Marziale
11657

Apocalisse: Babilonia.

“Tutta la terra aveva una sola lingua e le stesse parole.
Emigrando dall’oriente gli uomini capitarono in una pianura nel paese di Sennaar e vi si stabilirono.
Si dissero l’un l’altro: “Venite, facciamoci mattoni e cuociamoli al fuoco”…Poi dissero: “Venite, costruiamoci una città e una torre, la cui cima tocchi il cielo e facciamoci un nome, per non disperderci su tutta la terra”. Ma il Signore scese a vedere la città e la torre che gli uomini stavano costruendo…
Leggiamo l’esegesi di Genesi scritta da Giuseppe Flavio, il quale, essendo ebreo, potè forse riportare ricordi, i miti, le tradizioni di quell’antico fatto: «Il re Nimrod trasformò gradatamente il governo in una tirannia, non vedendo altro modo per sviare gli uomini dal timor di Dio, se non quello di tenerli costantemente in suo potere. Disse inoltre che..
segue qui Apocalisse: Babilonia. - Marziale
4
Oscar Magnani
Pare un girone dell'inferno...