Clicks810

Mons. Lorefice ha effettuato una correzione modernista alle parole della Madonna

Lo scorso sabato 4 aprile l'Arcivescovo- Metropolita di Palermo e Primate della Sicilia Mons.Corrado Lorefice si è recato nel Santuario Diocesano Mariano di Altavilla Milicia per pregare il Santo Rosario e l’Angelus come atto di affidamento della sua Arcidiocesi e del mondo intero all’intercessione della Beata Vergine Maria in questo straziante momento funestato dalla pandemia del coronavirus che sta seminando tanti lutti in Italia e nel mondo.
Il Prelato ha stupito tutti, dagli ignari responsabili

del Santuario ai fedeli collegati streaming perchè, come si può ascoltare nei due video allegati, ha recitato alla fine di ogni decina la famosa giaculatoria che la Madonna insegnò ai tre pastorelli durante le apparizioni a Fátima nel 1917 ma al modo della "scuola di Bologna"... correggendo cioè con la penna rossa il «preservaci dal fuoco dell'inferno»
I devotissimi fedeli palermitani, Città che nella sua nobile storia si è sempre distinta per la devozione mariana, grazie alla cui intercessione l'Isola fu liberata dalla pesante e crudele occupazione islamica , hanno ascoltato il loro Arcivescovo-Primate dire così: " Gesù mio perdona le nostre colpe preservaci dell'ESILIO ETERNO porta in cielo tutte le anime specialmente le più bisognose della Tua misericordia e donaci santi sacerdoti e ferventi religiosi."

E voilà! Anche la Madonna Santissima è stata "corretta": le "fiamme dell'inferno" ( espressione presente anche nelle altre quattro preghiere collegate alle apparizioni di Fatima) sono troppo antiquate per gli intellettualoni della "scuola bolognese" ma... nessun problema: le FIAMME DELL'INFERNO sono state cambiate in ESILIO ETERNO ! ( tanto la "rima" è salva e il popolo potrà facilmente imparare la nuova formula...)
Ecco la versione originale in lingua portoghese della preghiera : «Ó meu Jesus, perdoai-nos e livrai-nos do fogo do inferno, levai as almas todas para o Céu, e socorrei principalmente as que mais precisarem."» ( QUI )
L'orgogliosa tracotanza degli esponenti della cosiddetta "scuola di Bologna" non si è fermata neppure davanti l'immane tragedia della pandemia del coronavirus ed il loro superbo "ego" non si è mosso a pietà neppure nei confronti del popolo che soffre!
"Ad perpetuam rei memoriam" nell'Anno del Signore 2020 in occasione delle pubbliche preghiere di riparazione e di supplica alla Madonna Santissima per la cessazione della pandemia del coronavirus che sta provocando tante vittime innocenti e tanto dolore nelle famiglie e nella società.
Così sia!
AC

blog.messainlatino.it


Video del S.Rosario trasmesso dal Santuario della Madonna della Milicia

...................................................................................................

Video con il particolare della preghiera di Fatima con la modifica modernista di mons. Lorefice

gumanita
preservaci dall'esilio eterno significa: non c'è vita dopo la morte e meglio così.
Francesco Federico
@Il presagio
@nolimetangere
Non dimentichiamo che Lorefice è colui che ha scomunicato don Munutella!
nolimetangere
E non solo per questo lo si ricorda.......
Il presagio
Ma l'inferno non esiste. Le anime si dissolvono.
nolimetangere
Grazie @Il presagio.
Ho riso di cuore.
I famosi 21 grammi peso dell'anima si dissolvono secondo lui.
Stesse attento che la gretina verde non vuole che si inquini.. Con tutte quelle dannate ...
Il presagio
Siamo noi che ci stanchiamo di chiedere perdono a Dio. Lui perdona tutto. E poi i peccati non sono tutti uguali.
I peccati più gravi sono l'arroganza e l'orgoglio.
La lussuria e la gola no.
Aracoeli
Forse lui spera che si tratti solo di un esilio, poveretto.
nolimetangere
Esilio eterno... E dove si viene esiliati? All'isola di Sant'Elena? Ci sono Napoleoni qui?
Esilio eterno, che sia eterno non ci piove, ma non esilio bensì giusto destino che agte de i rinnegati e i peccatori impenitenti.
Castigo nelle fiamme dell' inferno. Teme la parola inferno per quel che ricorda?
Diciamo Geenna allora.