Clicks923
it.news
4

Altra stazione della Via Crucis: cardinale Pell subisce "vescovi confratelli" glaciali

La reazione fredda del presunto confratello del cardinale Pell dopo il suo rilascio lascia attonito Marco Tosatti (LaNuovaBq.it, 8 aprile).

Il vescovo di Brisbane, Mark Coleridge, confratello di Pell e Presidente dei Vescovi Australian i, donna non ha espresso alcuna gioia o alcuna compassione per Pell. Invece ha espresso concetti assurdi e astratti, con molta comprensione per i responsabili del linciaggio di Pell.

Un tono simile è stato seguito nella dichiarazione del Vaticano. L'ospedale da campo di Francesco sembra in capace di mostrare empatia genuina.

Tosatti confronta questa reazione con il supporto ricevuto da alcuni vescovi legati ad abusi, come Piñeda e Zanchetta da parte del Vaticano.

L'immagine mostra la dissacrazione della cattedrale di Melbourne, l'8 aprile: "Marcisci all'inferno, Pell"

#newsAxlsdohdkv

Christoforus78
Del resto come possono falsi vescovi gioire perchè un vero vescovo cattolico viene liberato poichè igiustamente condannato?
Gaetano2
E per forza, tutta l'accozzaglia di pervertiti che ha invaso la Chiesa vorrebbe, ovviamente, che i veri cardinali e vescovi fossero in qualche modo eliminati
alda luisa corsini
Cara, mi manca la suorina che batte le mani...
nolimetangere
Tanto acidume perchè non ce l' hanno fatta.. Quelli che buttano la prima pietra sono i piú colpevoli...