Clicks1.7K

«L’ira di Dio è vicina?!»

Luciano Mirigliano
4
PUBBLICATO IL 13 MARZO 2019 LUISAPICCARRETA «Quello che devi fare fallo al più presto». (Gv 13,27) Ricordiamo che prima di dannarsi l’anima e finire all’inferno, il Signore aveva richiamato …More
PUBBLICATO IL 13 MARZO 2019 LUISAPICCARRETA

«Quello che devi fare fallo al più presto». (Gv 13,27)

Ricordiamo che prima di dannarsi l’anima e finire all’inferno, il Signore aveva richiamato con tanto amore Giuda alla sua vera misericordia, al pentimento ed alla conversione. Ma lui, ostinato com’era, anziché pentirsi la rifiutò con un atto di volontaria superbia, scegliendo in tal modo la giustizia divina piuttosto che l’amore misericordioso, poiché il demonio, dopo aver egli tradito e venduto il Maestro, ormai era entrato in lui a possederlo. Così insegna la vera dottrina, il Catechismo di Santa Romana Chiesa.

Annunzio del tradimento di Giuda:

Dette queste cose, Gesù si commosse profondamente e dichiarò: «In verità, in verità vi dico: uno di voi mi tradirà». I discepoli si guardarono gli uni gli altri, non sapendo di chi parlasse. Ora uno dei discepoli, quello che Gesù amava, si trovava a tavola al fianco di Gesù. Simon Pietro gli fece un cenno e gli disse: «Dì, chi è colui a cui si riferisce?». Ed egli reclinandosi così sul petto di Gesù, gli disse: «Signore, chi è?». Rispose allora Gesù: «E’ colui per il quale intingerò un boccone e glielo darò». E intinto il boccone, lo prese e lo diede a Giuda Iscariota, figlio di Simone. E allora, dopo quel boccone, satana entrò in lui. Gesù quindi gli disse: «Quello che devi fare fallo al più presto». (Gv 13,21-27)

«Difatti è impossibile all’uomo, se non è spirituale, giudicare e intendere secondo ragione le cose di Dio. Quando le giudica secondo i sensi, non è spirituale. Così, anche se queste vengono a lui comunicate attraverso i sensi, non le comprende. Lo afferma san Paolo quando dice: Animalis haute homo non percepiti ea quae sunt spiritus Dei; stultitia enim est illi, et non potest intelligere, quia de spiritualibus examinatur. Spiritualis autem iudicat omnia: L’uomo naturale non comprende le cose dello Spirito di Dio; esse sono follia per lui, e non è capace di intenderle, perché se ne può giudicare solo per mezzo dello Spirito. L’uomo spirituale, invece, giudica ogni cosa (1Cor 2,14-15). Per uomo naturale s’intende qui colui che adopera solo i sensi; l’uomo spirituale è, invece, colui che non si lega e non si lascia guidare dai sensi. È quindi temerario osar trattare con Dio attraverso le comunicazioni soprannaturali e permettere ai sensi la libertà di farlo.» (San Giovanni della Croce – Salita del Monte Carmelo)

+

Ecco il punto nodale di tutta la seguente disquisizione: Maria Santissima era una ragazza normale o piuttosto un prodigio divino, inaudito?

Tempo fa, uno dei due pontefici regnanti, ha parlato della figura della Madonna spiegando la preghiera dell’Ave Maria nel nuovo libro intervista con don Marco Pozza, cappellano del carcere di Padova.

Dal testo viene ripreso uno stralcio emblematico in cui Bergoglio la rappresenta così:

«Da quando è nata fino all’Annunciazione, al momento dell’incontro con l’angelo di Dio, me l’immagino come una ragazza normale, una ragazza di oggi, una ragazza non posso dire di città, perché Lei è di un paesino, ma normale, normale, educata normalmente, aperta a sposarsi, a fare una famiglia. Una cosa che immagino è che amasse le Scritture: conosceva le Scritture, aveva fatto la catechesi ma familiare, dal cuore. Poi, dopo il concepimento di Gesù, ancora una donna normale: Maria è la normalità, è una donna che qualsiasi donna di questo mondo può dire di poter imitare. Niente cose strane nella vita, una madre normale: anche nel suo matrimonio verginale, casto in quella cornice della verginità, Maria è stata normale. Lavorava, faceva la spesa, aiutava il Figlio, aiutava il marito: normale».

Maria è la normalità?

Questo è un semplice capovolgimento dei valori cattolici. Vale a dire una: catastrofe.

Maria, la Madre di Dio è stata davvero una ragazza normale, di oggi, una donna qualsiasi di questo mondo? Una madre qualunque o una casalinga come tutte le altre? Come si può arrivare a tanto, a ridurla, presentarla in questi termini? A maggior ragione poi quando ad operare questa impropria equazione è un “pontefice”. Di quale altra donna al mondo si dice essere: Sede della Sapienza, Causa della nostra letizia, Tempio dello Spirito Santo, Tabernacolo dell’eterna gloria, o Dimora tutta consacrata a Dio, ecc. ecc. (v. Litanie Lauretane)? Di quale altra creatura si narra che “tutte le generazioni mi chiameranno beata”?

Sì, o Madre bella, del bell’amore! Tra le donne tu sei la Benedetta e la più alta in grado, poiché tutte le generazioni in te si rispecchieranno e ti chiameranno Beata. Puoi dunque essere Tu mai o Maria, una donna di oggi, moderna all’ultima moda, una donna “normale, normale”?

Il professor Enrico Medi, Servo di Dio, è arrivato addirittura ad affermare che Dio non ha colorato d’azzurro gli occhi di Maria a partire dal cielo, ma piuttosto il contrario, ossia il cielo è stato dipinto d’azzurro perché ha guardato gli occhi di Maria, in cui nuotava la marea dell’universo. Maria la magnifica*, fatta grande dal suo Creatore. Madre e Regina del Divin Volere.

E dunque in cosa consiste l’efficacia soprannaturale dell’Ave Maria se non in un incontro reale con una forza divina, dove veniamo messi a stretto contatto con una persona divina?! Entriamo indegnamente nello spazio sacro di Colei che è stata definita: Dio per grazia. Ecco chi è la piccola Maria di Nazareth. Sicché, non è affatto una donna normale, comune. Piuttosto un unicum assoluto nella mente di Dio e nella storia.

Quanti laici o sacerdoti che si dicono della Divina Volontà, a partire da Corato, hanno proferito parola, alzato la loro voce per difendere la gran Madre di Dio, la Regina del Divin Volere? Poiché è una enormità, uno scandalo di grosse dimensioni, come si può pensare di appartenerLe o parlare di Essa fuori dalla verità, esentandosi dal testimoniarla? Non si è credibili, forse preparati, bravi oratori, ma non “piccoli” testimoni dell’Evangelo. Ecco il punto. Stiamo attraversando tutti una grande prova. La prova di fedeltà alla Santa Madre del Redentore, la nostra vera Chiesa. Ma soprattutto la fedeltà a suo Figlio e N. S. Gesù Cristo. Al Divino Volere.

“Signora, volete avere la bontà di dirmi chi siete?” disse S. Bernardetta.

“Io sono l’Immacolata Concezione”, rispose la Beata Vergine Maria.

Era l’11 febbraio 1858. A Lourdes.


Dice Gerhard Cardinale Müller – Prefetto della Congregazione per la dottrina della fede dal 2012-2017 – nel manifesto della fede appena pubblicato:

«Non sia turbato il vostro cuore!» (Gv 14,1)

Dinanzi a una sempre più diffusa confusione nell’insegnamento della fede, molti vescovi, sacerdoti, religiosi e laici della Chiesa cattolica mi hanno invitato a dare pubblica testimonianza verso la Verità della rivelazione.

È compito proprio dei pastori guidare gli uomini loro affidati sulla via della salvezza, e ciò può avvenire solamente se tale via è conosciuta e se loro per primi la percorrono. […]

Oggi molti cristiani non conoscono più nemmeno i fondamenti della fede, con un pericolo crescente di non trovare più il cammino che porta alla vita eterna. […]

Secondo Giovanni Paolo II, il Catechismo della Chiesa Cattolica rappresenta una «norma sicura per l’insegnamento della fede» (Fidei Depositum IV). Esso è stato scritto allo scopo di rafforzare i fratelli e le sorelle nella fede, una fede messa duramente alla prova dalla «dittatura del relativismo». […]

Riconosciuto Gesù Cristo, i fantasmi scompaiono.

Egli è vero Dio e vero uomo, incarnato nel seno della Vergine Maria per opera dello Spirito Santo. Il Verbo fatto carne, il Figlio di Dio è l’unico Salvatore del mondo (679) e l’unico mediatore tra Dio e gli uomini (846).

Per questo, la prima lettera di Giovanni si riferisce a colui che nega la sua divinità come all’anticristo (1Gv 2,22), poiché Gesù Cristo, Figlio di Dio, dall’eternità è un unico essere con Dio, suo Padre (663).

È con chiara determinazione che occorre affrontare la ricomparsa di antiche eresie che in Gesù Cristo vedevano solo una brava persona, un fratello e un amico, un profeta e un esempio di vita morale.

Egli è prima di tutto la Parola che era con Dio ed è Dio, il Figlio del Padre, che ha preso la nostra natura umana per redimerci e che verrà a giudicare i vivi e i morti.

Lui solo adoriamo in unità con il Padre e lo Spirito Santo come unico e vero Dio (691).

————————————————–

Nella sua esortazione apostolica Amoris Laetitia, Papa Francesco ha scritto “nessuno può essere condannato per sempre, perché questa non è la logica del Vangelo” e nelle www.repubblica.it/…/quel_che_france… è arrivato a suggerire che coloro che non vogliono alcuna parte di Dio sono annientati piuttosto che in inferno.

Citando il Catechismo della Chiesa Cattolica, il Cardinale Müller attesta: “Chi muore in peccato mortale senza pentimento sarà per sempre separato da Dio (CCC 1033).” Il Manifesto dice: “L’eternità della punizione dell’inferno è una realtà terribile, che – secondo la testimonianza della Sacra Scrittura – attira tutti coloro che “muoiono nello stato di peccato mortale” (CCC 1035). “

“Mantenere il silenzio su queste e altre verità della Fede e insegnare alla gente di conseguenza è il più grande inganno contro il quale il Catechismo vigila vigorosamente”, dice il Cardinale. “Rappresenta l’ultima prova della Chiesa e conduce l’uomo ad un’illusione religiosa, ‘il prezzo della sua apostasia’ (CCC 675); è la frode dell’Anticristo. “


L’ultima di Bergoglio: “Sono la Madonna e San Giuseppe!…non pensiamo che per loro sia stato facile: santi non si nasce, si diventa, e questo vale anche per loro“. Spiegategli cosa significa il dogma dell’Immacolata Concezione. La Madonna è, fin dal concepimento, la tutta santa. Almeno le basi del mestiere!!!…” (Antonio Socci)

Dice il profeta Isaia al cap. 5,20-21: Guai a coloro che chiamano bene il male e male il bene,
che cambiano le tenebre in luce e la luce in tenebre ..


www.luisapiccarreta.net/…/maria-santissim…
Tempi di Maria
@Luciano Mirigliano Ottimo lavoro. Grazie
vincenzo angelo
Per me non e' questo il punto.Bergoglio sa bene chi e' la Madonna.Questo non significa ne' che ne parli come dovrebbe , ne' ,forse, che sia, o sia gia', in piena malafede.Semplificare troppo e dare giudizi con l'accetta e' controproducente,perche' diventa un'operazione grossolana e toglie credibilita' presso i dubbiosi.Per certi versi anche Gesu' era un uomo normale, pur essendo Dio.Il problema …More
Per me non e' questo il punto.Bergoglio sa bene chi e' la Madonna.Questo non significa ne' che ne parli come dovrebbe , ne' ,forse, che sia, o sia gia', in piena malafede.Semplificare troppo e dare giudizi con l'accetta e' controproducente,perche' diventa un'operazione grossolana e toglie credibilita' presso i dubbiosi.Per certi versi anche Gesu' era un uomo normale, pur essendo Dio.Il problema e' quando una sottile forma di superbia, da cui per me e' affetto Bergoglio insieme con i modernisti,porta a elaborare dei pensieri e delle idee che partono dalla verita' ma poi la deformano progressivamente.E' una dinamica tipica del peccato,e per quanto il peccatore si allontani dalla verita',se lo fa gradualmente non sarebbe recuperabile, se la Provvidenza non gli riservasse castighi e illuminazioni.Cio' che puo' risvegliarli sono i fatti, i frutti e i risultati,non le disquisizioni basate su due linguaggi diversi,anche se basate pure sulle Scritture.Se volete davvero fare disquisizioni serie,allora fatele come le facevano ai tempi di s.Tommso d'Aquino,e non in questo modo velleitario e superficiale come a volte le fa Socci.Altra cosa l'intuizione che ebbero Palmaro e Gnocchi quando scrissero il famoso articolo sul nuovo Papa.In quell'articolo si sente il vero spirito di poverta',che nasce dalla contemplazione,e quindi dalla generosita' e dal coraggio,dallo slancio della Fede.Anche se poi Gnocchi mi sembra si sia spostato su posizioni lefebvriane :ma oggi credo che anche Roncalli sarebbe su posizioni lefebvriane,nonostante le leggende che lo hanno dipinto per quel,che non era e nonostante gli sbagli che pure fece.
sudetus
il falso Papa
ľubica
?????????????????????????????????????????????