it.news
12577

Burke: vescovi tedeschi creano nuova confessione

Nel periodo in cui il cardinale Raymond Burke ha sofferto di grave infezione da Covid, i medici sono stati "eccellenti, ma si erano arresi".

Burke ha detto a CatholicAction.org (11 maggio) di aver sentito un cambiamento "nel momento più critico" per le preghiere dei fedeli. L'energia non gli è tornata del tutto e gli servirà una convalescenza di un anno per un recupero totale ai polmoni.

Per Burke, il Sinodo in Germania cerca di dare una sistemata all'insegnamento della Chiesa per una visione del mondo senza Dio: "Ciò che dicono è eretico". L'insegnamento tedesco sugli atti omosessuali è opposto alla Bibbia e alla Fede Cattolica, sostiene Burke.

I vescovi tedeschi stanno incoraggiando i fedeli ad abbandonare la Verità. Burke dice a Francesco di chiamarli a "rinunciare alle eresie" e di sanzionarli se si rifiutano, "così che i fedeli sappiano che quei vescovi non li guidano alla Fede Cattolica, ma a un qualche insegnamento diverso".

Burke vede in Germania una replica di Martin Lutero che creerà un'altra confessione che sostituirà la Fede Cattolica e avverte che mai prima c'è stata tanta confusione nella Chiesa. Questa confusione è causata da chi è chiamato a insegnare la Fede e dai pastori del gregge.

#newsHffxftrkwg

DiscepoloGAU
Dove c'è confusione, c'è il diavolo.
lamprotes
Dove c'è confusione, c'è Bergoglio.
Fernanda Dellucci shares this
366
Giosuè
Dai loro frutti li conoscerete, diceva Gesù riguardo ai falsi profeti. Un percorso è già segnato da tempo e mira all'Unione con gli eretici protestanti non nella verità, ma nel caos della dottrina. A questo link i motivi di questo dialogo ecumenico e i contenuti in poche pagine. Vedi:
ecumenismofalso.blogspot.com
Walter
Giosuè dove predichi??? Non vedi che gentaglia frequenta questa pagina??? Tempo perso... fa bene Bergoglio
Giosuè
@Walter
La fede senza le opere non produce nulla. Come afferma Giacomo nella sua lettera del Nuovo Testamento. Proprio perché è fede se produce un'opera di orientamento morale ed etico, comprova il valore spirituale di quella fede. Se non produce nulla a livello morale, e non incide sul comportamento del uomo non è fede, ma spiritualismo, parole vuote a un dio che è il proprio orgoglio. I primi …More
@Walter
La fede senza le opere non produce nulla. Come afferma Giacomo nella sua lettera del Nuovo Testamento. Proprio perché è fede se produce un'opera di orientamento morale ed etico, comprova il valore spirituale di quella fede. Se non produce nulla a livello morale, e non incide sul comportamento del uomo non è fede, ma spiritualismo, parole vuote a un dio che è il proprio orgoglio. I primi dei dieci comandamenti sono azioni di amore verso Dio, gli altri verso il prossimo. Perciò la mia opera, la mia sollecitudine è di carattere morale. S.Paolo nelle sue lettere aveva questa sollecitudine. Non che io voglia paragonarmi a S.Paolo. Dio me ne scampi. Lui era direttamente ispirato dallo Spirito Santo e aveva i segni delle stimmate della passione. Lo dice Lui stesso. Io sono molto lontano da Lui. Non ho la sua grazia. Ho dei talenti, che sono sempre grazia di Dio e cerco di trafficarli per la vigna del Signore e sento una forza interiore che mi obbliga a farlo. Mosè portò fuori dal Egitto il popolo di Dio. E io non dovrei portare il popolo di Dio fuori dalle nuove schiavitù dei nuovi potenti della terra? Ognuno contribuisce nella vigna del Signore per i talenti che Dio gli ha donato. A chi Dio ha donato molto, molto sarà chiesto in cambio. Se io mi prodigo su molti fronti spirituale, pedagogico, morale, etico, psicologico è perché ne ho i titoli. Se lo faccio è anche perché ho anche molti peccati da farmi perdonare, e credo che una delle grandi opere di misericordia sia consigliare i dubbiosi, i quali necessitano di molta carità. Anche perché vi sono molti ciechi che pretendono di vedere attorno al mondo di tenebra in cui sono immersi spiritualmente. Infine, non entriamo nel pericoloso circuito dell'invidia spirituale, un peccato molto grande, che ci può far deviare pericolosamente dal cammino di fede intrapreso e può sfociare in passioni e peccati molto gravi, al punto di perdere la fede stessa.