Clicks14
Fatima.

MEDJUGORJE : Intervista a Monsignor Hoser realizzata dalla giornalista polacca Alina Petrowa – Wasilewicz

⭐⭐

"Qui le meraviglie straordinarie non vengono offerte alle persone. Si recita il rosario insieme, si celebra l’Eucaristia, cioè si offre il pane quotidiano che la Chiesa da secoli dà alle persone. Dopo l’Eucaristia c’è una preghiera per la guarigione, ma è una preghiera ordinaria – afferma l’Arcivescovo Henryk Hoser, Visitatore Apostolico a Medjugorje

Monsignor Hoser lei è stato mandato come Visitatore Apostolico di carattere speciale, cioè inviato speciale del Santo Padre a Medjugorje. Come è iniziata questa avventura?

Nel 2017 la Santa Sede mi ha chiesto di indagare su quanto stava accadendo a Medjugorje. Sono venuto qui a cavallo tra marzo e aprile, ho scritto una relazione introduttiva a maggio e il testo completo in autunno. Pesava cinque chili con aggiunte e allegati. Presto sono stato convocato in Vaticano, ho parlato con il cardinale Pietro Parolin, segretario di stato della Santa Sede, e mi ha fatto un’offerta che non potevo rifiutare …

Quindi lei è ambasciatore speciale del Santo Padre …

Sì, e non dovrei fare solo ricerca, ma anche capire la situazione e sviluppare questo luogo da una prospettiva pastorale. Questo è un grosso problema e un compito, mi sono state date istruzioni scritte su quattro pagine in A4.

Cosa sta realmente accadendo a Medjugorje? Tre anni sono sufficienti per conoscere in dettaglio il fenomeno di questo luogo.

Arrivano pellegrini da tutto il mondo, vengono molti polacchi. Ci sono circa due milioni di pellegrini ogni anno. I confessori dicono che quasi tutti coloro che si confessano dopo tanto tempo hanno una conversione radicale. Arriva, per esempio, un pellegrino di sessant’anni, la cui confessione risale alla Prima Comunione, con tutta la vita fuori dalla Chiesa e con un destino contorto. E queste confessioni sono molto estenuanti. Recentemente mi hanno segnalato che ci sono sempre più problemi bioetici nella vita delle persone. Fanno scelte di cui in seguito si pentono e alla fine non sanno come uscirne …

I sacerdoti devono essere educati in modo che sappiano cosa dire a queste persone. Supponiamo che una donna entri, dica di aver avuto una fecondazione in vitro, che abbia abortito più volte dopo queste fecondazioni, che ci siano ancora 6-9 embrioni nel laboratorio che hanno creato. Questi sono problemi, bisogna sapere cosa consigliare a questi penitenti. E questo sta diventando sempre più frequente, perché le tecniche di fecondazione in vitro sono già utilizzate ovunque. E le persone che vi hanno partecipato scoprono in seguito che non era la strada giusta.

E ancora vi sono molte persone che si confessano e hanno problemi di droga, alcool e attività legate alla criminalità. Non arrivano solo chierichetti o cantanti di chiesa.

Medjugorje sembra essere la capitale mondiale dei figli prodighi. Ma intendo anche i giovani, ad esempio gli inglesi con tre o quattro figli che vengono qui …

E qui scoprono una spiritualità che non trovano nelle loro realtà. Qui si confessano, cosa che non riescono a fare nelle loro Chiese perché in Occidente i sacerdoti hanno smesso di confessare. E lo dico con tutta la responsabilità dato che ho lavorato sette anni a Parigi e tre anni a Bruxelles. I sacerdoti non confessano più i fedeli perché credono che la confessione sia “colpevolezza”, cioè alle persone viene detto che sono colpevoli. E questo è un male per il loro benessere, dovrebbero andare da uno psichiatra, quindi essere trattati in modo che non si sentano in colpa. E qui a Medjugorje le persone riconoscono che non tutto nella loro vita è andato bene, chiedono perdono e scoprono la spiritualità. È molto semplice e allo stesso tempo, grazie ad esso, accadono grandi cose, avvengono conversioni spettacolari. Una volta che stavo attraversando il cortile davanti alla chiesa, mi si avvicina un prete, quarantenne forse quarantacinque. DALL’AUSTRALIA. E dice che qui si è convertito. “Ero un alcolizzato e un tossicodipendente. Sono venuto qui e qui sono stato guarito. E ora sono un prete felice e lavoro a casa “. E abbiamo molti di questi casi, il che significa che c’è una grazia straordinaria che lavora qui. Perché non è umano – trasformare le persone in quel modo.

Anche persone dello spettacolo, celebrità … Quando abbiamo tenuto il Festival della Gioventù alcuni anni fa a luglio, una croata, Blanka Vlasić, alta 193 cm, campionessa mondiale di salto in alto, è arrivata da Spalato. E ho visto come, da atleta, si è convertita qui e ha riacquistato il senso della vita, dell’azione e della preghiera. Ne ha parlato davanti a migliaia di persone e ha fatto una grande impressione.

Non ci sono “partenze” emotive, né stranezze, basta ascoltare l’appello della Gospa ai veggenti: torna al pane che hai buttato via. Puoi dirlo?

Sì. Qui le persone scoprono un’adorazione che nemmeno loro conoscevano. Dopotutto, quante volte adorano per un’ora, le persone si siedono, nessuno se ne va, c’è silenzio completo. Quando finisce, la gente applaude. Agli italiani piace applaudire e qui tutti applaudono. Dopo l’adorazione della croce, la gente applaude. E queste sono le cose che mancano agli occidentali. Le nostre chiese sono spesso un deserto spirituale, soprattutto in Occidente. C’è sociologia lì. E lo psicologismo.

Qual è il futuro di una simile Chiesa?

Ci saranno ciuffi d’erba. Perché al momento l’ultima generazione di preti che lavora lì sta morendo in Occidente. Ecco perché non vedo prospettive. Sì, ci sono élite, ci sono comunità zelanti, ma queste sono frazioni. La Francia è un paese speciale sotto questo aspetto. Ma in Germania si sta sviluppando il movimento di Medjugorje, in Spagna, estremamente secolarizzata, e in Portogallo, anch’essa molto secolarizzata. E stanno iniziando a riprendersi, ma allo stesso tempo abbiamo un incredibile afflusso di Islam.

Quale è la sua esperienza con i veggenti?

Sono degli adulti. Hanno creato famiglie, hanno figli, alcuni di loro hanno nipoti. Prima di tutto, sono persone normali. Non ho mai avuto la sensazione che fossero mentalmente disturbati, con sintomi psicotici o nevrotici. Queste persone camminano per terra, hanno le proprie responsabilità – famiglia, lavoro e altro, e parlano in un modo del tutto non esaltato. Ma parlano con una tale sicurezza che è difficile negare la loro esperienza. La prima volta che ho parlato con loro, uno di loro ha gridato e ha detto che erano passati trentasette anni dalle apparizioni sul Podbrdo nel 1981, “e continuano ad accusarci di essere truffatori, di essere manipolatori”.

Il culto mariano qui è cristocentrico, Maria si riferisce sempre a Gesù, come lo era a Cana in Galilea.

Ci sono varie questioni da risolvere a Medjugorje e sono le infrastrutture. Sono troppo modeste per il numero di pellegrini, la Chiesa di San Giacomo è troppo piccola. Troppo piccola in estate e in inverno. E le strutture di ritiro e catechesi sono molto deboli, molto povere. Mi occupo di questo tipo di questioni. La Liturgia è appropriata e corretta, a parte alcuni piccoli dettagli. Ciò che mi rende felice è il fatto che, come Luigi Maria Grignon de Montfort, il culto mariano locale è cristocentrico. Maria si riferisce sempre a Gesù, come era a Cana in Galilea. E così è qui: al centro c’è la Parola di Dio, c’è l’Eucaristia, c’è la Via Crucis, il rosario, ci sono i misteri di Gesù Cristo e la Madre di Dio. E questo attrae le persone.

La posizione della Chiesa, nei confronti delle apparizioni, sembra scettica. Che cosa ci può dire al riguardo?

Nel valutare le apparizioni, è importante conoscerne il contenuto. Questo è stato esaminato da una commissione speciale presieduta dal cardinale Camillo Ruini, nominato da Benedetto XVI. Si è conclusa nel 2014 e sono stati presentati tutti i documenti. La relazione è molto dettagliata, i membri sono anche venuti qui per la ricerca. Molte équipe mediche hanno visitato i veggenti anche durante le apparizioni e non hanno riscontrato patologie.

Alina Midro, membro dell’Equipe di bioetica della Conferenza episcopale polacca, ha un’amica qui a Mostar, una professoressa di medicina. E ha detto che una volta hanno portato questi giovani all’ospedale di Mostar per gli esami e non hanno trovato alcuna patologia, né fisica né psicologica. Ed è stato durante i tempi del comunismo. E qui il comunismo era molto duro, molto più che in Polonia.

Questa professoressa di Mostar era atea, sebbene fosse battezzata, apparteneva alla gioventù comunista, era un’attivista. E per curiosità, è venuta a Medjugorje durante le apparizioni sul Podbrdo, e c’era Vicka, una delle veggenti. E lei chiese a Vicka se poteva avvicinarsi all’apparizione. Così Vicka lo chiese alla Madonna e la Madonna rispose che la professoressa poteva avvicinarsi. Poi la professoressa ha chiesto se poteva toccare la Madonna e la risposta fu affermativa. Lei allungò le braccia, non sentì alcun corpo, ma si sentì come se fosse cambiata completamente. Da quel momento in poi divenne credente. Ho sentito questo racconto a Białystok, durante un seminario di bioetica con la partecipazione di un professore di Mostar.

Qualche anno fa è stato realizzato un documentario polacco di Leszek Dokowicz e Maciej Bodasiński. L’ultima sfida. Il film si conclude con una scena in cui Vicka durante la Santa Messa legge un estratto dall’Apocalisse di San Giovanni. C’è una forte allusione che si tratti della fine dei tempi, e il film parla dei dieci segreti che la Madonna ha dato a Mirjana. Lei cosa ne pensa?

Le apparizioni mariane del XX secolo sono apocalittiche. Questa è Fatima e Kibeho in Ruanda. In entrambi i casi, c’era una visione dell’inferno. Anche in Ruanda i bambini hanno visto l’inferno. Questa è una specie di campanello d’allarme sulle pessime condizioni dell’umanità. Quanto all’Apocalisse, non è che si realizzerà solo alla fine del mondo, perché si sta già realizzando in vari episodi. Il 20 ° secolo, due guerre mondiali, sono state esperienze apocalittiche, milioni di persone innocenti sono morte, inauditi crimini. Succede e continua. Vedo queste rivelazioni da una prospettiva escatologica. La Madonna ci chiama prima di tutto alla conversione a Dio. Al momento, la situazione nel mondo sta peggiorando. La terza guerra mondiale non è ancora arrivata, perché non paga nessuno, perché non ci saranno vincitori, saranno sconfitti da soli, ci sarà un deserto. Le potenze non vogliono usare armi nucleari, ma stanno ricominciando a pensarci. E quindi la situazione è in bilico.

E anche la decadenza, il degrado dei rapporti umani, sta peggiorando. Ad esempio, i matrimoni che stanno cadendo a pezzi. Dopo la fine del Festival della Gioventù, sono stata avvicinata da una ragazza spagnola sulla ventina di Barcellona. Ha parlato di una nuova categoria di giovani e di persone segnate a vita, stigmatizzate dal divorzio dei genitori. Li ferisce così profondamente e sconvolge la loro prospettiva nella vita così tanto che non sono più in grado di creare famiglie permanenti perché non ci credono. E ha detto che era tempo che la Chiesa si prendesse cura di questi bambini, perché solo Dio poteva guarirli. Dio è padre, Maria è la Madre di Dio ed è la Madre, il nome più antico della Chiesa è Ecclesia Mater – Madre della Chiesa. Ma oggi abbiamo un’atmosfera simboleggiata dal film “Clergy”, che mostra che l’intera Chiesa è criminale, completamente degenerata e questa è l’immagine della Chiesa che svende e la gente ci crede. L’intera situazione sa di Apocalisse.

Ma la speranza non è da perdere. Dio è più grande, questo è il mio motto episcopale. Dio è più grande e può gestirlo. Stiamo aspettando l’iniziativa di Dio. Ora, varie profezie si stanno moltiplicando, si dice che siano numerose sui tre giorni di oscurità che avvolgeranno la terra. Santa Faustina ha avuto una tale rivelazione. Per noi credenti questo significa mobilitazione, non possiamo guardare il male in modo passivo, dobbiamo reagire".