Trovano una statuina d’avorio del ‘300 nel terreno. Scavano. Portano alla luce pietre preziose e reliquiario in bronzo

Trovano una statuina d'avorio del '300 nel terreno. Scavano. Portano alla luce pietre preziose e reliquiario in bronzo

La Riforma cercò di sradicare ogni “superstizione” cattolica, inclusa la rimozione e la distruzione di tutti i tesori nella cattedrale. I risultati di questi scavi recenti suggeriscono che alcuni di questi tesori fossero nascosti nella cantina per salvarli dalla distruzione

Il 2 luglio 1517, giorno di San Swithun, l’ultimo vescovo cattolico di Stavanger, Hoskuld, entrò nella sagrestia nord della cattedrale con quattro uomini di fiducia. Voleva stilare un elenco di tutte le reliquie della cattedrale in presenza di testimoni, tra cui un reliquiario contenente un frammento dell’osso del braccio del santo patrono della città, San Swithun di Winchester. Il momento era molto difficile. Le proteste dei luterani, sarebbero giunte all’apposizione, di lì a qualche mesi dopo le 95 tesi di Wittenberg.

Qualcuno, allora, pensò di nascondere la reliquia del santo a cui era dedicata la chiesa.
Stavanger si trova in Norvegia. Oggi ha 241.990 abitanti èd nota come la capitale del petrolio della Norvegia e d’Europa. Ai tempi dell’episodio che narriamo la città viveva soprattutto grazie al commercio della lana, del pesce e del legname.

507 anni dopo, gli archeologi del Museo Archeologico dell’Università di Stavanger potrebbero aver trovato i resti del reliquiario nascosto nel terreno interno alla base della torre nord della cattedrale di Stavanger. Gli archeologi collegano questi ritrovamenti al reliquiario di San Swithun. Il reperto è costituito da un pannello di rame dorato di cinque per dieci centimetri, con piccoli fori per i chiodi lungo i bordi, indicando che era fissato a un oggetto di legno più grande.

Lo scavo del seminterrato della chiesa è stato avviato in seguito alla scoperta accidentale di una statuina in avorio di 700 anni raffigurante Melchiorre, uno dei Re Magi, inginocchiato davanti al Cristo Bambino. Successivamente, è stato rinvenuto anche un avorio della Vergine Maria. Entrambe le statuine facevano parte di due diverse pale d’altare.

Dopo il ritrovamento delle statuine in avorio, sono stati scoperti molti altri oggetti preziosi: frammenti dorati di oggetti liturgici, centinaia di pezzi di antiche vetrate, una camera sepolcrale probabilmente appartenente a un vescovo, una fascia d’oro intrecciata proveniente dai paramenti di un alto funzionario della chiesa, il sigillo papale di Bonifacio VIII (r. 1294–1303) e un accessorio in metallo smaltato con un’intricata decorazione geometrica. Lo scavo ha inoltre portato alla luce 160 monete e bratteate, insieme a 60 frammenti di monete e bratteate, costituendo la più grande scoperta di monete medievali mai avvenuta a Stavanger. Sono stati trovati anche oggetti di uso quotidiano, come un cucchiaio e un cucchiaio per le orecchie.

Associato a questo pannello, gli archeologi hanno recuperato anche un medaglione d’argento dorato, decorato con un motivo animale e con fori per chiodi simili, e diversi ornamenti decorativi in vetro. “Siamo rimasti molto sorpresi quando abbiamo effettuato un esame ai raggi X della lastra di rame. L’immagine rivela chiaramente un edificio ecclesiastico con torre e tetto, colonne e finestre”, dice la conservatrice Bettina Ebert. Secondo gli archeologi tutti questi reperti potrebbero appartenere al reliquiario di San Swithun.

Lo scavo è stato effettuato da un gruppo di ricerca del Museo di Archeologia, guidato da Sean Denham, insieme alle ricercatrici Margareth Hana Buer e Bettina Ebert.
“Per la chiesa e la città, questa scoperta è una sensazione”, dice Denham. Secondo fonti storiche, il primo vescovo di Stavanger, l’inglese Reinald, portò con sé l’osso del braccio di San Swithun, forse già nel 1112. La cattedrale fu dedicata a San Swithun quando fu completata intorno al 1125.
La reliquia venne poi deposta sull’altare maggiore. “L’osso del braccio di San Swithun era prezioso e sarebbe stato accuratamente avvolto in un bellissimo tessuto e poi collocato in uno scrigno d’oro con pietre preziose dai bellissimi colori. C’erano diverse scatole per reliquiari simili, a forma di case, in Norvegia nel Medioevo, ma pochi si sono conservati”, spiega il ricercatore senior Buer.

La Riforma cercò di sradicare ogni “superstizione” cattolica, inclusa la rimozione e la distruzione di tutti i tesori nella cattedrale. I risultati di questi scavi recenti suggeriscono che alcuni di questi tesori fossero nascosti nella cantina per salvarli dalla distruzione.

La scoperta di una statuina in avorio di 700 anni di Melchiorre, uno dei tre saggi, nella cantina l’anno scorso, ha portato allo scavo della ricerca. Ciò ha portato a una serie di scoperte uniche che entusiasmano i ricercatori.
“In termini di quantità e significato, i reperti nel seminterrato hanno superato tutte le aspettative e riflettono più di 1.000 anni di storia di Stavanger. Dimostrano la ricchezza clericale della cattedrale e della città e il contatto con Roma in un modo mai visto prima nel materiale archeologico,” dice Denham.