Clicks804
ferralex
1
Aborto: e in caso di stupro? 🔴 "L'ABORTO È AUTODISTRUTTIVO COME NESSUN ALTRO TRAUMA" Ascoltate le belle testimonianze di alcune madri che hanno accolto la #vita anche dopo essere state …More
Aborto: e in caso di stupro?

🔴 "L'ABORTO È AUTODISTRUTTIVO COME NESSUN ALTRO TRAUMA"

Ascoltate le belle testimonianze di alcune madri che hanno accolto la #vita anche dopo essere state stuprate, dimostrando che l'#aborto non è mai una soluzione!

#StopAborto #provita

___________________________________________________________
Pro Vita & Famiglia è una associazione ONLUS che opera in favore dei bambini, delle madri e dei padri, difende il diritto alla vita dal concepimento alla morte naturale, promuove la famiglia fondata sul matrimonio tra un uomo e una donna, e sostiene la libertà e priorità educativa dei genitori.

✔️Qui trovate il nostro sito web: provitaefamiglia.it

✔️Mettete il like alla nostra pagina Facebook: facebook.com/login/web/

✔️Seguiteci su Twitter: twitter.com/provitafamiglia

✔️Seguiteci su Instagram: instagram.com/accounts/login/

✔️Sostenete Pro Vita & Famiglia con una donazione: provitaefamiglia.it/cosa-puoi-fare
Luca Santoro
L'aborto, per comprenderlo appieno, alcune persone dovrebbero solo provarlo sulla propria pelle. Dopo di che, per dono divino, ritornare in vita, e, vedendo a quale vita stanno rinunciando, esprimere in quali (delle infinite casistiche....) accetterebbero il proprio auto-aborto. Come cosa utile, importante, necessaria, definitiva, per la mamma, per la società, per la ricerca medica... e cedendo …More
L'aborto, per comprenderlo appieno, alcune persone dovrebbero solo provarlo sulla propria pelle. Dopo di che, per dono divino, ritornare in vita, e, vedendo a quale vita stanno rinunciando, esprimere in quali (delle infinite casistiche....) accetterebbero il proprio auto-aborto. Come cosa utile, importante, necessaria, definitiva, per la mamma, per la società, per la ricerca medica... e cedendo la propria Libera scelta di vivere o morire alla madre o al medico di turno. Ipocriti!