrei. Alcuni di loro erano maestri della legge. Conoscevano le Sacre Scritture in ebraico così come la traduzione greca dei Settanta.

b) Era necessario testimoniare a questi ebrei convertiti che Gesù era il Figlio di Dio, affinché mediante la fede in Lui avessero la vita eterna (cfr. Gv 20,31). L’Apostolo Giovanni si assunse il compito. Era anche necessario mostrare a coloro che credevano, che le predizioni della Scrittura si fossero adempiute in Gesù. Questo compito è stato assunto dall’Apostolo Matteo. Hanno preso in considerazione questi aspetti quando hanno scritto (dettato) i loro Vangeli.

c) Affinché i Vangeli avessero autorità, i primi dovevano essere scritti dai testimoni oculari degli insegnamenti di Gesù, dei suoi miracoli, della sofferenza, della sua morte e resurrezione. Ciò è stato fatto dagli apostoli Giovanni e Matteo. Questi due vangeli acquisirono così un’autorità estremamente significativa.

d) Nel servizio di adorazione ebraico, è pratica comune prima leggere un brano della Sacra Scrittura e poi farne un’interpretazione. Nel servizio di culto cristiano, si è reso necessario, oltre ad un passaggio dal Vecchio Testamento, leggere anche un brano del Vangelo, e poi fare un’interpretazione. Questa lettura del Vangelo è stata necessaria soprattutto nel territorio di missione. La liturgia della Parola era anche collegata alla Cena del Signore (lo spezzare il pane). Così, la Parola scritta di Dio – il Vangelo – è diventato una parte insostituibile del culto cristiano.

e) La missione richiede una solida base scritta! Non si può essere basati solo sulla tradizione orale. Si deve essere basati sulla Parola scritta di un testimone oculare, vale a dire un Apostolo – Evangelista. La lingua parlata nel mondo civilizzato di allora, era prevalentemente il greco, quindi, i Vangeli sono stati anche scritti in greco, fin dall’inizio, per il bene della missione!

Questo è ciò che farebbe ogni saggio missionario se fosse al posto degli apostoli.

Così gli apostoli scrissero come testimoni oculari ciò che avevano visto e udito e ciò che avevano toccato le loro mani, affinché anche voi crediate. Basare la missione solo sulla tradizione orale non sarebbe saggio. Come dice il proverbio latino: “La lettera scritta rimane.” Poi è possibile fare interpretazioni, ma la base deve essere una parola scritta.

La cosiddetta scienza storica ha “de facto” negato l’ispirazione della Scrittura, la divinità di Cristo, la Sua resurrezione reale e storica, e così ha distrutto le fondamenta della nostra fede. I critici storici non hanno nulla a che fare con una relazione personale con Gesù, né conoscono l’essenza della fede salvifica che è associata con la conversione e con il sentiero del pentimento. Nascondono la loro incredulità con la cosiddetta scienza, sebbene in realtà non sia scienza ma pseudo scienza e menzogna. Essi hanno creato una falsa opinione pubblica che coloro che non si sottomettono al loro punto di vista, sono inferiori. Ciò ha colpito in particolare gli studenti di teologia, che hanno accolto con grande entusiasmo questo cosiddetto metodo scientifico. Il frutto di questa ideologia atea è il cristianesimo tiepido e l’apostasia di massa delle nazioni cristiane.

+ Elia

Patriarca del Patriarcato Cattolico Bizantino

+ Metodio, OSBMr + Timoteo, OSBMr

Vescovi Segretari


20 febbraio 2021

Il Patriarcato Cattolico Bizantino (PCB) è una comunità di monaci, sacerdoti e vescovi che vivono in monasteri. Il Patriarcato è guidato dal patriarca Elia con due vescovi segretari, + Timoteo e + Metodio. Il PCB nacque dall’esigenza di difendere le fondamentali verità cristiane contro le eresie e l’apostasia. Non riconosce lo pseudo papa Bergoglio e non è a lui subordinato.

Sottoscriviti al servizio di NewsLetter di PCB

vkpatriarhat.us4.list-manage.com/…4da3e3582e1ecefc&id=c8496b93c3