Clicks1.2K
Francesco I
5

Bergoglio ancora contro la Vergine Santissima- Replica di Mons. Brunero Gherardini

Bergoglio ancora contro "Maria Corredentrice"

Bergoglio ha un hobby: screditare la Madonna nei suoi privilegi, nella realtà della sua sublime dignità. Dopo aver negato de facto l’immacolato concepimento della Vergine Santissima che, a parer suo, non sarebbe nata santa; varie volte si è espresso con forza e insistenza contro il titolo di “Corredentice” e contro al realtà stessa della Corredenzione. Già l’anno scorso, nella ricorrenza dei Sette Dolori di Maria, aveva fatto dichiarazioni in tal senso. Oggi è tornato sul tema, quasi per “ben” celebrare il settenario in preparazione alla commemorazione quaresimale dell’Addolorata.
Infatti nella catechesi di questo mercoledì così si è espresso:
Cristo è il Mediatore, il ponte che attraversiamo per rivolgerci al Padre (cfr Catechismo della Chiesa Cattolica, 2674). È l’unico Redentore: non ci sono co-redentori con Cristo. È il Mediatore per eccellenza, è il Mediatore. Ogni preghiera che eleviamo a Dio è per Cristo, con Cristo e in Cristo e si realizza grazie alla sua intercessione. Lo Spirito Santo estende la mediazione di Cristo ad ogni tempo e ogni luogo: non c’è altro nome nel quale possiamo essere salvati (cfr At 4,12). Gesù Cristo: l’unico Mediatore tra Dio e gli uomini.
[…]
La Madonna che, come Madre alla quale Gesù ci ha affidati, avvolge tutti noi; ma come Madre, non come dea, non come corredentrice: come Madre. È vero che la pietà cristiana sempre le dà dei titoli belli, come un figlio alla mamma: quante cose belle dice un figlio alla mamma alla quale vuole bene! Ma stiamo attenti: le cose belle che la Chiesa e i Santi dicono di Maria nulla tolgono all’unicità redentrice di Cristo. Lui è l’unico Redentore. Sono espressioni d’amore come un figlio alla mamma – alcune volte esagerate.
Ricorre il solito formulario dei nemici della gloria mariana (discepoli del Nemico, cui Maria schiacciò la testa), dei nemici protestanti, dei nemici modernisti. Il formulario di coloro che durante l’ultimo tre volte nefastissimo Concilio mandarono a monte la dichiarazione di Maria Santissima “Mediatrice, Corredentrice e Avvocata”; il formulario di un padre Cantalamessa, assunto da papa Francesco fra i cardinali di Santa Romana Chiesa, fustigatore della (secondo lui) l’eccessiva devozione cattolica per la Vergine Santissima, vera ragione (sempre secondo lui) della non accettazione di Maria da parte dei “suoi” fratelli protestanti (vedi qui).
Ci chiediamo che senso abbia pregare in mondo visione la Salus Populi Romani se poi si impugnano, con una facilità che avrebbe fatto traballare un Lutero e un Calvino, i privilegi che la Trinità Le ha dato ab aeterno; se si nega la realtà della dignità della Madre di Dio, compaziente col Figlio durante l’atrocissima sua Passione; se si sviliscono a esagerazioni, belle e amorose ma pur sempre vane parole, i titoli eccelsi di colei che sola, per divina volontà, lambisce i limiti della divinità.
Radio Spada da parte sua rinnova la sua consacrazione a Maria, Madre di Dio, Corredentrice del genere umano e Mediatrice di tutte le Grazie, perché l’ha costituita la Santissima Trinità e tale l’hanno proclamata tanti Sommi Pontefici, eco fedelissima e infallibile della Tradizione Apostolica e dell’insegnamento dei Padri.

radiospada.org

__________________________________________________

“Assunta in cielo perché Corredentrice sulla terra” di Mons. Brunero Gherardini

Tra Gesù e Maria – mediazione in atto dell’incarnazione e quindi della redenzione – esiste un eterno consorzio già vaticinato nel protovangelo di Genesi. Quanto alla redenzione, “la Vergine non ha soltanto la lode di aver fornito la materia della Sua carne al Figlio unico di Dio che doveva nascere con membra umane e di aver così preparato una vittima per la salvezza degli uomini; Ella dovette anche custodirla, quella vittima, nutrirla e presentarla nel giorno stabilito all’altare” (San Pio X, Ad diem illum). Per cui, come insegnava già Leone XIII, “ella divenne consorte nella dolorosa espiazione del Cristo, a vantaggio del genere umano”. Le stesse cose le troviamo espresse nelle monumentali Munificentissimus Deus e Ad coeli Reginam di Pio XII, che riferendosi a Maria la chiama “Socia del Redentore” ossia Corredentrice del genere umano come la chiamò Pio XI. Per spiegare questa verità della nostra religione (per ora non ancora formalmente definita dogma di fede) lasciamo la parola al compianto Monsignor Brunero Gherardini (Prato, 10 febbraio 1925 – Roma, 22 settembre 2017), riprendendo un suo intervento dal titolo Assunta in cielo perché corredentrice sulla terra. Riflessione sul fondamento del dogma cattolico. tenuto nel contesto del Simposio Mariologico Internazionale organizzato nel 2010 dai Francescani dell’Immacolata.

“La Corredenzione … verrà definita – dice il compianto teologo e noi facciamo nostro questo pensiero – farà parte formalmente e dogmaticamente della fede cattolica. Però anche nel caso che ciò non avvenga mai – quod Deus avertat! – non potrà mai cessare di appartenere al patrimonio dottrinale della Chiesa”.

N.S.dellaGuardia
"Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me? Ecco, appena la voce del tuo saluto è giunta ai miei orecchi, il bambino ha esultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha …More
"Appena Elisabetta ebbe udito il saluto di Maria, il bambino le sussultò nel grembo. Elisabetta fu piena di Spirito Santo ed esclamò a gran voce: «Benedetta tu fra le donne e benedetto il frutto del tuo grembo! A che debbo che la madre del mio Signore venga a me? Ecco, appena la voce del tuo saluto è giunta ai miei orecchi, il bambino ha esultato di gioia nel mio grembo. E beata colei che ha creduto nell'adempimento delle parole del Signore».

Allora Maria disse:

«L'anima mia magnifica il Signore
e il mio spirito esulta in Dio, mio salvatore,
perché ha guardato l'umiltà della sua serva.
D'ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata.
Grandi cose ha fatto in me l'Onnipotente
e Santo è il suo nome..."


Elisabetta piena di Spirito Santo, disse duemila anni fa ciò che costui si impegna a negare e occultare, confondendo e turbando.

Quel bambino che riconobbe, ancora nel ventre, la Theotokos, era il "più grande fra i nati di donna", il più grande fra i profeti. Già da piccolo bimbo nella pancia era più sapiente di chi usurpa il trono di Pietro da 8 anni.
warrengrubert
Condivido in pieno.
Il falso che si è seduto sulla cattedra di Pietro, subdolo come un serpente, insinua nei cuori bestemmie ed eresie.
Christoforus78
La mancanza di una fede vera sta nella mancata comprensione del ruolo unico di Maria nella storia della redenzione. Se si nega il ruolo primario di Maria se nega lo stesso fondamento dell'azione salvifica che sta nel rinnovare la natura umana. Maria è creatura nuova, vaso di elezione, donna nuova da cui sola può nascere l'uomo nuovo: il Cristo capostipite della nuova umanità è primo dei viventi.
warrengrubert
Luca 2,34 Simeone li benedisse e parlò a Maria, sua madre: «Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione 35 perché siano svelati i pensieri di molti cuori. E anche a te una spada trafiggerà l'anima».
Quell'anche che Simeone rivolge a Santa Maria, incastonato nella sua profezia sulla missione del Messia, non è forse un associare la Madre al Figlio …More
Luca 2,34 Simeone li benedisse e parlò a Maria, sua madre: «Egli è qui per la rovina e la risurrezione di molti in Israele, segno di contraddizione 35 perché siano svelati i pensieri di molti cuori. E anche a te una spada trafiggerà l'anima».
Quell'anche che Simeone rivolge a Santa Maria, incastonato nella sua profezia sulla missione del Messia, non è forse un associare la Madre al Figlio nella missione redentiva del Cristo?

Povero bergoglio... chi non è figlio di Maria il diavolo se lo porta via!
Povero bergoglio... scredita Santa Maria ed esalta giuda iscariota... e finirà che all'inferno se lo porta!
N.S.dellaGuardia
Ottimo! Ma i "cattolici adulti" non hanno bisogno di tutto ciò, a loro basta il Dio che perdona tutto, e di cui presto si sbarazzeranno...