Clicks238
notiziario
1
La Marcia per la Vita affronta "l'odio come mai prima d'ora!" La "Marcia per la vita" di Vienna ha marciato sabato nella capitale austriaca. Circa 2.500 pro-life hanno partecipato, tra cui famiglie, …More
La Marcia per la Vita affronta "l'odio come mai prima d'ora!"

La "Marcia per la vita" di Vienna ha marciato sabato nella capitale austriaca. Circa 2.500 pro-life hanno partecipato, tra cui famiglie, giovani, sacerdoti in
abito talare, ma non un solo vescovo. Il vescovo ausiliario viennese Scharl ha celebrato prima una messa nella chiesa di San Pietro, ma non si è presentato alla marcia. Nel suo sermone, ha invitato a pregare affinché i vescovi - cito: "mostrino coraggio e discernimento". Roland Noé di Kath.net ha notato che il cardinale Schönborn non ha nemmeno inviato un saluto. Eppure vive a poche centinaia di metri, ma sicuramente ha, come ogni anno, una - cito - "buona scusa". Citazione: "Non c'è altro modo per dirlo: è davvero un peccato che i vescovi non si facciano mai vedere qui".

Centinaia di poliziotti, elicotteri, cani.

La marcia è stata accompagnata da una massiccia azione di disturbo e da un'enorme presenza di polizia: Centinaia di agenti di polizia, decine di task force dell'unità speciale viennese WEGA, un elicottero della polizia e cani poliziotto.

L'inferno di coloro che lo negano

I messaggi degli attivisti pro-life erano: "Amo i bambini", "La pace inizia nel grembo materno", "Amali entrambi" o "Diritti umani per tutte le persone". I giovani allegri cantavano "Siamo pro-vita" o "Viva Cristo Re" mentre marciavano. I contro-dimostranti hanno gridato i soliti messaggi minacciosi: "I vostri figli saranno come noi", "Niente Dio, niente Stato, niente patriarcato", "Se Maria avesse abortito, ci avrebbe risparmiato". "L'inferno per coloro che ci credono". Involontariamente onesti erano due grida continue: "Odio-odio come mai prima d'ora" e "Ridate le chiese ai fondamentalisti - un po' alla volta".

Questi sono i campi nemici: omosessuali contro cristiani

Gli Antifa hanno fermato la marcia due volte. In un'occasione, sei di loro si sono seduti a gambe incrociate in strada. Si sono lasciati trasportare dalla polizia. Sulla Ringstrasse di Vienna, tre dozzine di fanatici hanno formato un blocco nero. Un giornalista ha sussurrato a Gloria.tv sul posto: "Non ne avranno più neanche loro". Il loro striscione diceva: "Queers fight back" - in tedesco: Homos schlagen zurück. Hanno prodotto nuvole puzzolenti di fumo rosa e nero.
Gli Antifa di sinistra incappucciati hanno coperto ripetutamente la telecamera di un giornalista di Gloria-tv, che stava davanti, con i palmi delle mani o con bandiere antifasciste. Questo è stato accompagnato da commenti come "Vaffanculo!". La risposta di Gloria.tv: "Ci resterò di sicuro". Per venti lunghi minuti la polizia ha aspettato pigramente. Alcuni agenti agitavano bombolette di spray al peperoncino e tenevano i loro manganelli. Ma non è successo niente. Dopo una lunga attesa, il comando di polizia provinciale ha dichiarato dispersa l'assemblea illegale. Entrerebbero in azione con la "forza delle armi" in cinque minuti. Gli Antifa hanno gridato, sfidando la morte: "Chiudi quella cazzo di bocca". Subito dopo si sono ritirati senza far rumore. La polizia non ha preso nessun dato personale. La televisione OE24 descrive la "fuga" come segue - citazione: "Quando i cani della polizia hanno iniziato ad abbaiare, gli attivisti, che all'inizio stavano ancora gridando slogan, sono scappati".

Alternativa: difendere i diritti o perdere i diritti

Gli organizzatori della marcia hanno annunciato alla fine che avrebbero intrapreso un'azione legale a causa delle misure di disturbo tollerate dalla polizia e del cambiamento del percorso della marcia. Il diritto di manifestare era stato violato.

Gli Antifa sono coperti dall'alto

Infine, coraggiosi pro-life hanno denunciato gli Antifa per aver deriso la religione. Qui, le possibilità sono scarse con la procura viennese. Gloria.tv ha fornito molte prove in diverse accuse di incitamento contro i cristiani negli ultimi anni. La procura di Vienna non ha nemmeno riconosciuto un primo sospetto che formulazioni come "pugno di cristiani" o "cristiani per il bene dei cristiani" costituiscano un incitamento. Nel caso di qualsiasi altra religione, le accuse sarebbero state prese in considerazione.

Pinterest
Beitrag ändern
Beitrag entfernen
notiziario shares this
8
Notiziario