Grecia, la spada nel monastero

grecia-la-spada-nel-monastero.html
sabato 11 giugno 2022

Grecia, la sciabola medioevale risalente ad un'incursione
turca in un monastero durante il XIV secolo
(Foto: E. Maniotisi e T. Dogas)


Una sciabola medioevale arrugginita è stata disotterrata all'interno di un monastero fortificato cristiano nel nord della Grecia. Forse si tratta di un'arma che i pirati turchi o i difensori del monastero utilizzarono durante gli scontri che ebbero luogo nel XIV secolo.
Lo stile dell'arma è insolito, anche se spade curve vennero utilizzate sia dai turchi che dai bizantini proprio nel periodo al quale risale la spada in questione.

Il monastero in cui è stato rinvenuto è chiamato Monastero di Agios Nikolaos di Chrysokamaros, in onore di un santo locale. Le rovine si trovano sulla costa al centro della penisola Calcidica, a circa 64 chilometri a sudest della città di Salonicco, sulla costa nordoccidentale del Mar Egeo.

I documenti storici menzionano l'esistenza di un monastero, sul sito, almeno a partire dell'XI secolo, anche se non è noto se fosse un monastero indipendente o un metochi, vale a dire una sorta di dipendenza del monastero del Monte Athos.

Gli scavi di quest'anno hanno permesso di capire che il monastero era circondato da un robusto muro fatto di rocce di granito di spessore compreso tra gli 1,7 e i due metri.

Monasteri del genere erano spesso utilizzati come rifugio per la popolazione locale durante gli attacchi dei pirati. Probabilmente questi centri ecclesiastici avevano ricchezze proprie, costituite essenzialmente da oggetti religiosi in oro, e scorte di grano.

Gli archeologi hanno trovano semi di grano nei livelli inferiori di una delle torri del monastero, ad indicare che la torre poteva essere stata utilizzata per la conservazione degli alimenti. La torre misura attualmente 5 metri di altezza, ma è stato appurato che un tempo era molto più alta.

Vi sono tracce, sui resti, di un grave incendio che la danneggiò. Non lontano dalla torre sono state scoperte armi quali asce, punte di frecce e la spada in questione.

Gli archeologi hanno trovato un gran numero di vasi di ceramica smaltata, principalmente appartenente al XIV secolo. I ricercatori ritengono che la distruzione del monastero sia avvenuta molto probabilmente nella seconda metà del XIV secolo e l'inizio del XV secolo.

Gli archeologi devono ancora sapere se la spada sia stata utilizzata dai turchi o dai bizantini. In un manoscritto selgiuchide del XIII secolo, ora conservato nel Museo del Palazzo Topkapi di Istanbul, è raffigurata proprio una sciabola. Ma anche le icone dei santi bizantini del XIII secolo li raffiguravano n compagnia di spade ricurve ed è noto che i soldati bizantini usavano le spade già nel VI secolo d.C.

La lama della spada rinvenuta nel monastero è lunga 45 centimetri ma l'arma non è in buone condizioni.

Fonte:
livescience.com