Giorgio Tonini
“…in pieno territorio delle Decapoli…”, ossia, in pieno territorio pagano, Gesù opera il miracolo di aprire le orecchie e la lingua del sordomuto all’ascolto e alla parola. Anche ai tempi nostri siamo in pieno territorio delle Decapoli, in un mondo paganizzato dal benessere economico e delle conquiste tecnologiche, un mondo diventato ateo, sordomuto davanti al Signore. O meglio, lo sarebbe, se, …More
“…in pieno territorio delle Decapoli…”, ossia, in pieno territorio pagano, Gesù opera il miracolo di aprire le orecchie e la lingua del sordomuto all’ascolto e alla parola. Anche ai tempi nostri siamo in pieno territorio delle Decapoli, in un mondo paganizzato dal benessere economico e delle conquiste tecnologiche, un mondo diventato ateo, sordomuto davanti al Signore. O meglio, lo sarebbe, se, proprio come nel Vangelo, Gesù non avesse emesso un sospiro (lo Spirito Santo) e detto alla Sua Chiesa “effata’ “, apriti. Con il Concilio Vaticano II Dono dello Spirito Santo la Chiesa oggi può parlare al mondo pagano (Decapoli) e guarirlo dalle sue infermità spirituali, perché, come ha ricordato molto opportunamente fra Pasquale, la Chiesa continua nell’opera di guarigione fisica e spirituale cominciata da Gesù, che ha fatto bene ogni cosa, udire i sordi, e parlare i muti, e sul Suo esempio, imponendo le mani, per mezzo dei suoi sacerdoti, nell’assolvere, nel consacrare, nel benedire. Ringraziamo il Signore per i sacerdoti e preghiamo per loro!