Clicks813
it.news
2

Dublino: Santa Comunione no, ciambelle sì

L'arcivescovo di Dublino (Irlanda) Dermot Farrell ha ordinato ai preti e alle parrocchie con un comunicato del 5 marzo di "non soccombere alle richieste di distribuire la Comunione prima o dopo la Messa, dentro o fuori le chiese".

Il battesimo può essere celebrato solo in caso di pericolo di vita. Non un solo caso di Covid-19 in Irlanda è stato collegato alle chiese, scrive CatholicArena.com.

Le cliniche per gli aborti rimangono aperte, le pasticcerie sono piene di clienti voraci, nelle moschee si radunano centinaia di persone ogni venerdì per la preghiera e nessuno dice nulla.

Foto: © Mazur, CC BY-NC-ND, #newsWjshauhphg

Christoforus78
Ormai le principali sedi cattoliche sono saldamente in mano a massoni anti cattolici. Poveri pastori servi di satana che pensano di disporre della chiesa di Cristo secondo il proprio arbitrio.
N.S.dellaGuardia
I paesi storicamente cattolici devono scomparire, o meglio essere sostituiti da qualcos'altro.
È successo a Olanda, Belgio, Francia, ora Spagna e Irlanda.
Noi siamo ben piazzati, il grande attacco è verso la Polonia.
Naturalmente lasciamo perdere la Germania, a se stante...